Cerca e trova immobili

STATI UNITIParla il tassista di Harry e Meghan: «Non era come nei film»

18.05.23 - 09:03
Il tassista newyorchese ha raccontato una versione dei fatti ben diversa da quella proposta dai media americani
Reuters
Parla il tassista di Harry e Meghan: «Non era come nei film»
Il tassista newyorchese ha raccontato una versione dei fatti ben diversa da quella proposta dai media americani

NEW YORK - Il principe Harry e Meghan Markle avrebbero lasciato i riflettori del Ziegfeld Ballroom di Manhattan poco prima delle 22:00. Accompagnati dalla madre di Meghan, Doria Ragland, la coppia si sarebbe imbarcata in un taxi per tornare in albergo. Tuttavia, sarebbero stati inseguiti dai paparazzi, che avrebbero messo a rischio la loro sicurezza e causato diversi incidenti catastrofici con altri veicoli, pedoni e persino le forze dell'ordine. Ma secondo il loro tassista, Sukhcharn Singh, l'inseguimento non si è proprio svolto così. Lo riporta il Washington Post.

Secondo Singh, i quattro passeggeri - il principe Harry, Meghan, Doria Ragland e un membro della loro squadra di sicurezza - sono saliti a bordo intorno alle 23:00. Durante il tragitto, l'auto è stata momentaneamente seguita da due veicoli, un'elegante Honda Accord di colore nero e una vecchia Honda CR-V grigia.

Le celebrità si erano spostate dal luogo dell'evento alla stazione di polizia a bordo di un SUV. La mossa voleva essere un'abile tattica di distrazione, messa in atto per confondere e depistare i fotografi.

Nonostante l'inseguimento sia stato definito «implacabile» e durato «oltre due ore» da parte dei media americani, Singh ha detto al Washington Post che: «Personalmente, non considererei questo un vero inseguimento. Non ho mai avuto la sensazione di essere in pericolo. Non è stata un'epica scena di inseguimento come nei film. I paparazzi erano discreti e sembravano intimoriti, ma alla fine siamo comunque a New York, una città sicura», ha affermato.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

BlueShark 1 anno fa su tio
Poverini …..la razza non mente !

Andy 82 1 anno fa su tio
nel York una città sicura??? vabbè....

Gimmi 1 anno fa su tio
Tutto questo per non farsi fare delle foto?Da non credere!
NOTIZIE PIÙ LETTE