Keystone / AP
FRANCIA
29.01.2020 - 17:000

Asia Argento: «In molti in Europa hanno capito»

L'attrice è tornata sui casi Weinstein e Benett

di Redazione
ats ans

PARIGI - «L'Italia una 'cattiva madre'? Non lo penso più. All'inizio del caso Weinstein, i media di destra mi avevano assalita in modo abbastanza disgustoso. Da allora, c'è stato un bel risveglio delle coscienze»: lo dice l'attrice e regista italiana, Asia Argento, intervistata dal quotidiano Le Monde in occasione del Festival du Film Fantastique di Gérardmer, di cui quest'anno è stata scelta come presidente di giuria.

«Per quanto riguarda le ingiustizie di cui sono stata vittima - prosegue Asia Argento - gli europei sono stati più lungimiranti degli americani. In molti, qui, hanno capito che l'attore che mi accusa di pedofilia, Jimmy Benett, è stato sfruttato. Questo slancio di solidarietà mi ha commossa, perché ho vissuto un terribile biennio 2017-2018».

«All'inizio si trattava di denunciare gravi abusi di potere. Ma con il tempo questa vena militante si è dilapidata. #Metoo è diventato un prodotto hollywoodiano, qualcosa che instupidisce, di un po' finto e bigotto. Un pass, un vestito da sera e basta. La Democrazia Cristiana in tutto il suo splendore», aggiunge l'attrice nell'intervista a Le Monde.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 23:04:53 | 91.208.130.87