Keyston
ITALIA
13.10.2020 - 13:000

Ecco perché Arisa ha ceduto alle lusinghe del ritocchino

Lo ha raccontato in intervista al Corriere della Sera: «Speravo che mi sarei vista più bella e meno vuota»

MILANO - Aveva già parlato in passato di quella volta che aveva ceduto al richiamo della siringa del filler, Arisa, ma ha voluto tornare sull'argomento - e soprattutto sulle motivazioni alla base della sua scelta - in una recente intervista rilasciata al Corriere della Sera. 

Il fil rouge è uno: l'insicurezza legata al suo aspetto fisico, che l'ha accompagnata sin da bambina: «Alle medie non ero certo tra le ragazzine più carine. I compagni mi prendevano in giro per il naso o perché non avevo tanti vestiti. Per gli altri erano battute ma io le prendevo sul serio, mi pesavano».

Carburante per gli sfottò anche le sue origini umili: «Abitavo in campagna, mio padre ha sempre avuto gli animali e capitava che portasse a pascolare le pecore vicino alla strada dove passava l’autobus della scuola. Hanno iniziato a chiamarmi pecora, a dirmi che puzzavo...».

Un sentimento di inadeguatezza che si è poi manifestato, malgrado il successo, anche da adulta: «Ero alla ricerca di un modello di perfezione che mi stava mettendo in difficoltà. La società tende a farci sentire in difetto ponendo l’accento sull’estetica. Passavo il tempo a guardarmi allo specchio. Vedermi più bella pensavo fosse il modo per riempire dei vuoti, così ci sono cascata: ho iniziato a fare delle punturine, mi sono lasciata prendere».

Capito lo sbaglio, l'accettazione: «Solo ora sono riuscita a fare uno switch e superare quel senso di inadeguatezza che non mi faceva essere mai felice. Mi sento me stessa quando mangio quello che mi piace, anche se ho dei chili in più: non vengo dalla Norvegia, ma da una famiglia di donne che mangiano, cucinano. Ho capito che il nostro corpo dovrebbe essere l’espressione di chi siamo: non ha senso fingere. Ti piace mangiare? E mangia! Prima pensavo che avendo labbra più turgide sarai stata amata di più. Ma in quel tentativo non mi riconoscevo ed ero la prima ad amarmi meno».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 22:33:12 | 91.208.130.86