keystone-sda.ch/ (OPEN ARMS / HANDOUT)
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
1 ora
A sorpresa il nuovo brano di Bob Dylan da 17 minuti
Si intitola "Murder Most Foul" e parla dell'assassinio di John Fitzgerald Kennedy
SVIZZERA
5 ore
Il mondo culturale dopo il virus? «Dovrà reinventarsi»
Lo dice Philippe Bischof di Pro Helvetia: «Stiamo vivendo un vero terremoto».
GERMANIA
7 ore
Falso allarme, Till Lindemann è negativo al coronavirus
Dopo aver trascorso una notte in terapia intensiva, le sue condizioni sono migliorate
ITALIA
9 ore
Una frecciatina social di Belen alla D’Urso, così ricomincia la guerra?
Un commento durante una diretta Instagram potrebbe riaprire la faida fra le due showwomen
STATI UNITI
19 ore
«Per alcuni la libertà è più importante della salute», Evangeline Lilly chiede scusa
L'attrice resa famosa da “Lost” e "Lo Hobbit" aveva criticata quarantena e social distancing, oggi però ha cambiato idea
VIDEO
STATI UNITI
21 ore
Un video commuovente di Kobe che parla di com'è stato far scoprire il basket alla figlia Gigi
Lo ha postato la mamma e vedova Vanessa Bryant su Instagram a due mesi dal tragico incidente che li ha uccisi
ITALIA
23 ore
«Qualcuno ha scaricato le foto di mio figlio per dire che è morto di coronavirus, ma quanto mi fai schifo?»
L’indignazione del rapper Fedez per il post su di una pagina Facebook che ha usato (malissimo) l’immagine di Leone
GERMANIA
1 gior
Coronavirus: ricoverato Till Lindemann, frontman dei Rammstein
Si trova in terapia intensiva in un ospedale di Berlino
STATI UNITI
1 gior
Canada addio, Harry e Meghan sono già in California
E sono già in quarantena nella loro nuova casa: «Vancouver non poteva funzionare, hanno dovuto decidere in fretta»
ITALIA
1 gior
Bocelli in concerto a Pasqua nel Duomo di Milano
L'esibizione verrà trasmessa in streaming in tutto il mondo
ITALIA
10.08.2019 - 20:460

«Qui a Lampedusa per aiutare», e poi una "frecciata" a Salvini

Richard Gere ha incontrato oggi la stampa: «Sono venuto spontaneamente, nessuno ha richiesto la mia presenza»

LAMPEDUSA - Era in vacanza vicino Roma con la sua famiglia Richard Gere. Quando ha sentito la storia della Open Arms ferma da giorni al largo di Lampedusa con 121 migranti a bordo e senza un porto dove sbarcare, l'attore americano non c'ha pensato due volte. Ne ha parlato col figlio, Homer James Jigme, 19 anni. E dopo essersi messo in contatto con il fondatore della ong spagnola, Oscar Camps, assieme al suo primogenito ha preso il primo volo per l'isola delle Pelagie.

Dopo avere constatato di persona le condizioni dei naufraghi salendo sulla Open Arms, dove intanto il numero è salito a 160 dopo il salvataggio, ieri notte, di altri 39 migranti, Richard Gere s'è presentato a fianco a Camps, al direttore di Open Arms Riccardo Gatti e allo chef Rubio per raccontare cosa ha visto e soprattutto le storie terribile che ha ascoltato direttamente dai migranti, rimanendo scioccato dagli orrori riferiti dalle donne stuprate nei campi libici.

Camicia azzurra, pantaloni grigi e cappellino color corda, Gere è apparso commosso: «Sono venuto a Lampedusa solo per aiutare queste persone. Anche negli Stati Uniti la gente che arriva dal Messico, da Panama, dall'Honduras da El Salvador viene demonizzata: è ora di dire basta».

Gere non parla bene l'italiano, ma lo comprende perfettamente. E ha capito tutto quando ieri mattina s'è sentito dire no da un uomo che, con la propria barca, doveva portarlo sulla Open Arms - da dieci giorni al largo di Lampedusa - assieme allo chef Rubio e agli attivisti della Ong spagnola.

«Sono venuto spontaneamente, nessuno ha richiesto la mia presenza. Amo moltissimo gli italiani, il vostro spirito, la vostra anima, la vostra generosità e anche la gioia di vivere. Eppure sto notando - ha detto il divo di Hollywood - che qualcosa è cambiato. È stato difficile raggiungere la Open Arms con la montagna di provviste. Quando ho sentito quanto stava accadendo e del decreto passato in Italia, non potevo credere che i miei amici italiani potessero tirare fuori questo odio. Open Arms l'ho conosciuta qualche anno fa a Barcellona. Non è la prima volta che vengo a Lampedusa, ho già visitato l'hotspot tre anni fa e ho conosciuto le sofferenze di coloro che chiamano migranti, ma che sono dei rifugiati».

Assieme ai volontari dell'Ong «siamo andati a comprare tante provviste: le persone avevano bisogno di mangiare e bere. Ci sono state delle difficoltà per portare i viveri - ha aggiunto - La prima barca che avevamo trovato non ci ha accompagnati perché temeva ripercussioni».

«Salvini? Anch'io vengo da un Paese dove c'è una situazione bizzarra» - E a chi gli ha chiesto di Matteo Salvini, ha risposto secco: «Non sono interessato alla politica italiana; anch'io vengo da un Paese dove c'è una situazione bizzarra. Sembra che ci sia una generazione di politici che mette la propria energia nel dividere le persone. Ma siamo tutti interdipendenti. Molte di queste persone hanno viaggiato sulle barche, sono state riportate in Libia, torturate e poi di nuovo si sono messi in cammino. Se non ci fosse stata l'Open Arms queste 121 persone sarebbero morte».

Secca la replica del ministro Salvini: «Richard Gere è incredulo per l'approvazione del decreto Sicurezza Bis: sicuramente è colpito favorevolmente dalle scelte a favore delle forze dell'ordine e contro scafisti e criminali. L'Italia le attendeva da anni. In compenso, visto che il generoso milionario annuncia la sua preoccupazione per la sorte degli immigrati della Open Arms, lo ringraziamo: potrà portare a Hollywood, col suo aereo privato, tutte le persone a bordo e mantenerle nelle sue ville».

keystone-sda.ch/ (ELIO DESIDERIO)
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 17:03:24 | 91.208.130.86