Foto Johnny Ferrari
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
4 ore
Luca Argentero e quei like della moglie a Stefano De Martino
L’attore ha confessato di provare fastidio per l’attività social di Cristina Marino
STATI UNITI
7 ore
Chris Rock ha il Covid: «Fidatevi, non lo volete»
L'attore aveva ricevuto il monodose Johnson & Johnson la scorsa primavera
REGNO UNITO
9 ore
La Royal Family si allarga ancora
Il parto è avvenuto pochi minuti prima della mezzanotte di sabato a Londra
ITALIA
11 ore
Miriam Leone, festa nel castello e poi tuffo in mare
Sabato l’attrice ha sposato il compagno Paolo Carullo a Scicli, nella loro Sicilia
Italia
14 ore
The Ferragnez: la famiglia da 33 milioni di follower in una serie tv
Sarà disponibile dal prossimo dicembre in tutto il mondo sulla piattaforma streaming di Amazon
FOTO
STATI UNITI
18 ore
Agli Emmy “The Crown” fa il pigliatutto
In una cerimonia in parte in remoto, Netflix domina con 44 premi e vince anche con “La regina degli scacchi”
LOCARNO
20 ore
Un ragazzo e un videogame da cui fuggire... prima che sia "game over"
Choice, il progetto del filmmaker locarnese Michael A. Viteritti. L'inizio delle riprese è previsto per ottobre
STATI UNITI
1 gior
Ha avuto 15 figli, ma probabilmente era sterile
Una nuova biografia rivede la figura del leggendario bluesman B.B. King prolifico nell'arte quanto nella vita
ITALIA
1 gior
Miriam Leone ha detto sì
L'attrice è convolata a nozze con Paolo Carullo
STATI UNITI
2 gior
Aretha Franklin ha superato Bob Dylan
La top 500 di "Rolling Stone" delle migliori canzoni di tutti i tempi è stata rivista
ZURIGO
2 gior
Kanye West allontanato da un ristorante di Zurigo?
Stando ad una lettrice ci sarebbero stati problemi con il certificato Covid
STATI UNITI
3 gior
La ex campionessa cerca di dare scacco a Netflix
Nona Gaprindashvili ritiene di essere stata diffamata da una frase de "La regina degli scacchi" e chiede cinque milioni
VIDEO
FRANCIA
3 gior
La genesi di Voldemort nel film di un fan (ma autorizzato)
Il regista Joris Faucon Grimaud è stato mosso «dall'amore per il cinema» e ha sfruttato finanziamenti per 60mila euro
REGNO UNITO
3 gior
Il testamento di Filippo resterà segreto per tutelare la «dignità» della Regina
È l'ordine emesso giovedì da un giudice: potrà essere aperto non prima di 90 anni
SVIZZERA
3 gior
C'è Zurigo nel prossimo tour di Ed Sheeran
Il cantautore britannico si esibirà venerdì 16 settembre 2022
ITALIA
4 gior
Enrico Brignano, proposta di nozze al centro dell’Arena di Verona
Il comico ha chiesto alla sua Flora di sposarlo nel mezzo del suo spettacolo 
ITALIA
4 gior
Stefano De Martino e la relazione con Miss X
Il conduttore e ballerino avrebbe da tempo una storia con una donna misteriosa
REGNO UNITO
4 gior
Elton John costretto a riprogrammare il tour a causa di una caduta
Il cantautore dovrà sottoporsi ad un'operazione e ad un intensivo programma di fisioterapia
CANTONE
03.12.2020 - 06:300
Aggiornamento : 26.04.2021 - 12:01

Sinplus, il ritorno con un nuovo EP: «Questa è la musica che ci piace di più»

“It's Not About Being Good” è un ritorno a tutto rock per i fratelli locarnesi Ivan e Gabriel Broggini

LOCARNO - Luci spente, palchi bui, amplificatori muti. Con la pandemia i live si sono (più o meno) fermati. Ma non la musica, quella ha continuato a ribollire e nascere, malgrado tutto.

E un po' la storia delle quattro tracce di “It's Not About Being Good”, Ep pubblicato di recente dai locarnesi Sinplus, formati dai fratelli Ivan e Gabriel Broggini che ce l'hanno raccontato.

Come l'ultimo "Escape" anche questo EP mi sembra bello carico e a tutto rock. Come mai questa scelta?

Hai ragione, con “Escape” abbiamo iniziato un nuovo corso….e finalmente direi. Siamo tornati a fare la musica che ci piace di più. Meno cervello e più cuore. 

Malgrado alcuni risultati raggiunti, negli ultimi anni c’eravamo un po’ persi…soprattutto a livello di produzione e direzione musicale.

Da un lato c’è il mercato che ti porta a fare qualche compromesso di troppo, ma il vero problema è che quando sei compositore, esecutore e produttore, è molto facile cadere in qualche tranello…come nel calcio…non si può essere allenatore, giocatore e arbitro.

Come dice il titolo dell’EP, non si tratta di essere bravi o più bravi, ma di essere sé stessi, autentici, il più possibile.

Ci sento anche tantissimo sound "eighties", dai Depeche Mode ai Joy Division... 

Innanzitutto questa considerazione ci fa super piacere. I Joy Division ci piacciono un sacco…hanno segnato un punto svolta per la musica che ci piace. Gli stessi Depeche, gli U2, i The Cure, i Nirvana o addirittura i Metallica hanno preso un sacco d’ispirazione da loro.

La musica di oggi è figlia della musica del passato. È per quello che ultimamente ascoltiamo un sacco di musica “vecchia”, e continuiamo a scoprire cose incredibili. Per quanto ci riguarda poi, siamo sempre stati dei fanatici del rock nelle sue varie forme e della new wave.

Mi raccontate un po' come è stato concepito? Lo avete registrato anche questo negli States?

Tra i vari cambiamenti dell’ultimo anno, abbiamo modificato anche il sistema di composizione e produzione. Il tutto è stato creato jammando tra di noi, senza troppi calcoli, lasciando fluire la musica nella sua forma più pura.

Abbiamo allestito un piccolo studio di registrazione in casa e ci siamo semplicemente divertiti suonando, soprattutto di notte... ringraziamo i vicini per la pazienza (ride).

Negli anni ci siamo accorti che puoi registrare in studi super professionali, ma alla fine quello che conta sono la composizione, l’energia, e il feeling.

Come mai la scelta di un EP?

In teoria in novembre volevamo fare uscire un album, anche perché è già finito…ma tutti ce l’hanno sconsigliato. Avevamo però un bisogno nostro di pubblicare qualcosa e abbiamo trovato questa soluzione.

Il bello è che il giorno della release abbiamo scoperto di essere stati inseriti in una delle playlist rock più importanti di Spotify, “All New Rock”, assieme a gente come Liam Gallagher, Billie Joe dei Green Day, eccetera... Una bella soddisfazione: dalla piccola Losone non è niente male!

Mi ha colpito molto il pezzo “Van Gogh”, per il titolo e il testo, c'è qualche curiosità legata a questo brano? 

Van Gogh è un pezzo molto speciale per noi. È una sorta di dedica a una persona che non c’è più. La vita passa troppo veloce, e ti rendi conto che devi riuscire a stare bene nella tua pelle, in quello che fai e soprattutto con le persone a cui voi bene.

Abbiamo affidato la parte di batteria a Mark Schulman, batterista di P!nk, che ha collaborato anche con Billy Idol e i Simple Minds.

Solitamente produciamo il groove via midi o alla buona suonato da noi, poi glielo inviamo e lui lo registra nel suo studio a Los Angeles. 

Il pezzo di riferimento che gli abbiamo dato era una canzone dei Simple Minds e, ridendo, ci ha detto pacatamente che era lui ad averla registrata!

Fra le tracce c'è anche un (pregevole) assolo di chitarra di Ivan, com'è stato per lui/voi riportare le chitarre (ancora di più) in primo piano in questa serie di nuovi brani?

I nostri “strumenti” principali sono voce e chitarra. Semplicemente abbiamo cercato di sfruttare meglio le nostre qualità. Ivan è sempre stato ed è un bravissimo chitarrista, a 15 anni faceva già degli assoli incredibili. È raro trovare chitarristi così. Questa nuova direzione ha bisogno di chitarra…ed è solo l’inizio!

Domanda, purtroppo classica, da musicisti come state vivendo l'emergenza pandemia? 

Il nostro settore, e più i generale quello artistico, sta subendo un duro colpo dalla pandemia. Purtroppo troppa gente non si rende conto che l’arte è fondamentale e che va sostenuta in ogni modo. Abbiamo un sacco di amici che hanno dovuto trovare soluzioni alternative, cambiare lavoro….ma non è sempre facile. 

Basti pensare a tutti i tecnici audio, luci, studi di registrazione, i service, i servizi di booking e i promoter stessi…chi li aiuta veramente?
Inoltre come sempre sono le piccole realtà che subiscono più di tutti. Per questo mandiamo un abbraccio virtuale a tutto il settore, indiscriminatamente.

Pensate che la musica, soprattutto live, saprà riprendersi da questo momento difficile?

La musica DEVE riprendersi…soprattutto quella live. Magari sarà anche un’occasione per resettare qualche priorità…il sistema musica aveva anche bisogno di una scossa da un certo lato.

Noi aspettiamo con ansia il 2021….stiamo preparando il tour per l’uscita dell’album a fine marzo, i live iniziano a mancarci e speriamo proprio di non dover più rimandare.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 02:30:23 | 91.208.130.86