Keystone
STATI UNITI / ITALIA
01.03.2021 - 07:150
Aggiornamento : 08:35

Laura Pausini vince ai Golden Globes con "Io sì": «Sì! Porca miseria!»

La canzone, composta da Diane Warren, fa parte della colonna sonora de "La vita davanti a sé".

La cantante italiana: «A quella ragazza che 28 anni fa vinse Sanremo e non avrebbe mai potuto aspettarsi di andare così lontano».

LOS ANGELES / NEW YORK / ROMA - La musica e le parole di Diane Warren e l'interpretazione di Laura Pausini sono valsi un Golden Globe a "La vita davanti a sé", film italiano di Edoardo Ponti. La pellicola è stata insignita del premio come Miglior canzone per "Io sì".

«Sono così orgogliosa. Grazie mille alla Hollywood Foreign Press Association. Sento la pelle d'oca ovunque. "Grazie mille", diciamo noi in italiano», ha dichiarato in inglese un'emozionata Laura Pausini in collegamento con la serata virtuale seduta davanti a un pianoforte a coda bianco.

La cantante 46enne ha quindi ringraziato il regista, la protagonista del film, Sophia Loren, Diane Warren, Niccolò Agliardi, che ha tradotto con lei "Io sì" ("Seen" nella versione inglese) in italiano, e la produttrice esecutiva musicale Bonnie Greenberg: «Vi voglio tanto bene».

«Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non posso crederci», ha commentato sempre in inglese Pausini su Instagram. «Dedico questo premio a tutti coloro che meritano di essere "visti" ("seen", in inglese)», ha aggiunto.

«A quella ragazza che 28 anni fa vinse Sanremo e non avrebbe mai potuto aspettarsi di andare così lontano. All'Italia, alla mia famiglia, a tutti coloro che hanno scelto me e la mia musica e mi hanno resa quella che sono oggi - ha concluso -. E alla mia splendida figlia, che spero che da oggi ricordi la gioia nei miei occhi, nella speranza che cresca continuando a credere nei propri sogni».  

Più spontanea l'esultanza della cantante in una story postata poco dopo l'annuncio della vittoria: «Sìììììììì! Aaaaah! Porca miseria! "Thank you"! Grazie mille, Italia», urla a squarciagola la 46enne circondata dai suoi collaboratori. 

Sempre emozionato, ma più compassato il ringraziamento di Diane Warren, già vincitrice in passato di un altro Golden Globe, un Grammy e un Emmy: «Grazie, Edoardo Ponti, Sophia Loren. Grazie, Edoardo, per averci fatto essere parte di questo film eccezionale, di una storia così bella di persone che non sono viste ("seen", ndr) e si vedono attraverso l'amore. E questo è quello che ha ispirato la canzone quindi grazie ancora, grazie mille».

      

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-15 06:00:27 | 91.208.130.87