Immobili
Veicoli
Pupo: «E pensare che in Ucraina sono un criminale»
Pupo
+2
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
5 ore
Fedez, recupero record dopo il tumore: «Merito dell’amore»
L’artista è tornato ad allenarsi dopo soli due mesi dall’operazione
ITALIA / SVIZZERA
22 ore
«Neanche io all'inizio sapevo chi fosse l'assassino»
Joel Dicker ha presentato al Salone del Libro di Torino "Il caso Alaska Sanders"
FOTO
ITALIA
1 gior
«Finalmente abbiamo ricominciato a vivere»
Così Vasco Rossi all'indomani del concerto davanti a 120mila persone a Trento
STATI UNITI
1 gior
Margot Robbie nel prequel di "Ocean's Eleven"
Il film dovrebbe essere ambientato negli anni '60 e in Europa
REGNO UNITO
2 gior
Ed Sheeran è nuovamente papà
La secondogenita della popstar britannica è ancora una bambina
STREAMING E VIDEO
CANTONE
2 gior
Con "Stay" è iniziato il conto alla rovescia, per Alice Mondia
Nuovo singolo e videoclip per la cantante ticinese, che si prepara alla pubblicazione di "Shards of Glass"
FRANCIA
2 gior
Alessandro Borghi e Luca Marinelli, a Cannes l’inedita “uscita a quattro”
Fanno notizia i due riservatissimi attori in passerella con le rispettive partner  
ITALIA
3 gior
Marco Mengoni con le stampelle in tv: è giallo sull’infortunio
Il cantante si è esibito da seduto, poi non ha chiarito cosa gli sia accaduto
CANTONE
3 gior
Quella casa ad Ascona che accoglieva bambini in difficoltà e in fuga dalla guerra
La storia di Lilly Volkart raccontata da Mattia Bertoldi nel suo romanzo “Il coraggio di Lilly” da oggi nelle librerie
FOTO
FRANCIA
3 gior
Tutti pazzi per "Top Gun: Maverick"
È il grande giorno di Tom Cruise al Festival di Cannes
ITALIA
4 gior
Troppe stalker, Can Yaman costretto a cambiare casa
L’attore turco rimarrà a Roma: «La gente ha superato ogni limite»
STATI UNITI
4 gior
Quelli che si accapigliano per assistere al processo Depp-Heard
Lo sceriffo ha dovuto regolamentare l'attesa dei fan all'esterno del tribunale, e c'è anche del "bagarinaggio"
CANTONE
4 gior
La provocazione di "Shivers": un'arpa che canta come una voce
Continua il percorso di sperimentazione di Kety Fusco, con questo nuovo singolo pubblicato nei giorni scorsi
STREAMING E VIDEO
CANTONE / STATI UNITI
4 gior
Colpaccio Sebalter: una sua canzone nella serie più vista su Netflix
"Gente Simpatica" ha trovato spazio in uno degli episodi di "Avvocato di difesa", il musicista ci spiega com'è andata
ITALIA
4 gior
Fedez, gesti di pace con J-Ax e Rovazzi
L’artista sembra aver seppellito l’ascia di guerra con i suoi ex soci
SVIZZERA
4 gior
Dopo quasi 10 anni lunedì esce il seguito di “La verità sul caso Harry Quebert”
Il nuovo romanzo del ginevrino Harry Quebert si intitola “Il caso Alaska Sanders” e sarà in libreria il 23 maggio
ITALIA
5 gior
Sabrina Ferilli: «Fino a 26 anni non mi corteggiava nessuno»
L’attrice e sex symbol ha confessato in tv di aver sofferto per il suo aspetto fisico
ITALIA
5 gior
Ornella Muti: dopo quasi 30 anni torna l’amore con l’ex marito
L’attrice è stata paparazzata insieme a Federico Fachinetti, che lasciò nel ’96
CANTONE
5 gior
Shakry e quegli amori...che in realtà fanno male
La giovane cantautrice ticinese ha pubblicato il suo nuovo singolo "I Try Again"
ITALIA
5 gior
Maria Grazia Cucinotta: «A causa del mio seno dissi no a “L'avvocato del Diavolo”»
L’attrice ha svelato un inedito retroscena della sua carriera: «Era troppo grosso, avrei rovinato il film»
SVIZZERA
5 gior
Tampone positivo per Eric Clapton, saltano le date di Zurigo e Milano
I due concerti erano previsti domani (17 maggio) e dopo (18 maggio). Verranno recuperati «più in là quest'anno»
LUGANO
6 gior
Sortino ai confini del mondo
Il re del trash movie si lancia in un "Reality on the Road”. Partirà dal Ticino per arrivare a Finisterre.
ITALIA
6 gior
Jason Momoa si scusa per aver scattato alcune foto nella Cappella Sistina
«Se ti ho mancato di rispetto, mi scuso. Non era mia intenzione creare problemi»
STATI UNITI
1 sett
Netflix pensa alle dirette streaming
Reality show senza un vero copione, e spettacoli di comici live: queste le indiscrezioni
ITALIA
1 sett
«Dopo la vittoria all'Eurovision siamo pronti per combattere»
«La squalifica era un prezzo che non avrei esitato a pagare per far passare il mio messaggio» ha dichiarato il cantante
STATI UNITI
1 sett
Britney Spears: «Ho perso il bambino»
L'annuncio è arrivato nella notte, con un messaggio congiunto della coppia
FOTO
ITALIA
1 sett
Eurovision, trionfo dell'Ucraina
La Kalusch Orchestra si è imposta sospinta dal televoto. Il loro frontman: «Questa vittoria è per tutti gli ucraini»
STATI UNITI
1 sett
C'è la data per la prossima notte degli Oscar
La cerimonia della 95esima edizione si terrà il 12 marzo del 2023.
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 sett
Camilla Sparksss e le sue fiabe per adulti
L'artista ticinese in scena domani sera al Lac con un progetto sperimentale
ITALIA
1 sett
Allegri chi? Ambra Angiolini volta pagina con Mister X
L’attrice e conduttrice tv paparazzata mentre bacia un uomo misterioso
ITALIA
1 sett
Martina Colombari e la «sorpresa» della maternità
Il retroscena sul concepimento del figlio Achille: «Alessandro ‘andò lungo’»
STATI UNITI
1 sett
Halsey: «Sono stata chiamata pazza» ma «sono stata malata. Per molto tempo»
Alla popstar sono state diagnosticate varie sindromi e ora «sta festeggiando»
LUGANO
25.01.2022 - 06:000

Pupo: «E pensare che in Ucraina sono un criminale»

Con le donne preferisce il poliamore. E in musica ci parla di una strana maledizione che colpisce alcuni cantanti.

Il 24 febbraio arriverà a Lugano, al Palazzo dei Congressi.

LUGANO - Le sue interviste sono sempre schiette e dirette, e anche questa volta Pupo, all'anagrafe Enzo Ghinazzi, non si è smentito. Ha parlato a 360 gradi del suo lavoro, dei suoi viaggi, dei suoi amori e dei legami con la Svizzera. Giovedì 24 febbraio sarà al Palazzo dei Congressi di Lugano, mentre il 25 a Zurigo. Ecco cosa ci ha raccontato.

Ti vedremo il 24 febbraio a Lugano con il tuo spettacolo "Pupo: 40 anni... Su di noi". Ci puoi anticipare qualcosa? 
«Non si parlerà solamente di musica, ma anche della mia storia personale, che in qualche modo ha segnato anche in maniera importante tutta la mia carriera. Assistere a un mio spettacolo è una sorta di percorso nella mia vita. E ci sarà tutto quanto riguarda me, sia come cantante che come uomo, e le scelte che ho fatto, a volte anche molto borderline. Lo spettacolo si chiama "40 anni... Su di noi". La canzone ha compiuto ormai 40 anni, perché è stata pubblicata nel 1980, ma "40 anni" vuol dire anche tutto quello che è accaduto non solo su di me ma anche sulle persone che sono state coinvolte in questi anni nel costume italiano». 

Sei molto amato anche all'estero, e questo spettacolo lo dimostra. Qual è il tuo rapporto con la Svizzera? 
«Mentre ti sto parlando in questo momento dalla mia casa in Toscana, alla mia sinistra vicino al pianoforte ci sono due dischi d'oro dell'Ariola Records di Zurigo. Mi ricordo che in Svizzera il disco d'oro lo prendevi con 25'000 copie di vinili vendute. Con il vostro Paese ho sempre avuto un rapporto di grandissimo feeling, ho fatto molti concerti, tanta televisione e non solo nella Svizzera italiana». 

Sei riuscito a tornare anche in Russia, nonostante le restrizioni legate alla pandemia?
«Sì, ci sono stato un paio di volte, anche con qualche trucco, sempre leciti, magari dicendo che andavo a fare qualcosa di più importante, invece poi ho fatto qualche spettacolo. Altrimenti si rimane immobili. Poi ho fatto un festival anche in Crimea, a Jalta, dove purtroppo mi sono tirato addosso le ire dell'Ucraina. Sono stato messo nella lista dei criminali, e non posso più tornarci. Per me questa cosa è molto brutta, perché faccio un mestiere che non c'entra niente con la politica, che però a volte viene preso per mandare dei messaggi subliminali, e forse nemmeno troppo, a qualcuno. Ma in Russia continuo ad andare, è un Paese che adoro, come una seconda patria. In questi giorni sono stato contattato per un festival in Bielorussia a giugno, dove sarò ospite e anche in giuria». 

Con il cibo russo che rapporto hai?
«Devo dire che non mi fa impazzire, a parte qualche bella scorpacciata di caviale rosso e anche nero Beluga, qualche bel crostino o spaghetto con il burro e caviale... ma per il resto, tutte le loro zuppe non vanno d'accordo con le mie problematiche gastrointestinali». 

Come hai trascorso questi due anni di pandemia? 
«Non mi sono riposato, ho fatto due edizioni del Grande Fratello Vip come opinionista, ma la terza me la sono scampata perché non ce la facevo più. Poi ho scritto delle canzoni nuove, che ovviamente non pubblicherò mai, perché a nessuno interessano le canzoni nuove dei cantanti considerati "leggendari". Noi cantanti italiani, siamo circa una ventina, che abbiamo scritto canzoni che hanno girato il mondo, abbiamo questa specie di "maledizione" che ci impedisce di fare con serietà le produzioni nuove, perché non saranno mai all'altezza delle vecchie. Quando sento dire "è uscito il nuovo disco di Celentano, o Baglioni, o Morandi" sono contento perché vuol dire che sono ancora vivi, ma so già in partenza che quelle canzoni non le ascolterà nessuno. O chi le ascolterà non le metterà mai sul piedistallo dei grandi successi». 

Dunque sono brani che resteranno nel cassetto? 
«Penso proprio di sì, ma poi le canto per i miei amici. Sono molto concreto, ho la fortuna/sfortuna di essere nato sotto il segno della Vergine, con la realtà sempre in bella vista. Sono una persona pragmatica, e conosco, a parte le eccezioni, la praticità della vita, per cui non mi va di buttare via il tempo della mia dietro a imprese inutili. Continuo a cantare le mie canzoni storiche, magari introduco anche qualche brano più nuovo, perché mi diverto a cantare, ma certamente non mi sogno di andare al Festival di Sanremo con una canzone nuova, oppure fare un disco nuovo e andare a promuoverlo nelle radio, che poi non lo passeranno, o di andare in televisione a cantare la canzone nuova e poi mi chiedono di cantare anche tre brani vecchi, che faranno subito dimenticare quella nuova».

Tornando alla musica, facciamo un po' di chiarezza sul brano "Gelato al cioccolato". Qualche tempo fa avevi dichiarato che Cristiano Malgioglio scrisse la canzone per un suo amico marocchino. Malgioglio però ha smentito questa versione,... dove sta la verità? 
«Malgioglio scrisse parte del testo partendo dal tema "gelato al cioccolato", che gli avevamo assegnato io e il mio discografico della Baby Records, come a scuola. Era un tema che mi interessava molto portare all'estero come provocazione alimentare italiana. Lui poi scrisse il testo, e quando lessi le parole per la prima volta ne rimasi positivamente colpito per l'allegria. Poi quando cominciai a fare teatro immaginai, conoscendo bene anche Cristiano, che l'ispirazione l'avesse presa dopo una vacanza in Marocco, dove è pieno di gelati al cioccolato al naturale. E allora mi inventai la storia che lui era in spiaggia e vide salire un marocchino dalla battigia verso la spiaggia con un riflesso solare sui gioielli di famiglia, che richiamava il gelato al cioccolato. Quando raccontavo questa storia la gente rideva molto, e alla fine aggiungevo sempre: "Capite che ora, quando canto questa canzone, non potrò più essere lo stesso uomo, sapendo da dove arriva l'ispirazione". E Malgioglio se la prese inizialmente, ma ora ci ridiamo su».  

Parliamo invece di vita privata, come prosegue? 
«Molto bene. Come molti sanno la mia vita sentimentale si mantiene da quasi 35 anni su un triangolo: io, mia moglie Anna e la mia compagna Patricia. Abbiamo costruito la nostra identità sentimentale fondandola su dei valori che non abbiamo voluto rinnegare: quelli dell'amore, della stima, del rispetto, dell'amicizia, anche del mutuo soccorso».

L'idea di una relazione a tre è stata spontanea o pensata in precedenza?
«Totalmente spontanea, queste cose non si possono pensare in anticipo. Nascono gradino dopo gradino, con sofferenza, dedizione, ci vuole molto amore. E nessuno può permettersi, in una società come la nostra, di programmare una follia del genere. Però oggi siamo arrivati ad un punto in cui i risultati ci restituiscono delle grandi soddisfazioni. Siamo una famiglia allargata ma molto molto unita, che si rispetta e che condivide anche i momenti in cui le famiglie si riuniscono, come il Natale, i compleanni, senza gelosia. Oppure facendo finta di non essere gelosi».  

Come aveva reagito a suo tempo familiari e amici alla notizia di questa famiglia allargata?
«Siccome questa relazione si è sviluppata lentamente, si sono tutti abituati. Non c'è il minimo imbarazzo, e tutti vogliono frequentarci. Anche le mie figlie non hanno subito nessuna conseguenza psicologica, almeno apparentemente. Amici e parenti sono tutta gente equilibrata e serena, il più squilibrato della famiglia sono io».

Quali sono gli ingredienti per una relazione a tre?
«Non esiste una ricetta. Per prima cosa devono incontrarsi tre persone disposte a condividere questo percorso, il che è rarissimo, è come vincere al lotto. Dunque già questo è una cosa che non dipende da noi ma dal caso. E non bisogna volerla, bisogna crederci e comportarsi in maniera onesta e naturale, riservando a tutti la dignità che meritano. Per tanti anni ho tradito mia moglie come fanno quasi tutti gli esseri umani al mondo, senza dirle nulla. E magari sarà anche capitato che lei mi abbia tradito. Dunque chi non sa non ha dignità per poter scegliere. Alla fine io non faccio nulla di anomalo, quasi tutti al mondo hanno un amante o una doppia vita, ma non alla luce del sole come ho scelto di averla io». 

Negli anni hai notato un cambiamento nel modo di percepire una relazione a tre? Si parla ancora di scandalo?
«No, oggi non è più uno scandalo. Il poliamore comincia ad essere una pratica riconosciuta, piano piano. Io sono stato uno dei primi, un esempio, magari brutto, soprattutto per la Chiesa cattolica. L'amore normalmente non dovrebbe avere dei paletti, ma alla fine ce li ha sempre avuti. La possessività è alla base di quello che molti percepiscono come amore. Io stesso non so se accetterei che mia moglie o Patricia avessero un altro uomo». 

Parliamo ora di tv: c'è qualcos’altro che avresti voluto fare? Magari, dato che siamo nel periodo, Sanremo? 
«Tutti vorrebbero essere i direttori artistici di Sanremo. Per me che sono musicista sarebbe un’esperienza importante da fare, e anche molto interessante. Penso che potrei avere le peculiarità. Non andrei più come partecipante in gara, come invece quest'anno hanno fatto Ranieri e Morandi. Non capiterà, ma se capiterà prenderò l'occasione al volo. Per quanto riguarda altre esperienze televisive, ricevo proposte settimanali. L'altro giorno sono stato invitato a Domenica In con la Venier per parlare di Sanremo, e ho rifiutato, perché sono uno che ha deciso di fondare gli ultimi anni della sua carriera sui no, per dare un profilo definitivo alla mia persona e alla mia figura professionale. Non voglio essere uno di quelli che partecipa ad uno di questi teatrini televisivi un po' squallidi dove la televisione cannibalizza il personaggio, ma non gli restituisce niente in termini di profilo e credibilità». 

Se dovessi scegliere un artista con cui collaborare chi sceglieresti? 
«Non sono molto interessato alle collaborazioni, mi sembra una moda. Collaboro con tutti e con nessuno. In molti mi hanno chiesto di fare delle collaborazioni musicali, magari con cantanti giovani come fanno i miei colleghi, ma ho sempre rifiutato perché le ritengo folkloristiche. Le ritengo collaborazioni un po' vampiresche, che vanno a succhiare il sangue di artisti storici e leggendari, e pur facendoli conoscere ai giovani ne sminuiscono il valore. Un cantautore come Giorgio Gaber non avrebbe mai fatto un duetto con Rovazzi ad esempio». 

Detto ciò, c'è però qualcuno con cui non collaboreresti nemmeno per un milione di euro? 
«Qualche antipatia ce l'ho anche io nel mondo dello spettacolo. Ma se fosse utile e dovessi credere in un progetto e fosse proposto da persone meno simpatiche accetterei lo stesso. Ad esempio Flavio Insinna non mi sta simpatico come conduttore. Però se mi proponessero una cosa con lui non è detto che non accetterei di farla se fosse funzionale. E d'altra parte non farei niente con qualcuno che mi sta simpatico se non credo nel progetto. Non sopporto ad esempio il gioco "I soliti ignoti" che fanno su Rai1: se mi proponessero di farlo dire subito di no perché è un programma che non riesco neanche a guardare. Mentre "Affari tuoi", quello dei pacchi, se dovessero ripropormelo lo farei subito, come "Reazione a catena"». 

Prevendita in corso su Biglietteria.ch.

Angelo Trani
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-22 16:43:10 | 91.208.130.86