Amka/Tipress
"Love me Tender" è una co-produzione Amka e RSI.
+ 2
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
4 ore
Il sogno a luci rosse della figlia di Steven Spielberg
Mikaela Spielberg ha comunicato la notizia ai genitori via Facetime: «L'hanno presa abbastanza bene»
ITALIA
6 ore
Michelle Hunziker fa la “dichiarazione” alla Toffanin: «Fiera di te»
La showgirl ha dedicato un lungo post all’amica conduttrice
STATI UNITI
8 ore
Orlando Bloom ha corretto il tatuaggio con il nome sbagliato del figlio
Lo aveva scritto in codice morse (ma male) per colpa di una tabellina con l'alfabeto trovata su internet
ITALIA
10 ore
Una foto scatena i fan di Belen, lei replica: «Non sono incinta!»
Social network in subbuglio per una misteriosa immagine postata dall’argentina
STATI UNITI
12 ore
Nessuna rapina, Pop Smoke sarebbe stato assassinato
I filmati di sorveglianza mostrano un gruppo di 4 persone in azione attorno alla casa in cui viveva il rapper
ITALIA
13 ore
Emma Thompson e Greg Wise si trasferiscono a Venezia
I due attori, marito e moglie, si sono recati oggi all'Anagrafe di Mestre
ITALIA
15 ore
Morgan, il foglio con le parole modificate di Sanremo supera i 3000 euro
Il cantante lo ha messo all'asta su Ebay, le offerte sono già più di 160. Il ricavato? In beneficenza
LOCARNO
16 ore
Paolo Tomamichel, libertà creativa al profumo di prog-rock
"A Fairytale" è il primo singolo del nuovo progetto da lui guidato, The Odd Musical Corporation
BELLINZONA
20 ore
Rabadan riporta tutti indietro negli anni '90
Sul palco del Capannone Eventi saliranno Eiffel 65, Dj Matrix e Neja
REGNO UNITO
1 gior
Niente marchio "Sussex Royal" per Harry e Meghan
La regina avrebbe vietato l'uso commerciale della dicitura che caratterizza la coppia
FOTO E VIDEO
REGNO UNITO
1 gior
Billie Eilish in lacrime sul palco: «Mi sono sentita molto odiata»
La giovane cantante si è esibita ai Brit Awards e non ha saputo trattenere le emozioni quando è tornata sul palco per ritirare il suo premio
ITALIA
1 gior
Fedez “più elegante” della Ferragni: social in subbuglio
Una foto postata dal rapper su Instagram scatena i follower 
REGNO UNITO
1 gior
Harry Styles minacciato con un coltello e derubato
Il cantante ha consegnato del denaro all'aggressore e non è rimasto ferito
ITALIA
1 gior
La smentita di Eros: «Valentina Bilbao? Solo un’amica»
Il cantante nega il presunto flirt con la pittrice venezuelana  
CANTONE
29.01.2020 - 06:010

«“Love me tender” è un film che ti apre il cuore»

Parola della regista Klaudia Reynicke che, dal Ticino, lo ha portato in tutto il mondo: «In sala c'è chi ride, chi piange e chi... tutti e due»

LUGANO. Ha stupito Locarno e poi è partito in giro per i festival del cinema di tutto il mondo, è “Love me tender” della regista di origini peruviane (e ticinese d’adozione) Klaudia Reynicke che racconta la surreale storia di Seconda, affetta da agorafobia, e la lotta tutta sua per riconquistarsi una vita. 

Il film è stato prodotto dalla compianta Tiziana Soudani, con la sua Amka Films, deceduta domenica notte dopo una lunga malattia. È un lavoro a cui lei teneva particolarmente, un po’ dramma psicologico, un po’ commedia, un po’ farsa teatrale. «Ognuno reagisce a modo suo al film, c’è chi ride, chi si commuove e pure tutti e due assieme», ci racconta la regista.

Partiamo dall’idea alla base del film, come ti è venuta?
Diciamo che unisce due desideri che ho sempre avuto. Quella di raccontare la storia di un antieroe e quella di mettere in scena una lotta interna ma che non fosse troppo oscura e “sotterranea”. Seconda, con la sua tutina blu, a suo modo è una supereroina tribolata che lotta per ottenere qualcosa, vivere la vita in un modo diverso, il suo. Alla fine quello che è uscito è “Love me tender” che senza dubbio non è un film di quelli classici, ma va bene così. Per me il cinema dev’essere così: deve osare, proporre qualcosa di diverso.

Parlando di Seconda, com’è stato lavorare con Barbara Giordano?
È stata fondamentale, ha portato tanta luce nel personaggio. Ci ha messo un coté infantile che lo rende molto più comico da quanto originariamente poteva trasparire dal copione. Ed è una cosa che ha contribuito in maniera fondamentale a far diventare il film quello che è diventato.

Nel film il disturbo di Seconda non è chiaro, si sa che ha paura di uscire ma non si capisce bene di cosa soffra. Si usa il termine generico di “agorafobia”, è voluto?
Sì, la mia intenzione non era quello di parlare delle patologie mentali quanto piuttosto di una lotta interiore anche metaforica. Per questo nel film non c’è nessun tipo di indagine medica o una diagnosi accurata, semplicemente non è importante per il discorso che volevo fare. Volevo raccontare come un individuo trova la forza di reagire malgrado una situazione difficile, mostrare questo percorso con un filo di speranza, ironia e poesia.


Il film è ambientato in Ticino… Com’è stato cercare le location per girare?
Io sono prima peruviana e poi anche romanda, sono venuta in Ticino 9 anni fa per amore, mi sono innamorata di un uomo ma anche di questo Cantone. È un luogo con caratteristiche spettacolari ed è strepitoso per la creatività e trovare ispirazione. È un posto diverso: non sembra né Italia né Svizzera interna… Ci sono i laghi, le montagne piramidali, le Alpi e… le palme! Paesaggisticamente è schizofrenico, ma in senso buono (ride).

Chi è del Mendrisiotto, diciamo, si sentirà a casa...
Sì, eccome! Ci sono diversi posti riconoscibili: Coldrerio, Arzo e soprattutto Chiasso. Mi sono innamorata di Chiasso è una città che è pura poesia. Si sente quello spirito ambizioso che aveva: di voler diventare una città grande, industriale e potente.Un potenziale che non si è poi realizzato appieno. È un posto pieno di racconti e speranze e di luce. Il ponte che scavalca la ferrovia (quello di Via Interlenghi, ndr.) è un po’ il suo emblema: era come in passato pensavano sarebbe stato il futuro, insomma un distillato di nostalgia.

Com’è stato portare “Love me tender” in giro per il mondo?
È stato bello soprattutto vedere le diverse reazioni in sala a dipendenza di dove ci trovavamo. Se al Pardo la gente ha cominciato subito a sghignazzare al Toronto Film Festival il pubblico ha reagito in maniera un po’ più tormentata. Diciamo che lo hanno preso più per un film drammatico. Completamente diversa la reazione a Londra (al British Film Institute, ndr.), lì la gente lo ha inquadrato subito come un film comico in stile “Mr. Bean”, sarà il british humour… Una cosa è sicura per tutti, però: il film li fa parlare e risuona in maniera particolare con ognuno in un modo che ancora non mi so spiegare. È un film che apre i cuori.

Per chiudere una domanda un po’ frivola, mi dici qualcosa di più sulla mitica tutina celeste?
È stata fatta e mano, e ne sono state realizzate parecchie! Ci ha pensato la costumista Laura Pennisi, lei e il suo team ne hanno cucite 30-40 in diverse taglie. Hanno fatto un lavoro eccezionale. Pensa che era diventata talmente proverbiale che anche nella crew c'è chi ha chiesto di poterne portare a casa una (ride).

L'anteprima svizzera di "Love me Tender" si terrà questa sera al Lux di Massagno, ore 20.00.

Amka
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-21 02:14:02 | 91.208.130.85