ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
14 ore
La Ferrari fa causa a Philipp Plein: la multa sarà donata a Floyd?
Lo stilista ha proposto di versare i 200'000 dollari di risarcimento alla fondazione Gianna Floyd
STATI UNITI
1 gior
Faranno una serie reality sull'altro Tiger King
Ovvero Jeff Lowe l'ex-socio (e rivale) di Joe Exotic: «Faremo vedere il modo giusto di gestire uno zoo come questo»
STATI UNITI
1 gior
«Sì ho avuto un incidente con una motosega, ma niente di serio»
Minimizza così Cate Blanchett che si è «solo fatta solo una piccola tacca sulla fronte»
ITALIA
1 gior
Barbara D’Urso, la foto con Massimo Troisi scatena gli haters
La conduttrice ha postato un vecchio scatto con l’attore 
STATI UNITI
1 gior
Manifestazione a Chicago, c'è anche Kanye West
Il rapper ha anche istituito un fondo per gli studi della figlia di George Floyd
ITALIA
1 gior
«La Hunziker di nuovo incinta», ma lei smentisce
L’opinionista Jonathan Kashanian lancia l'indiscrezione, poi la replica di Michelle in diretta a “Striscia”
STATI UNITI
1 gior
La raccolta fondi per la figlia di George Floyd ha superato il milione di dollari
In poco tempo 43'000 donatori hanno versato un contributo. Ma non è l'unica lanciata dalla famiglia stessa
VIDEO
CANTONE
1 gior
Sebalter, nuovo guru del fitness?
Ecco il video (fortemente autoironico) di "Corrono i baci corrono", singolo estratto da "Gente Simpatica"
VIDEO
CANTONE
2 gior
La serie web noir che... si finanzia dal basso
È "Liscio on the Rocks", che sarà diretta da Marco Capodieci e avrà in Alessandro Collovà l'interprete principale
ITALIA
2 gior
Tommaso Paradiso: «Mio padre mi ha abbandonato da piccolo»
L’ex leader dei TheGiornalisti racconta le difficoltà della sua infanzia
CANTONE
17.09.2019 - 06:010

Si scopre giallista a 50 anni. E non si ferma più

Mirko Stoppa, classe 1964, è al suo quarto romanzo. I suoi libri hanno una caratteristica particolare: tutti autoprodotti

GORDOLA – Si è scoperto scrittore a 50 anni. E da allora non ha più smesso di produrre. Mirko Stoppa, classe 1964, di Gordola, ma di origini momò, è ormai al suo quarto romanzo. Libri a tinte gialle. Tutti con una caratteristica: autoprodotti. Giornalista professionista, Stoppa oggi si occupa di comunicazione per una grande azienda. Ha esordito nel 2015 con “L’assassino del domino”, seguito da “Hircus occidit Lavis” (2016). “Livio, trovami” e “Il mistero della rotoballa” sono, invece, stati entrambi pubblicati del 2019.

Il suo quarto libro ha un titolo particolare. A che cosa si è ispirato?

Forse è la parola “rotoballa” che rende il titolo particolare. Per la prima volta mi sono ispirato a fatti realmente accaduti, ma per proteggere persone e luoghi sono stati cambiati e adattati alla storia che racconta di una rotoballa e di una cabina telefonica.

Quattro libri in pochi anni. Si è scoperto scrittore a 50 anni. Come è avvenuta la metamorfosi?

Nessuna metamorfosi, perché in realtà ho sempre scritto, sia per lavoro, sia per passione. Poi è arrivata la persona giusta che nel momento giusto mi ha detto: «perché non pubblicare invece di lasciare i fogli in un cassetto?». Alla mia compagna devo molto.

I suoi testi sono molto legati al territorio ticinese. Quanta ricerca storica e geografica c'è dietro?

Molta ricerca. Per essere credibili è fondamentale scrivere cose corrette. Questo l’ho imparato facendo giornalismo. I gialli non fanno eccezione ed è molto importante la preparazione, la documentazione e, appunto, la ricerca. Leggere e studiare altri gialli è stato di grande aiuto. In questo modo ci si procurano gli strumenti narrativi necessari per una buona scrittura.

Qual è il suo legame col Ticino?

Il legame con il territorio è un fatto naturale: scrivo dei luoghi che conosco; mi piace sapere da dove veniamo, per cui storia e geografia sono importanti. Inevitabilmente finiscono nelle pagine che scrivo, come altre passioni: la genealogia e le aringhe. Questo senza essere altezzoso e noioso.

Ha deciso di auto pubblicarsi. Perché questa scelta?

Il 98% degli editori a cui scrivi non ti risponde. I tre quarti di chi risponde ti ringrazia ma non è interessato. E quello che si interessa a te non è un editore, ma uno stampatore. Infatti, se paghi, pubblichi. Stampare mille copie costa parecchio. Gli editori che ho incontrato mi hanno fatto un’offerta senza aver letto una pagina di quanto avevo scritto…

Dunque come funziona il suo sistema?

L’autoproduzione (nel mio caso con Createspace independent Publishing Plattform di Amazon) mi permette di stampare i miei libri senza anticipare un franco, senza dovere calcolare nel prezzo le percentuali di editori e librerie, senza avere libri in giacenza e cogliere ogni occasione per piazzarne uno. Con l’autoproduzione del libro su richiesta, il prezzo di copertina è più contenuto, anche perché scrivo per essere letto, certo non per diventare ricco. L’aspetto negativo dell’autoproduzione è che spesso i media non ti prendono in considerazione e nessuno recensisce questi libri.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-07 08:32:44 | 91.208.130.85