"The Meeting": anche i gangster piangono a causa della pandemia
GOODFELLAS MOTION PICTURES
La locandina di "The Meeting", il primo lungometraggio della Goodfellas Motion Pictures.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
16 ore
Fedez compie 32 anni: il regalo da 20mila euro della Ferragni
L’imprenditrice non ha badato a spese per il compleanno del marito caduto lo scorso 15 ottobre
REGNO UNITO
18 ore
Il padre di Meghan: «Fatemi vedere i miei nipotini»
Sebbene voglia riconciliarsi, Thomas Markle ha nuovamente accusato i Duchi di Sussex: «Pensano solo ai soldi»
STATI UNITI
23 ore
Addio Kanye West, d'ora in poi chiamatelo Ye
Niente più nome e cognome per il celebre rapper che da lunedì sul certificato di nascita ha solo una sillaba
ITALIA
1 gior
La Tatangelo: «D’Alessio di nuovo padre? Lo abbiamo saputo dai giornali»
La cantante ha raccontato come lei e il figlio Andrea hanno avuto la notizia 
STATI UNITI
1 gior
Kourtney Kardashian e Travis Barker si sono fidanzati
Anello da un milione di carati (e pietrona) per la coppia numero uno dei tabloid americani di questo 2021
ITALIA
1 gior
Francesco Facchinetti: «Aggredito senza motivo da Conor McGregor»
Il presentatore ha mostrato il labbro tumefatto causatogli dal lottatore MMA. Le conferma da altri Vip
FOTO E VIDEO
STREAMING
2 gior
Così “The Closer” ha generato la tempesta perfetta
Lo special comico di Dave Chappelle, tacciato di omofobia e transfobia, ha scosso i social e anche Netflix, ecco come
STATI UNITI
2 gior
Ryan Reynolds si prende un periodo di pausa dai film
L'attore 44enne lo ha annunciato su Instagram, ma senza precisare quanto potrebbe durare
STATI UNITI
2 gior
È (già) divorzio in casa Penn
Sean Penn e Leila George hanno deciso di lasciarsi a poco più di un anno dal «sì»
COREA DEL SUD
3 gior
«È entusiasmante pensare che abbiamo fan in tutto il mondo»
Lo hanno dichiarato le ragazze del gruppo sudcoreano Aespa, che hanno recentemente lanciato il loro primo EP "Savage"
CANTONE
02.09.2021 - 06:300

"The Meeting": anche i gangster piangono a causa della pandemia

Primo lungometraggio per la Goodfellas Motion Pictures, ed è al 100% ticinese

LUGANO - Nelle scorse ore la Goodfellas Motion Pictures ha pubblicato il trailer di "The Meeting", il primo lungometraggio della casa di produzione ora trasferitasi in Italia. Si tratta però di un'opera al 100% ticinese, come ci assicura il regista Jack Martin. 

Di cosa si parla in un film di mafia a tema Covid?
«Un film di mafia a tema Covid (e non solo) sviluppa con ironia le problematiche che quattro gangster devono affrontare durante il periodo della pandemia. I problemi con il loro "lavoro", problemi di relazioni, e come tutti, i problemi legati alle disposizioni sanitarie imposte (tamponi, mascherine ecc). Giochiamo con un genere che amiamo molto per poter parlare, con toni leggeri, di un periodo che ci ha colpiti tutti quanti».

Chi sono i protagonisti?
«Il cast è molto vasto ma i quattro protagonisti sono volti noti di Lugano: Alex Moscatelli, carismatico proprietario del ristorante Orologio e del bar Bistrot in centro; Raffaello Martini, proprietario di un salone da parrucchiere ora situato vicino a via Nassa; Emilie Monamy, che fino a qualche tempo fa aveva una boutique in via Nassa; Maurizio Niceta, che tanti hanno conosciuto nell'ambiente delle discoteche e non solo. Un cast di non professionisti, ma incredibili nelle rispettive interpretazioni». 

Come mai siete andati a pescare tra i volti noti della ristorazione e del commercio luganesi?
«La scelta di prendere gli attori tra la gente del luogo è stata dettata da due fattori. Il primo è il carisma dei quattro protagonisti: già nelle vite di tutti i giorni sono dei veri "personaggi", che conosco da tempo. Cercavo dei volti interessanti e unici che potessero funzionare al meglio in un film del genere. Un mix rischioso, ma che ha portato a dei risultati davvero inaspettati. Il secondo è che c'è una certa similitudine tra realtà e finzione: tutti loro sono stati colpiti nelle loro rispettive attività a causa del lockdown e delle restrizioni. La mia proposta è stata anche questo: fare un film divertente su questo periodo assurdo e difficile».

La trama (senza spoilerare) è al 100% fiction o ci sono degli elementi presi dalla realtà?
«La trama è molto semplice: quattro boss mafiosi, in seguito al lockdown e ai problemi nati a causa di esso, vengono invitati a un meeting segreto per trovare una soluzione alla crisi. Si vedranno le loro vite, i loro affari, i rapporti tra di loro prima e dopo il lockdown. Come è cambiata la loro vita e il loro business? Tutte cose da scoprire all'interno del film».

È il vostro ultimo lavoro ticinese prima del trasferimento in Italia: come stanno andando le cose attualmente?
«Il nostro primo lungometraggio sarà l'ultimo film realizzato interamente in Ticino. Da gennaio lavoriamo da Milano e tutti i progetti futuri saranno italiani al 100%. Abbiamo prodotto un cortometraggio ("Over the Skyline") di un regista molto bravo di Rimini, che sta ottenendo ottimi risultati. Ha vinto già otto premi internazionali come miglior film di fantascienza, più numerose selezioni a festival di tutto il mondo.  Abbiamo in cantiere un nuovo lungo le cui riprese inizieranno a fine settembre più altri progetti molto interessanti che vedranno la luce durante l'anno. Di certo non ci siamo fermati, il lavoro non manca». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 07:10:26 | 91.208.130.85