ROAM
Cinque buone ragioni per non perdersi Roam Festival.
ULTIME NOTIZIE People
REGNO UNITO
10 ore
Un 53enne dice di essere il figlio segreto di Carlo e Camilla
L'uomo sta combattendo da tempo una battaglia giudiziaria per costringere il principe e la consorte a sottoporsi al test del Dna
MILANO
11 ore
Paola Barale all’attacco degli ex: «Mi hanno fatto del male»
La showgirl si scaglia contro Raz Degan e Gianni Sperti
ITALIA
12 ore
«A Sanremo anche i muri hanno le orecchie»
Amadeus ammette di essere stato ferito dalle accuse di sessismo e giustifica le sue scelte
ITALIA
13 ore
Il primo tattoo della Marcuzzi? Per i figli
Per la 47enne presentatrice è arrivato il momento di tatuarsi
BRASILE
14 ore
Paulo Coelho stava scrivendo un libro con Kobe Bryant, ma non lo leggeremo mai
Perché lo scrittore brasiliano ha cancellato la bozza dopo la morte del campione: «È un libro che ora ha perso la sua ragione di esistere»
STATI UNITI
16 ore
Perché Dave Chappelle non ha ritirato il suo Grammy? Mistero risolto
Un contrattempo ha impedito al comico di essere presente al momento della premiazione
FOTO
STATI UNITI
19 ore
È tornata Blake Lively
Primo red carpet per l'attrice dopo otto mesi
STATI UNITI
23 ore
Selena Gomez: «Quello di Justin su di me è stato abuso emotivo»
La cantante non ha usato mezzi termini nei confronti dell'ex in una recente intervista: «Ora sono più forte che mai»
ITALIA
1 gior
J-Ax risponde a Fedez: «Non sono un traditore»
Dopo quasi due mesi il rapper replica all’accusa dell’ex socio
BELGIO
1 gior
L'ex re del Belgio è il padre biologico di Delphine Boel
Alberto II si era sempre rifiutato di fornire il proprio Dna
LUGANO
01.07.2019 - 06:010

Cinque buoni motivi per andare a Roam Festival

Dagli artisti in cartellone fino ai prezzi convenienti, passando per location e atmosfera

LUGANO - Torna, dal 25 al 27 luglio, il festival più cool dell'estate ticinese. Giunto alla terza edizione con la formula e la denominazione attuale, Roam Festival mostra al pubblico ticinese, svizzero e (perché no) internazionale la sua anima alternativa: gli organizzatori pescano spesso e volentieri dalla scena nordeuropea, ma non mancano incursioni nella world music e in altri contesti. Basterebbero i nomi dei protagonisti - Metronomy, The Japanese House, Apparat, Lea Porcelain, Under Changeover, White Lies, Giorgio Poi, Alex Neri -, ma ecco qui cinque buone ragioni per non perdersi assolutamente questa rassegna.

Motivo 1: location e atmosfera uniche

Roam Festival ha un grande vantaggio sulla maggior parte delle altre kermesse musicali: chi può vantare una location paragonabile? Ben pochi eventi sono così fortunati da essere circondati dal verde e ad avere il lago a due passi. Poi quell'atmosfera particolare che si crea ogni sera: a tratti intima, oppure scatenata e piena di energia - dipende da chi è il protagonista sul palco. Un contesto perfetto per affrontare le calde serate estive con proposte musicali di qualità e in un clima conviviale e rilassato.

Motivo 2: la scelta (top) degli artisti

Su una cosa si può essere sicuri al 100%: la scelta degli artisti di Roam Festival non sarà mai banale. Lo dimostra la line-up di questa edizione e i programmi di quelle che l'hanno preceduta. Chi altri è riuscito a riunire nella stessa settimana Slowdive e Mogwai, Fennesz e Bassekou Kouyaté (lo scorso anno) oppure Cigarettes After Sex e Tinariwen, Warhaus e Aurora (nel 2017)? Nomi di assoluto prestigio e che dimostrano nel contempo un lavoro d'indagine alla ricerca dei nomi più interessanti della scena musicale.

Motivo 3: un lusso avere i White Lies

Non ce ne vogliano gli altri artisti in cartellone, ma ci sentiamo di dire che il pezzo da 90 dell'edizione 2019 di Roam ha nome White Lies. Poter gustare a Lugano l'esibizione di Harry McVeigh, Charles Cave e Jack Lawrence-Brown è un vero e proprio lusso, per il quale non c'è che da ringraziare chi lo ha reso possibile. Se non conoscete i White Lies fatevi un giro su Spotify e magari sentitevi “Five”, il loro ultimo (e quinto) album così da farvi un'idea del loro stile e del perché sono un grande gruppo.

Motivo 4: Roam è bello e costa poco

Sul versante prezzi Roam Festival riesce a essere assolutamente concorrenziale, anzi: è difficile trovare una tale qualità della proposta musicale a un costo così contenuto, per non dire (come si diceva una volta) “popolare”. Per non affannarsi a comprare i ticket all'ultimo minuto (risparmiando pure qualcosina) c'è la possibilità di ricorrere alla prevendita su Biglietteria.ch. Si può scegliere tra le singole serate oppure optare sull'abbonamento, una conveniente soluzione per seguire tutti e tre i concerti.

Motivo 5: un evento unico nel suo genere

Roam Festival si è costruito in questi anni una solida reputazione ed è diventato sinonimo di musica di primissimo livello a prezzi contenuti, in un contesto giovane e vivace che completa l'offerta culturale di una città, Lugano, che nelle settimane estive riesce a dare il meglio di sé. È il festival alternativo di primo piano che mancava in un Ticino già ricco di eventi musicali di spessore e può davvero competere, per tutte le ragioni che abbiamo elencato, con rassegne più grandi e consolidate nel tempo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-29 05:33:10 | 91.208.130.89