Cerca e trova immobili

PEOPLEI 60 anni di Dan Brown

22.06.24 - 17:56
L'autore de "Il Codice Da Vinci" e "Angeli e Demoni" ha di recente fatto allusioni al personaggio di Robert Langdon. Un ritorno in vista?
Imago
Fonte ats
I 60 anni di Dan Brown
L'autore de "Il Codice Da Vinci" e "Angeli e Demoni" ha di recente fatto allusioni al personaggio di Robert Langdon. Un ritorno in vista?

Un compleanno importante affrontato in musica e il manoscritto del prossimo romanzo ancora nel cassetto. Dan Brown, autore di bestseller a sfondo erudito come "Il Codice da Vinci" e "Angeli e Demoni", celebra 60 anni il 22 giugno reduce da una performance sul palcoscenico di un teatro canadese con 140 ragazzini di meno di 14 anni dell'orchestra giovanile del New Brunswick mentre i suoi fan su Instagram stanno col fiato sospeso per le allusioni dello scrittore a una nuova avventura del suo eroe Robert Langdon.

Pochi lo sanno, ma prima di dedicarsi alla scrittura dei romanzi con al centro l'accademico di Harvard specializzato in numeri e simboli, Brown era determinato a diventare musicista e proprio a questo scopo, dopo aver finito gli studi all'Amherst College nel New England, si era trasferito a Los Angeles per inseguire il sogno di diventare cantautore. Figlio di un matematico e di una musicista cresciuto ascoltando musica anziché davanti alla televisione, Brown era riuscito a pubblicare due album, ma il progetto si era presto rivelato un flop. Il giovane futuro autore di bestseller aveva così rinunciato a una carriera nella musica, di recente però, nella pausa dopo l'ultimo romanzo "Origin" uscito nel 2017, era tornato al vecchio amore: il risultato nel 2020 è stato il libro per bambini Wild Symphony (La Sinfonia degli Animali), una serie di 22 sketch su animali diversi, ciascuno con un breve brano di musica classica abbinato, che i ragazzi del New Brunswick hanno portato sul palco alla presenza dell'autore.

Nel frattempo però i fan di Langdon fremono: è da sette anni che il loro scrittore preferito li sta lasciando a bocca asciutta. Parlando con i media canadesi alla vigilia delle performance musicali, lo scrittore ha promesso che il nuovo romanzo sarà imperniato sul professore di storia dell'arte a cui a Hollywood ha prestato il volto Tom Hanks, mentre su Instagram da settimane Brown ha alluso ripetutamente alle "ultime revisioni" del suo editor, l'amico Jason Kaufman con cui l'anno scorso ha fatto un "viaggio di studi" che lo ha portato, tra l'altro, al Parc Guell di Barcellona.

Nel 2006 poi, in un'altra intervista, lo scrittore aveva affermato di avere materiale per ben 12 romanzi della serie Langdon: ne resterebbero dunque altri nove, visto che nel frattempo Doubleday (in italiano editi da Rizzoli) ha dato alle stampe, oltre all'ultimo Origin ambientato a Bilbao, Barcellona e Madrid e imperniato sui misteri scientifici legati alle origini della Vita, "Il Simbolo Perduto" nel 2009 e "Inferno" nel 2013.

Con più di 200 milioni di copie vendute e libri pubblicati in 56 lingue del mondo, Dan Brown resta tra gli autori di thriller più popolari e di maggior successo del secolo. Tre romanzi ("Angeli e Demoni", "Il Codice da Vinci" e "Inferno" sono diventati film di Ron Howard) mentre sul "Simbolo Perduto" è stata ricavata una serie tv in onda nel 2021 su Sky.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE