AK Photography
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
1 ora
Rebel Wilson continua a perdere peso
L'attrice sta seguendo un fitto programma di allenamento
GRIGIONI
3 ore
Stella Maxwell in vacanza nei Grigioni
L’angelo di Victoria Secret sta trascorrendo qualche giorno sulle nevi di Saint Moritz
STATI UNITI
16 ore
Pamela Anderson torna bagnina
A 52 anni C.J. indossa i panni della lifeguard per lo spot di Ultra Tune. E dal costume rosso passa alla muta nera
STATI UNITI
19 ore
Apu è infine rimasto senza voce
Dopo anni di polemiche, è arrivata la decisione definitiva dell'attore Hank Azari. Che fine farà il personaggio dei Simpsons?
STATI UNITI
1 gior
Sarà un Super Bowl super... pop
Jennifer Lopez e Shakira per lo show dell'intervallo, Demi Lovato per l'inno nazionale e Harry Styles per il pre-party
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
La strage di Las Vegas nel nuovo video di Eminem
Nel suo singolo "Darkness" il rapper torna a parlare del problema delle armi da fuoco negli Stati Uniti
REGNO UNITO
1 gior
Lo staff di Frogmore Cottage è stato riassegnato
Nessuno tra il personale che lavorava per Meghan e Harry è stato licenziato
LOCARNO
1 gior
Da Nek a Loco Escrito: altri nomi per Moon&Stars
Altri tasselli per completare il programma della kermesse musicale locarnese
ITALIA
1 gior
Amadeus difende Savino: «La Gregoraci accetti un no»
Il conduttore interviene così sulla polemica scatenata ieri dalla showgirl, Savino si smarca in diretta radio: «Mai discriminato nessuno»
STATI UNITI
2 gior
Eminem fa undici, strizzando l’occhio a Hitchcock
A sorpresa, il rapper ha pubblicato nelle scorse ore il suo nuovo album “Music To Be Murdered By”
CANTONE
01.04.2019 - 06:010
Aggiornamento : 11:31

Nelle scuole col salvagente sotto braccio: la “follia” di Andrea Bertagni

Così lo scrittore ticinese promuove "La grande alluvione", romanzo apocalittico e di sensibilizzazione ambientale: «Se non facciamo qualcosa subito…»

LUGANO – Si presenta nelle classi scolastiche, e perfino in televisione, con un salvagente sottobraccio. Così Andrea Bertagni, classe 1978, giornalista e scrittore di Lugano, sta portando avanti la sua personale battaglia per la salvaguardia del pianeta. In particolare dopo la pubblicazione del suo terzo romanzo, "La grande alluvione" (Edizioni Tralerighe). Di recente Bertagni ha pure fatto visita ai bimbi della scuola dell'infanzia di Campione d'Italia.


Di recente Bertagni ha pure fatto visita ai bimbi della scuola dell'infanzia di Campione d'Italia. 

Partiamo proprio da qui. Dopo la prima tappa a Milano, città in cui è ambientato il romanzo, ecco Campione d'Italia. Perché?

«Campione vive una grande emergenza sociale. Il mio libro parla di emergenza climatica e di integrazione di etnie. C'è una certa affinità. Coi bambini e con i loro genitori abbiamo affrontato varie tematiche sul futuro del pianeta, in maniera spontanea. È stato bello». 


«Campione vive una grande emergenza sociale. Il mio libro parla di emergenza climatica e di integrazione di etnie».

Il suo primo romanzo ("Una montagna d'oro") era storico. Il secondo ("La bambina nel bosco") un giallo. Ora arriva un libro di critica sociale. Chi è veramente lo scrittore Bertagni? 

«Ma guardate che c'è un fil rouge. Se ci fate caso, io racconto sempre il territorio. Quello del Gottardo, quello dei boschi ticinesi. E ora quello della metropoli, confrontata con problemi legati all'ambiente e all'integrazione». 

Ambientare il nuovo romanzo a Milano, con annessa campagna promozionale, è sembrata una "furbata" per accaparrarsi il grande pubblico italofono. È così?

«No. Milano io la frequento spesso. La cultura poi non deve avere confini. Tra l'altro Milano è una città oggettivamente inquinata. E in cui si pone il problema della convivenza tra varie etnie». 

"La grande alluvione" è ambientato in un futuro apocalittico, tra il 2037 e il 2050. Cosa la preoccupa maggiormente?

«Ho una bimba di 7 anni, Claudia. Penso spesso a lei e a quello che le rimarrà. Essere padre mi ha portato a guardare un po' più in là. Per questo ho creato l'hashtag tuttoquestoungiornosaratuo». 

A Lugano è in corso la settimana della sostenibilità. Il tema è di stretta attualità. Prevede incontri anche nelle scuole della Svizzera italiana?

«Assolutamente sì. Ci mancherebbe». 


"La grande alluvione" (Edizioni Tralerighe).

Torniamo al salvagente. Perché questo simbolo?

«Perché se non facciamo qualcosa subito, e con convinzione, dovremo trovare davvero dei salvagenti per salvarci. E a quel punto il salvagente, forse, non rappresenterà più una semplice metafora». 

 

 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-19 14:07:10 | 91.208.130.85