Keystone
Stati Uniti
24.11.2021 - 13:300

Wondermind, Selena Gomez lancia una piattaforma per parlare di salute mentale

Il suo obiettivo è aiutare in tutti quei giorni in cui una persona non ha la possibilità di vedere il proprio terapista

NEW YORK - Nell'ultimo anno è aumentata esponenzialmente la considerazione della salute mentale. Complici il Covid, con le varie chiusure imposte in tutto il mondo, un aumentato utilizzo dei social media, ma anche il volere e il bisogno di esprimersi un po' di più. In questo contesto si è voluta inserire Selena Gomez che ha lanciato una piattaforma che si rivolge a tutte quelle persone che sentono di non stare bene.

Wondermind è un portale web che funziona tramite e-mail. Ci si iscrive, esattamente come a una newsletter, e ogni giorno nella casella di posta si riceve un messaggio. Questo può contenere ad esempio un esercizio quotidiano perché il punto focale di Wondermind è allenare la mente esattamente come si allena il corpo per progredire di giorno in giorno. Poi piano piano il team di Gomez si sta organizzando per fornire anche strumenti più concreti a chi si rivolge alla piattaforma. Un diario fisico, un podcast, ma anche chat dove potersi liberamente esprimere.

Il concetto base di Wondermind è di venire in appoggio alle terapie. Uno psicologo, piuttosto che uno psicoterapeuta, vede un paziente una o due volte la settimana. Selena Gomez vuole essere di aiuto in tutti i giorni restanti, per non far sentire solo o abbandonato chi ha bisogno di aiuto. Lei stessa durante il mese di aprile del 2020, riporta la Cnn, ha dichiarato di soffrire di disturbo bipolare e in precedenza aveva affermato di essere una fervida sostenitrice della disintossicazione dai social media e della terapia. Per lei è importante che chi soffre di un disturbo si rivolga per prima cosa a un professionista. «Mi ha permesso di avere più informazioni e queste mi aiutano. Perché so che cosa ho e non ho più paura».

La madre della cantante ha rivelato nel video di presentazione di Wondermind che per 20 anni ha creduto, a causa di una diagnosi sbagliata, di essere affetta da un disturbo bipolare, quando in realtà soffriva di un disturbo da deficit di attenzione e iperattività, o ADHD. La famiglia Gomez si era già attivata nel 2020 per creare un fondo, il Rare impact fund, per aumentare l'informazione sulla salute mentale, affrontare l'aumento di solitudine cronica e permettere a più persone di avere accesso alle cure. L'obiettivo è raccogliere in 10 anni 100 milioni di dollari.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 14:58:38 | 91.208.130.87