LOCARNO FILM FESTIVAL
Gli effetti di #MeToo nel mondo del cinema secondo Lili Hinstin.
ULTIME NOTIZIE People
FOTO
CANTONE
49 min
Sebalter e la "Gente simpatica" trincerata dietro uno smartphone
Domani esce il nuovo singolo del cantautore, primo esempio della sua transizione musicale verso l'electro-pop
STATI UNITI
9 ore
Bradley Cooper vestirà i panni di Leonard Bernstein
Nel suo nuovo film per Netflix l'attore, che sarà anche regista, interpreterà il grande direttore d'orchestra e compositore americano
ITALIA
12 ore
Fabio Volo a Salvini: «Vai a suonare ai camorristi, se hai le palle»
Lo scrittore, in diretta questa mattina su "Radio Deejay", ha duramente criticato l'ex ministro per la sua diretta Facebook di ieri. E non è il solo
CANADA / REGNO UNITO
14 ore
Harry e Meghan contro i paparazzi
Gli avvocati avvertono: la violazione della privacy dei Sussex configura potenzialmente il reato di molestie
ITALIA
14 ore
Valeria Marini vs Rita Rusic, che battaglia in tv!
Le due donne, rivali da anni, hanno dato vita ad furioso litigio
REGNO UNITO
16 ore
Addio a Terry Jones, fondatore dei Monty Python
L'attore gallese aveva 77 anni ed era malato da qualche anno
ITALIA
16 ore
Paola Barale attacca Signorini: «Sulle donne ha dato il cattivo esempio»
La showgirl accusa il conduttore e giornalista di sessismo 
STATI UNITI
17 ore
“Star Trek: Picard”, Patrick Stewart arriva in plancia
Il franchise aggiunge l’ottavo capitolo alla sua lunga storia. Dal 24 gennaio su Amazon Prima di nuovo spazio al leggendario Picard
REGNO UNITO
19 ore
Ozzy Osbourne ha il Parkinson e si curerà in Svizzera
La leggenda del rock dice di sentirsi meglio rispetto a un anno fa
ITALIA
19 ore
J-Ax prepara il ritorno con “ReAle”, da solo…o quasi
Il 24 gennaio il rapper italiano torna con il suo nuovo album a distanza di oltre 4 anni dall'ultimo lavoro
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Lynch, sempre più Lynch
Il regista condensa tutto la sua visione di cinema (e oltre) nei 17 minuti di "What Did Jack Do?", disponibile da ieri su Netflix
BREGGIA
1 gior
«Ecco perché, nonostante i bocconi amari, torno a Sanremo»
Rita Pavone al Festival della canzone italiana, sempre avaro di soddisfazioni per lei, dopo 48 anni di assenza. Sul palco porterà “Niente (Resilenza 74)”, brano scritto dal figlio
SVIZZERA
1 gior
Disney+ arriva in anticipo
L'uscita del servizio di streaming è prevista per il 24 marzo
STATI UNITI
1 gior
Prince, i familiari mollano le cause legali sulla morte
I parenti avevano citato in giudizio medici, clinica e farmacia per omicidio colposo
CANTONE / MONDO
17.10.2019 - 06:010

#MeToo e cinema: «C'è ancora molto da fare e da migliorare»

Le riflessioni di Lili Hinstin, direttrice artistica del Locarno Film Festival: «Non credo che nessuna regista vorrebbe che il proprio lavoro fosse preso in considerazione solo perché lei è donna»

LOCARNO - LOCARNO - Il movimento #MeToo è entrato nell'industria cinematografica un paio di anni fa con la forza dirompente di un tornado: ha scoperchiato un sistema diffuso e accettato di abusi, molestie e sessismo. Il caso Harvey Weinstein è stato il più eclatante, ma non l'unico. Sull'onda dei gruppi che si sono creati e del sentimento popolare favorevole sono state proposte numerose istanze, si sono fatte promesse solenni e sono stati firmati documenti programmatici verso una parità di genere salariale e di rappresentazione.

Ora, varie professioniste ed esperte del settore denunciano che i cambiamenti - pur in un contesto culturale finalmente mutato - stanno avvenendo troppo lentamente. In modo «glaciale», come riportato in una estesa analisi del quotidiano britannico The Guardian. La consapevolezza del problema non si tramuta ancora in numeri tali da poter dire che il cambiamento è finalmente avvenuto, sostengono, e bisogna fare pressione affinché le promesse diventino realtà.

Abbiamo chiesto a Lili Hinstin, direttrice artistica del Locarno Film Festival, qual è il suo punto di vista su questi temi, così delicati e così importanti.

Ritiene che le istanze del movimento #MeToo siano state prese sufficientemente in considerazione dall'industria cinematografica?
«Forse non a sufficienza, c'è ancora molto da fare e da migliorare. Così come per altre grandi lotte, come l'ambiente, e per contrastare alcune situazioni critiche. Il movimento #MeToo ha dato il via a un importantissimo cambio di rappresentazione, che ora è maggiore e soprattutto a una velocità che nessuno si aspettava anche solo tre anni fa. Adesso però dobbiamo arrivare a un cambiamento di paradigma».

Di che genere?
«Sto leggendo su Le Monde un articolo su quelli che hanno definito i "numeri choc" delle violenze sessiste sul lavoro. Partono da un sondaggio realizzato in cinque Paesi europei (Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia e Spagna) che rivela che il 60% delle donne ha riscontrato dei "problemi" di vario genere nel corso della carriera. Quando si entra nelle pieghe del sondaggio si vede che è stato chiesto alle partecipanti se sono state aggredite sessualmente. Ecco, io direi che in questo sondaggio, con questa domanda, non si cambia paradigma: si continua a considerare le donne come oggetti di preda sessuale. Se parliamo di sessismo al lavoro potremmo anche domandare chi ha avuto la carriera bloccata dall'essere donna, dalla maternità eccetera. Ecco perché è ora di cambiare paradigma, come dicevo, e allargare il discorso a tutti i temi d'ineguaglianza pazzeschi che subiscono le donne».

Quale ritiene che sia il più eclatante?
«Parto dallo stipendio: se le donne fossero pagate allo stesso modo degli uomini sarebbero più rispettate e meno molestate».

Crede che Locarno, sotto la sua guida artistica, abbia soddisfatto le richieste di maggiore attenzione verso la parità di genere nella scelta dei film e nella composizione delle giurie? Oppure c'è margine per migliorare?
«Anche a Locarno si può migliorare, senz'altro. Penso che abbiamo fatto comunque dei buoni passi avanti in ambito artistico. Per esempio a livello dei comitati di selezione, che sono alla pari tra uomini e donne ma anche tra le giurie, dove per la prima volta nella storia del Festival c'è stata una donna presidente della giuria del Concorso internazionale. Che non fosse successo in 72 anni sembra sorprendente. Al Concorso internazionale c'erano tre donne e due uomini, quella di Cineasti del presente aveva due donne e un uomo, e così via».

Quanta attenzione a questi temi c'è stata anche in fase di selezione?
«Per un direttore artistico non è una questione facile da risolvere, o almeno io non l'ho risolta. È giusto voler dare maggior posto alle donne, ma serve equilibrio: non credo che nessuna regista vorrebbe che il proprio lavoro fosse preso in considerazione solo perché lei è donna. Per una creatrice sarebbe umiliante e irrispettoso. L'equilibro è dare più attenzione alle donne ma senza cadere in un sistema di quote rosa, a dispetto di un disegno artistico contemporaneo. Se guardiamo solo i numeri, è interessante per Locarno che quest'anno tra i lungometraggi abbiamo selezionato un 35% di film diretti da donne. Questo è un buon segnale, direi».

Si procede nella giusta direzione, quindi?
«Vedo che è una questione generazionale: i più giovani di noi, nel comitato del Festival, hanno assimilato le questioni di rappresentanza (non solo di genere, ma anche di minoranze). La gioventù in seno al comitato riflette quello che è un movimento nella società, che è reale e importante».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-23 06:50:36 | 91.208.130.89