"The Meeting": anche i gangster piangono a causa della pandemia
GOODFELLAS MOTION PICTURES
La locandina di "The Meeting", il primo lungometraggio della Goodfellas Motion Pictures.
ULTIME NOTIZIE People
FOTO
LUGANO
12 min
“Clifford il Grande Cane Rosso”, l'anteprima è un successo
Una domenica già in odore di Natale quella al Cinestar di diversi fortunati lettori di tio.ch e 20minuti
STATI UNITI
3 ore
Matthew McConaughey ha deciso: non si candiderà a governatore del Texas
L'attore preferisce concentrarsi, per il momento, solo sul settore privato
STATI UNITI
18 ore
Addio allo stilista Virgil Abloh
Era il direttore della collezione Uomo di Luis Vuitton. Da anni lottano contro il cancro
EMIRATI ARABI UNITI
22 ore
Lindsay Lohan e quel matrimonio in vista... «È il mio futuro»
Anello di fidanzamento in vista, la coppia ha annunciato la bella notizia su Instagram
STATI UNITI
1 gior
House of Gucci, Jared Leto: «Ho sniffato strisce di sugo all'arrabbiata»
L'attore ha rilasciato dichiarazioni particolari durante un'intervista: «Questa è la mia lettera d'amore all'Italia»
EMIRATI ARABI UNITI
2 gior
Alicia Keys a Expo 2020
La cantante statunitense si esibirà nella Al Wasl Plaza di Dubai il prossimo dieci dicembre.
STREAMING
REGNO UNITO
2 gior
Cover sì, ma «100% Deep Purple»
"Turning to Crime" è un onesto divertissement che non aggiunge niente alla storia della band ma che si lascia ascoltare
ITALIA
2 gior
Sesso e maleducazione, le stilettate di Chiara Ferragni a Fedez
Il rapper è uscito malconcio da una diretta Twitch insieme alla moglie
ITALIA
2 gior
Rocco Siffredi: «Arisa sexy, molti vorrebbero vederla in un porno»
Continuano a far discutere le dichiarazioni della cantante: i complimenti del re dell’hard
BERNA
3 gior
Berna, dottorato honoris causa per Tina Turner
La superstar ha «mostrato un esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione»
CANTONE
02.09.2021 - 06:300

"The Meeting": anche i gangster piangono a causa della pandemia

Primo lungometraggio per la Goodfellas Motion Pictures, ed è al 100% ticinese

LUGANO - Nelle scorse ore la Goodfellas Motion Pictures ha pubblicato il trailer di "The Meeting", il primo lungometraggio della casa di produzione ora trasferitasi in Italia. Si tratta però di un'opera al 100% ticinese, come ci assicura il regista Jack Martin. 

Di cosa si parla in un film di mafia a tema Covid?
«Un film di mafia a tema Covid (e non solo) sviluppa con ironia le problematiche che quattro gangster devono affrontare durante il periodo della pandemia. I problemi con il loro "lavoro", problemi di relazioni, e come tutti, i problemi legati alle disposizioni sanitarie imposte (tamponi, mascherine ecc). Giochiamo con un genere che amiamo molto per poter parlare, con toni leggeri, di un periodo che ci ha colpiti tutti quanti».

Chi sono i protagonisti?
«Il cast è molto vasto ma i quattro protagonisti sono volti noti di Lugano: Alex Moscatelli, carismatico proprietario del ristorante Orologio e del bar Bistrot in centro; Raffaello Martini, proprietario di un salone da parrucchiere ora situato vicino a via Nassa; Emilie Monamy, che fino a qualche tempo fa aveva una boutique in via Nassa; Maurizio Niceta, che tanti hanno conosciuto nell'ambiente delle discoteche e non solo. Un cast di non professionisti, ma incredibili nelle rispettive interpretazioni». 

Come mai siete andati a pescare tra i volti noti della ristorazione e del commercio luganesi?
«La scelta di prendere gli attori tra la gente del luogo è stata dettata da due fattori. Il primo è il carisma dei quattro protagonisti: già nelle vite di tutti i giorni sono dei veri "personaggi", che conosco da tempo. Cercavo dei volti interessanti e unici che potessero funzionare al meglio in un film del genere. Un mix rischioso, ma che ha portato a dei risultati davvero inaspettati. Il secondo è che c'è una certa similitudine tra realtà e finzione: tutti loro sono stati colpiti nelle loro rispettive attività a causa del lockdown e delle restrizioni. La mia proposta è stata anche questo: fare un film divertente su questo periodo assurdo e difficile».

La trama (senza spoilerare) è al 100% fiction o ci sono degli elementi presi dalla realtà?
«La trama è molto semplice: quattro boss mafiosi, in seguito al lockdown e ai problemi nati a causa di esso, vengono invitati a un meeting segreto per trovare una soluzione alla crisi. Si vedranno le loro vite, i loro affari, i rapporti tra di loro prima e dopo il lockdown. Come è cambiata la loro vita e il loro business? Tutte cose da scoprire all'interno del film».

È il vostro ultimo lavoro ticinese prima del trasferimento in Italia: come stanno andando le cose attualmente?
«Il nostro primo lungometraggio sarà l'ultimo film realizzato interamente in Ticino. Da gennaio lavoriamo da Milano e tutti i progetti futuri saranno italiani al 100%. Abbiamo prodotto un cortometraggio ("Over the Skyline") di un regista molto bravo di Rimini, che sta ottenendo ottimi risultati. Ha vinto già otto premi internazionali come miglior film di fantascienza, più numerose selezioni a festival di tutto il mondo.  Abbiamo in cantiere un nuovo lungo le cui riprese inizieranno a fine settembre più altri progetti molto interessanti che vedranno la luce durante l'anno. Di certo non ci siamo fermati, il lavoro non manca». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-29 15:58:33 | 91.208.130.86