Alex Neri, classe 1970.
ULTIME NOTIZIE People
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
Ecco il van Gogh da record: non solo immagini e suoni, anche profumi
Inaugurata al Centro Esposizioni di Lugano la mostra "Van Gogh Alive - The Experience". I biglietti sono disponibili in prevendita su Biglietteria.ch
ITALIA
1 ora
Violante Placido, la vita in America era un incubo: «Venivo emarginata e bullizzata»
L'attrice ha parlato del breve periodo in cui visse negli Stati Uniti
VIDEO
LOCARNO
2 ore
Moon&Stars, ci sarà Xavier Naidoo
Il cantante tedesco sarà protagonista della serata di apertura della kermesse estiva
ITALIA
4 ore
Aurora Ramazzotti: «Sogno di essere sposata e avere figli»
La storia d'amore con Goffredo Cerza prosegue a gonfie vele
ITALIA
5 ore
Taylor Mega mostra la cellulite: «Ce l'ho anche io, non vedo il problema»
L'influencer ha spiegato di essere orgogliosa del suo aspetto, "difetti" compresi
VIDEO
MENDRISIO
7 ore
La Svizzera di ieri, così diversa e così uguale a quella di oggi
I paesaggi di 150 anni fa confrontati con quelli odierni nella mostra "Binaural views of Switzerland" dell'artista Alan Alpenfelt, che debutta oggi a Palazzo Canavée
REGNO UNITO
8 ore
Harry e Meghan non passeranno il Natale con la Famiglia Reale
Perché andranno a trovare la madre di lei, Doria, probabilmente negli States. È rottura? Secondo Buckingham Palace assolutamente no
LUGANO
12 ore
Nek: «In Svizzera avete cura della musica»
In un'intervista il cantante italiano parla del bilancio del suo nuovo album e del rapporto con il nostro Paese: «Non posso che parlarne bene»
VIDEO
CADEMPINO
22 ore
"Inconfondibile Tour": i Collage tornano in Ticino
Una storica band italiana sbarca nel Luganese. L'appuntamento è per sabato 7 dicembre alle 21 presso il Centro Eventi
CANTONE
24.07.2019 - 06:010

Alex Neri: «Oggi la musica è al servizio dei social»

Tra i protagonisti di Roam Festival vedremo anche Alex Neri, produttore, musicista e dj, nonché co-fondatore dei Planet Funk

LUGANO - Dietro le consolle fin dalla seconda metà degli anni Ottanta, nel corso dei decenni ha amalgamato suoni, guardando sempre oltre ed elevandosi, di conseguenza, a precursore di sonorità e stili musicali. Oggi è l’artefice di dj set che coniugano alla perfezione le sue produzioni e quanto di meglio offre la scena house contemporanea. 

In attesa di vederlo e sentirlo all’opera a Lugano sabato 27 luglio - dentro uno splendido Boschetto Ciani, dopo i live di Giorgio Poi e dei White Lies - gli abbiamo posto una breve serie di quesiti.

Alex, ti è stato affidato il party di chiusura di Roam: cosa vuoi anticipare a coloro che seguiranno la serata?

«Vista la line-up, vorrei avvicinarmi di più ai Planet Funk che ad Alex Neri... Ma sono anche uno vecchio stampo, nei termini che, una volta giunto sul posto, mi piace capire al momento qual è la cosa migliore… Per cui mi preparerò per entrambe le situazioni…».

Arriverai quindi qualche giorno prima?

«Se riesco a organizzarmi sicuramente. Visto il periodo, però, sarà un po’ difficile».

Come è cambiata la scena in questi ultimi tre decenni per chi si trova dietro la consolle?

«È cambiato il mondo, più che la scena. Non voglio passare per malinconico, perché non è così. Ma per farla breve, oggi la musica, purtroppo, non è più il centro della vita di un adolescente, come lo è stato per noi. Attorno alla musica si sviluppava tutto: dalle amicizie alla cultura. Oggi, per i ragazzi, il centro dell’universo sono i social media. E la musica oggi è al servizio degli stessi. È anche vero, però, che nel frattempo i dj si sono trasformati in superstar, e una volta non lo erano…».

Come vedi l’avvento delle nuove tecnologie nella creazione della musica?

«Ha messo nelle condizioni praticamente chiunque di poter fare il dj… Ho visto Bobo Vieri, ad esempio... Ed è come se io domani decidessi di fare il calciatore… Diciamo che non sono completamente d’accordo con questa linea… E, inevitabilmente, tutto questo ha cambiato quello che è la percezione di un vero dj…».

Al di là del discorso sulle nuove tecnologie, quale consiglio daresti a un giovane dj?

«Di guardare al passato, perché la rete non ha una memoria storica. E quello che fa la differenza è proprio la storia. In pratica, deve capire da dove arriva una determinata sonorità e perché oggi suona così».

Info: roamfestival.ch

Prevendita: biglietteria.ch

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 18:51:50 | 91.208.130.85