I Jethro Tull in concerto a Lugano il 26 novembre 2020.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Dani Faiv diventa grande con “Scusate se esistiamo”
Il trapper della Machete Crew di Salmo torna con il terzo album in studio ricco di featuring e di sorprese
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
3 ore
“Space Force”: l’esilarante ritorno di Steve Carell
L’attore di “The Office” torna a far squadra con Greg Daniels per una serie comica “spaziale”
VIDEO
CANTONE
6 ore
Un "Uragano" di nome Robin
Il giovane cantautore ticinese debutta con un singolo che anticipa la pubblicazione di un disco nelle prossime settimane
STATI UNITI
16 ore
Carole Baskin alla fine ha davvero messo le mani sullo zoo di Joe Exotic
O almeno sul suo terreno, lo ha decretato un tribunale americano per risolvere una causa milionaria fra i due
STATI UNITI
18 ore
Il razzismo «è la pandemia d'America»
George Clooney lancia un appello alla popolazione: bisogna cambiare la classe politica, a partire da Trump
ITALIA
20 ore
Belen prova a dimenticare Stefano con l’amico Mattia
La showgirl e il figlio sono ospiti di un personaggio ancora poco conosciuto
VIDEO
STATI UNITI
22 ore
L'inno delle proteste? Lo canta un 12enne
Il brano cantato da Keedron Bryant ha ricevuto elogi da Barack Obama, LeBron James e molte altre star
STATI UNITI
1 gior
Halsey: «Sono stata coperta dal sangue degli innocenti»
La musicista ha testimoniato in prima persona la violenza degli scontri tra polizia e manifestanti
STATI UNITI
1 gior
L'appello di Kendall Jenner ai suoi 130 milioni di follower
La top model invita tutti a istruirsi, così da comprendere e aiutare la comunità afroamericana
LUGANO
23.10.2019 - 06:010
Aggiornamento : 16:18

Il vento del prog porta i Jethro Tull a Lugano

Il 26 novembre 2020 Ian Anderson e soci saranno al Palazzo dei Congressi: ecco perché è un grande evento

LUGANO - Il 26 novembre 2020 i Jethro Tull arriveranno al Palazzo dei Congressi di Lugano.

Sarà una straordinaria occasione per ammirare dal vivo Ian Anderson e la sua band. “The Prog Years” è il titolo di questo concerto: il gruppo britannico è stato uno dei più significativi di questa avventura musicale e al contempo tra i più anomali, con quella peculiare miscela di rock, blues, folk ed elementi classici che i fan amano da oltre 50 anni. Ecco qualche motivo per cui sarà un concerto eccezionale.

Bach diventa rock se lo suonano loro - “Stand Up” del 1969, il primo successo della band, mostra che con la giusta attitudine anche il più classico dei lassici, Johann Sebastian Bach, può diventare rock. L'esempio è la travolgente “Bourée” tratta dalla “Suite per liuto nº 1 BWV 996”. È questo brano dominato dal flauto traverso e dal basso, più che gli altri che risentono ancora molto dell'originaria matrice blues della band, a inserire i Jethro Tull nell'onda progressive che si stava formando in quegli anni e che li porterà fino all'Olimpo del rock. 

Un barbone che dona la popolarità - Nonostante Anderson abbia più volte detto che non è così, “Aqualung” è di fatto un concept album imperniato su una feroce critica della società contemporanea che s'incarna nel barbone che appare in copertina - e che molti identificano con il frontman. Non è un disco prog nel senso stretto del termine ma è un capolavoro assoluto, forse il loro miglior album. Merito di brani straordinari come “Aqualung”, “Cross-Eyed Mary”, “Locomotive Breath” e “Wind Up”, che creano quello che il sound “classico” dei Jethro Tull.

Se il capolavoro è una presa in giro - “Thick As A Brick” è al contempo il capolavoro prog dei Jethro Tull e una presa in giro (nemmeno tanto velata) di quello che stava diventando il genere: uno sfoggio di tecnica e virtuosismo spesso arido e con ben poco da dire. La lunghissima suite della band, invece, mescola una smaccata ironia agli ormai canonici elementi folk e blues. Un'opera monumentale, che dal vivo viene proposta in una versione “condensata” altrettanto bella dell'originale. È probabilmente il punto più alto della carriera di Anderson e soci.

Quella sera di 15 anni fa... - Sabato 9 luglio 2005: tempo più che incerto su Lugano, il cielo è nero come il carbone e si teme che un temporale si abbatta su Piazza della Riforma. Questo però non scoraggia diverse migliaia di persone (compreso chi scrive) a recarsi in Piazza della Riforma per il concerto conclusivo di Estival Jazz. Joe Sample e Randy Crawford preparano il pubblico per una travolgente esibizione dei Jethro Tull: Anderson ubriaca tutti con i suoi funambolici solo di flauto e il resto della band lo sostiene al meglio. Uno show memorabile.

La prevendita è già aperta su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-03 12:34:51 | 91.208.130.89