Dal film: Sorry we missed you
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Ferragni come la Madonna: il Codacons denuncia
Il commento ironico di Fedez: «Mi mancavano»
FOTO E VIDEO
CANTONE
5 ore
Max Deste e "Qualcosa di magico" per cambiare (almeno un po') il mondo
Uscito da pochissimo il nuovo pezzo del cantautore scritto nel nome della mindfulness: «Riscopriamo la nostra umanità»
ITALIA
20 ore
Filippo Magnini diventa papà
Il nuotatore ha annunciato la nascita della piccola Mia su Instagram
REGNO UNITO
23 ore
Un dente di squalo per il principe George
Il fossile è stato portato in dono dal naturalista David Attenborough
ITALIA
1 gior
Elettra Lamborghini e Afrojack hanno detto "sì"
Su Instagram qualche scatto del matrimonio sul lago di Como
VAUD
1 gior
Il Festival Images Vevey attira 35'000 visitatori
Le ricadute economiche si aggirano attorno ai tre milioni di franchi
STATI UNITI
2 gior
Justin Bieber e Chance the Rapper regalano 250mila dollari
Sono destinati ai fan che si trovano in difficoltà «in questi tempi duri». È un ringraziamento per il successo di "Holy"
STATI UNITI
2 gior
Meghan Markle starebbe pensando alla Casa Bianca?
Lo sostiene una persona vicina a lei e a Harry, la data potrebbe essere il 2024
ITALIA
2 gior
Belen, parole al miele dall’ex Iannone
Il pilota di MotoGP ha parlato per la prima volta della storia con l’argentina
VIDEO
ITALIA
2 gior
Zucchero compie gli anni (ed è lui a fare un regalo ai fan)
La star festeggia 65 anni con una versione speciale di "Sarebbe questo il mondo"
STATI UNITI
2 gior
Selena, una cicatrice da mostrare con orgoglio
Nel 2017 la popstar ha subito un trapianto di rene e ora si sente libera di sfoggiare il segno rimastole sul corpo
ITALIA
2 gior
Ahia Fedez! Serio infortunio giocando a basket
Il rapper si è rotto i legamenti del ginocchio 
REGNO UNITO
3 gior
La principessa Eugenia è incinta
Il lieto evento è atteso per i primi mesi del 2021
CANNES
17.05.2019 - 08:180
Aggiornamento : 09:20

Un mondo del lavoro dove fare la pipì è un lusso

Forte j'accuse di Ken Loach sulla nostra società sempre più verso il baratro

CANNES - E' un j'accuse alla società in rovina, ad una disgregazione sociale che sembra ormai ad un passo dal baratro definitivo quella che racconta con un film potentissimo Ken Loach in Sorry we missed you, in concorso al festival di Cannes (in autunno in sala con Lucky Red).

E' una discesa nell'inferno di oggi, di una working class ridotta a schiavitù nell'illusione turbocapitalista e non riguarda i migranti che arrivano in Europa per una vita migliore, ma i cittadini stessi, gli inglesi e Newcastle non è diversa da Lione o Torino.

La fotografia in bianco e nero degli scioperi dei minatori durante il governo della Thatcher nel 1984 è incorniciata come un santino. Quei tempi, oltre trent'anni dopo, sembrano lontanissimi: non più contratti regolari, non più assicurazioni, l'illusione di mettersi in proprio e la realtà di venire stritolati da un infernale meccanismo di competizione, deregulation, assenza di diritti elementari. Persino fare pipì è un lusso: si ferma il camioncino delle consegne e si fa nella bottiglia, neanche un minuto e si riparte, perché tutto è tracciato, tutto è una performance obbligata.

L'autore inglese, 82 anni, due volte Palma d'oro (un record che divide con i fratelli belgi Dardenne, che tornano anche loro in gara con Young Amhed), da anni racconta i guasti del capitalismo, delle privatizzazioni e del welfare perduto, regalando al pubblico emozioni e angosce, ritratti impietosi, specchi affatto distorti dei nostri tempi. Un già visto? Nel fondo certo è il Loach ultimo comunista alla regia e il grande Paul Laverty alla sceneggiatura, ma ogni storia ha una sua chiave nel registro di quel realismo che fa sentire i suoi attori vicini con naturalezza ai poveri cristi che siamo diventati.

Il film - Ricky (Kris Hitchen) è un uomo di mezz'età costretto a ricominciare da capo dopo aver perso il lavoro come tanti. Mettersi a fare il freelance per le consegne dei pacchi può essere un'idea: il delivery impazza anche a Newcastle, si compra su Amazon qualunque cosa e qualcuno te la deve recapitare. Peccato che il camioncino costi una follia e che il manager dell'agenzia, sottolineando che è lavoro in proprio, sia a capo di fatto di un'organizzazione di consegne ad orologeria che non ammette altro e per cui non ci sono ferie, non ci sono emergenze, non ci sono diritti, altrimenti la competizione fa fallire anche lui. Tutto costa a Ricky e il lavoro è fonte di stress e guai, quelli più piccoli (il destinatario del pacco che non si fa trovare) fino a quelli più grandi (il furto del prezioso scannerizzatore delle consegne). Ma intanto è un lavoro e pazienza se bisogna vendere l'utilitaria di Abby (Debbie Honeywood, ipoteca la Palma) che andrà in bus a fare il suo lavoro: custodire per un'agenzia che non paga straordinari le persone in difficoltà, anziani, disabili. Lei ha una regola: trattare tutti come fossero suoi parenti con dolcezza e calore.

A casa ci sono anche i due ragazzi, la dolce Liza di 10 anni (Katie Proctor) e l'adolescente ribelle Seb (Rhys Stone). E' una famiglia modesta, ma l'amore tra loro è la vera forza dirompente in una vita di fatica e abbrutimento, miserabile. Forse persino un anticorpo. Ma le cose non sono lineari, il ragazzo si mette nei guai, viene sospeso a scuola, ha discussioni con il padre: il conflitto familiare esplode ma il lavoro deve venire prima di tutto, chi paga altrimenti le rate del van? "Il paradosso - osserva Loach - è che oggi le persone sono costrette da questo sistema di precariato e incertezza a sfruttare se stesse. E' una situazione intollerabile e fin quando non si riconoscerà quanto sia intollerabile non cambieranno le cose. C'è un'esplosione di povertà in Gran Bretagna, l'austerity è una scelta politica. Come coltivare la speranza? Il cinema non può fare molto se non far aumentare la consapevolezza. Dobbiamo sapere di avere il potere del voto, dello sciopero e della rivendicazione di diritti decenti contro la logica imposta dal capitalismo, per rovesciare lo status quo dobbiamo essere convinti di questo, purtroppo la sinistra non ha avuto questa forza e il partito di Jeremy Corbyn che pure su questo ha un programma chiaro è diventato con mezzo milione di aderenti il maggior partito della sinistra europea pur essendo ostacolato dai media e al suo stesso interno. La conseguenza è sotto i nostri occhi: disgregazione sociale ed ascesa della destra ovunque. Che mi dite del vostro Salvini? - chiede Ken Loach alla stampa italiana -. C'è una situazione molto pericolosa, c'è tanta rabbia per questa diseguaglianza e divario tra ricchissimi e poveri che per sfogarla ce la prendiamo con migranti, diversi e con i più vulnerabili".
 
 

Keystone
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 11:49:46 | 91.208.130.87