Foto Johnny Ferrari
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
4 ore
Ecco come Ambra Angiolini ha scoperto il tradimento di Allegri
Il settimanale Chi ricostruisce la fine della relazione tra l’attrice e l’allenatore della Juve
ITALIA
8 ore
Michelle Hunziker ed Eros immortalati insieme dopo anni
La conduttrice e l’ex marito fotografati con la figlia Aurora in un ristorante di Brescia
REGNO UNITO
11 ore
La regina Elisabetta dovrà «stare a riposo per qualche giorno»
Glie l'hanno consigliato i suoi medici, annuncia Buckingham Palace
ITALIA
1 gior
Fedez compie 32 anni: il regalo da 20mila euro della Ferragni
L’imprenditrice non ha badato a spese per il compleanno del marito caduto lo scorso 15 ottobre
REGNO UNITO
1 gior
Il padre di Meghan: «Fatemi vedere i miei nipotini»
Sebbene voglia riconciliarsi, Thomas Markle ha nuovamente accusato i Duchi di Sussex: «Pensano solo ai soldi»
STATI UNITI
1 gior
Addio Kanye West, d'ora in poi chiamatelo Ye
Niente più nome e cognome per il celebre rapper che da lunedì sul certificato di nascita ha solo una sillaba
ITALIA
2 gior
La Tatangelo: «D’Alessio di nuovo padre? Lo abbiamo saputo dai giornali»
La cantante ha raccontato come lei e il figlio Andrea hanno avuto la notizia 
STATI UNITI
2 gior
Kourtney Kardashian e Travis Barker si sono fidanzati
Anello da un milione di carati (e pietrona) per la coppia numero uno dei tabloid americani di questo 2021
ITALIA
2 gior
Francesco Facchinetti: «Aggredito senza motivo da Conor McGregor»
Il presentatore ha mostrato il labbro tumefatto causatogli dal lottatore MMA. Le conferma da altri Vip
FOTO E VIDEO
STREAMING
2 gior
Così “The Closer” ha generato la tempesta perfetta
Lo special comico di Dave Chappelle, tacciato di omofobia e transfobia, ha scosso i social e anche Netflix, ecco come
STATI UNITI
3 gior
Ryan Reynolds si prende un periodo di pausa dai film
L'attore 44enne lo ha annunciato su Instagram, ma senza precisare quanto potrebbe durare
STATI UNITI
3 gior
È (già) divorzio in casa Penn
Sean Penn e Leila George hanno deciso di lasciarsi a poco più di un anno dal «sì»
COREA DEL SUD
4 gior
«È entusiasmante pensare che abbiamo fan in tutto il mondo»
Lo hanno dichiarato le ragazze del gruppo sudcoreano Aespa, che hanno recentemente lanciato il loro primo EP "Savage"
ITALIA
5 gior
È il personal trainer Matia il nuovo amore di Gabriel Garko
L’attore aveva tenuto nascosta l’identità del partner
STATI UNITI
5 gior
Cher fa causa alla vedova di Sonny Bono per i diritti d'autore
In particolare, la cantante si riferisce alle canzoni realizzate insieme a Bono
ITALIA
5 gior
Ambra Angiolini sull’addio ad Allegri: «Ci si allontana da chi non c’è mai stato»
L'attrice ha utilizzato una citazione con parole piuttosto dure per la fine della sua storia d'amore
BELLINZONA
5 gior
Milena Vukotic a Bellinzona per Castellinaria
La popolare attrice riceverà il Castello d'Onore
ITALIA
5 gior
Elodie paparazzata con un affascinante modello
Dopo le voci della presunta crisi con Marracash la cantante fotografata insieme a Davide Rossi
CANTONE
03.12.2020 - 06:300
Aggiornamento : 26.04.2021 - 12:01

Sinplus, il ritorno con un nuovo EP: «Questa è la musica che ci piace di più»

“It's Not About Being Good” è un ritorno a tutto rock per i fratelli locarnesi Ivan e Gabriel Broggini

LOCARNO - Luci spente, palchi bui, amplificatori muti. Con la pandemia i live si sono (più o meno) fermati. Ma non la musica, quella ha continuato a ribollire e nascere, malgrado tutto.

E un po' la storia delle quattro tracce di “It's Not About Being Good”, Ep pubblicato di recente dai locarnesi Sinplus, formati dai fratelli Ivan e Gabriel Broggini che ce l'hanno raccontato.

Come l'ultimo "Escape" anche questo EP mi sembra bello carico e a tutto rock. Come mai questa scelta?

Hai ragione, con “Escape” abbiamo iniziato un nuovo corso….e finalmente direi. Siamo tornati a fare la musica che ci piace di più. Meno cervello e più cuore. 

Malgrado alcuni risultati raggiunti, negli ultimi anni c’eravamo un po’ persi…soprattutto a livello di produzione e direzione musicale.

Da un lato c’è il mercato che ti porta a fare qualche compromesso di troppo, ma il vero problema è che quando sei compositore, esecutore e produttore, è molto facile cadere in qualche tranello…come nel calcio…non si può essere allenatore, giocatore e arbitro.

Come dice il titolo dell’EP, non si tratta di essere bravi o più bravi, ma di essere sé stessi, autentici, il più possibile.

Ci sento anche tantissimo sound "eighties", dai Depeche Mode ai Joy Division... 

Innanzitutto questa considerazione ci fa super piacere. I Joy Division ci piacciono un sacco…hanno segnato un punto svolta per la musica che ci piace. Gli stessi Depeche, gli U2, i The Cure, i Nirvana o addirittura i Metallica hanno preso un sacco d’ispirazione da loro.

La musica di oggi è figlia della musica del passato. È per quello che ultimamente ascoltiamo un sacco di musica “vecchia”, e continuiamo a scoprire cose incredibili. Per quanto ci riguarda poi, siamo sempre stati dei fanatici del rock nelle sue varie forme e della new wave.

Mi raccontate un po' come è stato concepito? Lo avete registrato anche questo negli States?

Tra i vari cambiamenti dell’ultimo anno, abbiamo modificato anche il sistema di composizione e produzione. Il tutto è stato creato jammando tra di noi, senza troppi calcoli, lasciando fluire la musica nella sua forma più pura.

Abbiamo allestito un piccolo studio di registrazione in casa e ci siamo semplicemente divertiti suonando, soprattutto di notte... ringraziamo i vicini per la pazienza (ride).

Negli anni ci siamo accorti che puoi registrare in studi super professionali, ma alla fine quello che conta sono la composizione, l’energia, e il feeling.

Come mai la scelta di un EP?

In teoria in novembre volevamo fare uscire un album, anche perché è già finito…ma tutti ce l’hanno sconsigliato. Avevamo però un bisogno nostro di pubblicare qualcosa e abbiamo trovato questa soluzione.

Il bello è che il giorno della release abbiamo scoperto di essere stati inseriti in una delle playlist rock più importanti di Spotify, “All New Rock”, assieme a gente come Liam Gallagher, Billie Joe dei Green Day, eccetera... Una bella soddisfazione: dalla piccola Losone non è niente male!

Mi ha colpito molto il pezzo “Van Gogh”, per il titolo e il testo, c'è qualche curiosità legata a questo brano? 

Van Gogh è un pezzo molto speciale per noi. È una sorta di dedica a una persona che non c’è più. La vita passa troppo veloce, e ti rendi conto che devi riuscire a stare bene nella tua pelle, in quello che fai e soprattutto con le persone a cui voi bene.

Abbiamo affidato la parte di batteria a Mark Schulman, batterista di P!nk, che ha collaborato anche con Billy Idol e i Simple Minds.

Solitamente produciamo il groove via midi o alla buona suonato da noi, poi glielo inviamo e lui lo registra nel suo studio a Los Angeles. 

Il pezzo di riferimento che gli abbiamo dato era una canzone dei Simple Minds e, ridendo, ci ha detto pacatamente che era lui ad averla registrata!

Fra le tracce c'è anche un (pregevole) assolo di chitarra di Ivan, com'è stato per lui/voi riportare le chitarre (ancora di più) in primo piano in questa serie di nuovi brani?

I nostri “strumenti” principali sono voce e chitarra. Semplicemente abbiamo cercato di sfruttare meglio le nostre qualità. Ivan è sempre stato ed è un bravissimo chitarrista, a 15 anni faceva già degli assoli incredibili. È raro trovare chitarristi così. Questa nuova direzione ha bisogno di chitarra…ed è solo l’inizio!

Domanda, purtroppo classica, da musicisti come state vivendo l'emergenza pandemia? 

Il nostro settore, e più i generale quello artistico, sta subendo un duro colpo dalla pandemia. Purtroppo troppa gente non si rende conto che l’arte è fondamentale e che va sostenuta in ogni modo. Abbiamo un sacco di amici che hanno dovuto trovare soluzioni alternative, cambiare lavoro….ma non è sempre facile. 

Basti pensare a tutti i tecnici audio, luci, studi di registrazione, i service, i servizi di booking e i promoter stessi…chi li aiuta veramente?
Inoltre come sempre sono le piccole realtà che subiscono più di tutti. Per questo mandiamo un abbraccio virtuale a tutto il settore, indiscriminatamente.

Pensate che la musica, soprattutto live, saprà riprendersi da questo momento difficile?

La musica DEVE riprendersi…soprattutto quella live. Magari sarà anche un’occasione per resettare qualche priorità…il sistema musica aveva anche bisogno di una scossa da un certo lato.

Noi aspettiamo con ansia il 2021….stiamo preparando il tour per l’uscita dell’album a fine marzo, i live iniziano a mancarci e speriamo proprio di non dover più rimandare.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-21 00:16:00 | 91.208.130.87