KYRHIAN BALMELLI
I Dreamshade durante il loro trionfale tour asiatico.
+32
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
2 ore
Mara Venier, sfortuna infinita: nuova caduta
La conduttrice di “Domenica In” è inciampata mentre si trovava a Forte dei Marmi in vacanza con amici
ITALIA
4 ore
Eleonora Daniele svela le sue emozioni da neomamma
La conduttrice televisiva ha dato alla luce la piccola Carlotta a maggio e ora ne parla per la prima volta
STATI UNITI
6 ore
Neil Young non molla e fa causa a Trump per l'uso delle sue canzoni
«Non le ho scritte per fomentare l'odio e l'ignoranza», e chiede 150 mila dollari. Non è la prima leggenda a farlo
ITALIA
8 ore
Michelle Hunziker: «Vi spiego cosa è l’amore»
La splendida showgirl svizzera decide di condividere con i suoi follower la sua idea di amore e felicità
COREA DEL SUD
9 ore
BTS, un nuovo singolo per sconfiggere la paura
La band coreana ha annunciato la pubblicazione di un nuovo brano, in lingua inglese, per il prossimo 21 agosto
FOTO E VIDEO
STREAMING
10 ore
I supereroi incasinati di “The Umbrella Academy” se la giocano alla pari con la Marvel
La famiglia di supereroi, decisamente disfunzionali, torna su Netflix con una sorprendente seconda stagione
STREAMING
CANTONE
12 ore
Una nuova canzone di Steve Lee nel giorno del suo compleanno
È un classico degli anni Ottanta: "Eye of the Tiger"
LIBANO
14 ore
Le star libanesi sconvolte per Beirut
Mika, Mia Khalifa e Nancy Ajram hanno manifestato sui social il loro dolore per quanto avvenuto ieri.
CANTONE
18 ore
Per i Nova e Christian Zatta una mini-tournée... sotto le stelle
La band del chitarrista ticinese a settembre farà un mini-tour fra musica e scienza negli osservatori astronomici
STATI UNITI
1 gior
Halsey, la popstar che non pensava di diventare una popstar
La ricerca della felicità è fondamentale per la cantautrice, che non dimentica però l'impegno sociale
ITALIA
1 gior
Elisabetta Gregoraci applaude la Ferragni: «Viva le imperfezioni»
L’ex di Flavio Briatore si racconta a ruota libera a Libero Quotidiano, e rivela: “Chiara sa come muoversi”
STREAMING E VIDEO
ITALIA
1 gior
Le star cantano De André per celebrare il nuovo ponte di Genova
"Crêuza de mä pe Zêna" è il brano commemorativo dell'evento che ha avuto luogo ieri
REGNO UNITO
1 gior
La Royal Family fa gli auguri a Meghan (nonostante tutto)
William, Kate e la Regina hanno ricordato i 39 anni della Duchessa di Sussex
ITALIA
1 gior
Diletta Leotta: la storia con Scardina appartiene al passato
La bellissima presentatrice televisiva parla della fine del suo rapporto con il pugile
CANTONE
1 gior
Passione, lussuria ed eccessi per «l'escort più bello al mondo»
Franco Toro è il protagonista del nuovo libro di Dario Neron: «È quello che segretamente tutti vorrebbero essere»
STREAMING E VIDEO
STATI UNITI
2 gior
Taylor Swift infrangi-record con "Folklore"
Alcuni dei principali primati raggiunti dalla popstar con il suo nuovo lavoro
STATI UNITI
2 gior
Kanye West cerca di salvare il matrimonio con un viaggio
La coppia ha messo i figli su un jet e tutti sono partiti per una destinazione (al momento) segreta
ITALIA
2 gior
Belen Rodriguez: un’estate da dimenticare
La showgirl argentina ancora al centro del gossip, ma le sue vacanze non decollano
VIDEO
ITALIA
2 gior
È social la prima parolaccia di Leone, ma l'ha detta davvero?
La coppia pubblica un video con il piccolo che si lascia andare a una brutta espressione, il papà: «Mi dissocio»
ITALIA
2 gior
Facchinetti denuncia: «Un uomo ha sputato e offeso mia madre»
Il conduttore tv ha subito un'aggressione verbale a Milano
FOTO
MONDO
2 gior
Ecco cosa guarderemo su Netflix & co. questo mese
Tanti gusti sul menu, da "World's Most Wanted" a "Biohacker", passando per "Lucifer" e "The Last Narc"
SVIZZERA
3 gior
E in vacanza in Svizzera c'è pure Robbie Williams
Il cantante sta viaggiando per la Confederazione con la famiglia, a svelarlo una serie di post sui social
VIDEO
STATI UNITI
3 gior
Billie Eilish, il suo «futuro» scritto durante la quarantena
La cantante statunitense ha pubblicato il suo nuovo singolo "my future" venerdì scorso
CANTONE
14.10.2019 - 06:010
Aggiornamento : 08:56

I re (ticinesi) dell'Asia sono già al lavoro

Dopo essere tornati dalla loro terza trionfale tournée in Oriente i Dreamshade si sono buttati anima e corpo nella realizzazione del loro nuovo disco

LUGANO - Non è da tutti portare a termine un tour in Asia, specialmente per una band ticinese. Se poi quella conclusa nelle scorse settimane è addirittura la terza tournée dall’altra parte del mondo, ecco, c’è poco altro da aggiungere per far capire quale levatura hanno raggiunto ormai i Dreamshade.

Per parlarci un po’ di questa ennesima straordinaria esperienza abbiamo contattato Kevin Calì, il frontman di questa amata rock band.

Kevin, com’è andata la vostra tournée asiatica?
«Direi alla grande. Questa volta abbiamo toccato delle città cinesi come Kunming e Chengdu, dove non eravamo mai stati, ed è stato un grande successo tutte le sere. L’accoglienza è sempre favolosa e ogni show ci ha sorpreso».

Cosa c’era di diverso rispetto ai tour precedenti?
«Intanto siamo noi a essere cambiati: la line-up era differente, non siamo più gli stessi degli altri tour. Tra il pubblico c’erano persone che erano venute a sentirci in passato e - non ci potevamo credere - gente che ha fatto spostamenti di migliaia di chilometri per essere a un nostro concerto. Alcuni sono venuti a due date di fila e ci hanno seguito... È una cosa completamente fuori di testa, da veri fan».

Quindi avete una solida base di sostenitori asiatici?
«Assolutamente sì! Fatta di vecchi e nuovi fan. Alcuni ci hanno scoperti da poco, altri ci seguono da anni e questa è una figata. Ci ha fatto molto piacere l’aver percepito tutto questo fermento, non ce lo aspettavamo».

Uno dei concerti vi è rimasto particolarmente impresso nella memoria?
«Quello di Chengdu, sia personalmente che dopo aver sentito i feedback della band. Era in un club di una delle città in cui non eravamo mai stati e con gente fuori di testa. Non ci aspettavamo un’accoglienza del genere. Quasi tutti cantavano le nostre canzoni, sia le vecchie che quelle nuove, saltavano, pogavano, si buttavano dal palco... Ma anche il primo concerto a Taipei, nel corso di un festival. Uno show gigantesco, sulla spiaggia, con tantissime persone. Sono state due cose grandiose con atmosfere differenti, ma se mi dici di sceglierne una ti direi Chengdu: è stata davvero una sorpresa».

Qual è la cosa più assurda che vi è capitata?
«L’Asia è assurda ogni giorno: abbiamo visto talmente tante cose, personaggi particolari… È una realtà così diversa da quella a cui noi siamo abituati ed è stato figo confrontarsi con essa. Sia in Cina che in Giappone è stata una continua scoperta di cose nuove».

Avete avuto modo di fare anche un po’ i turisti?
«È stato fatto tutto abbastanza di corsa, i viaggi sono lunghi e c’erano parecchi aerei da prendere, però fortunatamente siamo riusciti a trovare un po’ di spazio qua e là per visitare e per concederci un po’ di svago. Città bellissime, luoghi fantastici e che non ti aspetti, da togliere il fiato».

Vi siete concessi un po’ di relax, appena tornati?
«Ci siamo presi giusto una settimanella e poi ci siamo trovati e abbiamo subito buttato giù un programma dei prossimi mesi e una deadline da osservare».

Che, immagino, riguarda la realizzazione del nuovo album che è in cantiere. Che tipo di lavoro sarà?
«”Vibrant”, che è l’ultimo disco che è uscito, aveva un approccio più rock. Vogliamo ritornare un po’ a quello che è stato il nostro sound precedente e trovare una giusta amalgama, che racchiuda tutto il nostro percorso fino a oggi. Ci siamo prefissati di scrivere un album più d’impulso e d’istinto, nella maniera più naturale e genuina possibile e senza soffermarci troppo a rivedere ogni singolo dettaglio».

Quindi vi attendono settimane parecchio impegnative, o sbaglio?
«Nei prossimi mesi ci concentreremo sul disco. Abbiamo già alcuni brani pronti, che sono usciti bene, nella direzione giusta che vogliamo seguire. Altri sono da completare entro la fine di febbraio o l’inizio di marzo, quando ci saranno la masterizzazione e il mixaggio. Lo studio è già prenotato, quindi non possiamo sgarrare. Poi stiamo lavorando al tour per l’anno prossimo, concerti e partecipazioni a festival. Sì, c’è un bel po’ di carne al fuoco».

La sfida di organizzare un tour in Asia... stando in Ticino

Creare a tavolino una tournée dall'altra parte del mondo non è un'impresa facile: ci sono moltissime variabili da considerare e la quantità di cose che potrebbero andare storte è tale da non far dormire la notte. Abbiamo quindi chiesto come si gestisce un tour in Estremo Oriente a chi l'ha fatto per i Dreamshade, ovvero a Michele Gatti di Horang Music.

Come si organizza una tournée dall'altra parte del mondo?

«Prima di partire dal “come” inizio dal “perché”: è importante per prima cosa domandarsi se ha senso fare un tour e definire l’obiettivo. Secondo me un tour da headliner in un altro paese ha senso nel momento in cui c’è una base di mercato e si vede un segnale di interesse da parte del pubblico. Il tour ha lo scopo poi di fidelizzare e ovviamente ad allargare la fanbase. I Dreamshade negli anni sono stati in grado di generare interesse in diverse parti del mondo: dagli Stati Uniti alla Cina, dal Sudafrica alla Svezia. Hanno uno show solido e alla base c’è la scrittura dei brani: per me la cosa più importante, sono le fondamenta. Concerto dopo concerto devo dire che si sono fatti apprezzare dal pubblico e dagli addetti ai lavori, come artisti ma anche come persone, in tour bisogna anche ovviamente sapersi comportare. La somma di questi e altri elementi sono la base per iniziare un possibile dialogo con i vari organizzatori fuori dalla Svizzera. Per una band partire dal “facciamo un tour in.." può rappresentare in molti casi anche una perdita di tempo in termini di reali benefici: può essere un’avventura fine a se stessa se non ci sono basi solide e una visione a lungo termine. Se invece ci sono dei presupposti per un tour allora la cosa migliore è cominciare a capire chi sono i possibili promoter locali, studiare il mercato nel paese dove si vuole andare in tour, magari chiedere a chi ci è già stato e poi iniziare un dialogo con le agenzie. La parte fondamentale è comprendere se e quanto sono affidabili gli interlocutori. In Asia abbiamo trovato il migliore dei partner possibili: conosce il mercato asiatico, è affidabile e ha dei collaboratori che sono dei professionisti. Non potevamo trovare di meglio».

Quali sono le principali difficoltà?

«Ogni tour ha difficoltà diverse proprio perché ogni paese è diverso. Certamente è importante avere il maggior numero di informazioni sul paese di destinazione: alcuni paesi comunicano attraverso social media diversi da quelli che usiamo qui, è importante capire se le distanze tra una data e l’altra sono affrontabili, il miglior mezzo per spostarsi, definire il prezzo corretto del biglietto, capire le tempistiche per eventuali visti e permessi, controllare prima se i club sono adeguati a livello tecnico eccetera. Per questo è importante trovare dei partner locali affidabili e con esperienza».

Ci sono stati degli inconvenienti? Se sì, come li hai risolti?

«Gli inconvenienti capitano e fanno parte di questo e di altri lavori. Si cerca di prevedere ogni problema ma ci sono situazioni in cui le cose sono da risolvere in quel preciso istante e anche alla svelta. Se l’inconveniente è risolvibile si analizza il problema tutti insieme e in modo freddo si prende una decisione. Le soluzioni in linea di massima si trovano, a patto che tutte le persone coinvolte siano adulte, responsabili e ragionevoli. Con i Dreamshade è proprio così».

KYRHIAN BALMELLI
Guarda tutte le 35 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-06 00:39:47 | 91.208.130.89