Filippo Maria Fanti alias Irama, 23 anni.
ULTIME NOTIZIE People
VIDEO
STATI UNITI
4 ore
Taylor Swift diventa uomo
Nel suo ultimo video, la cantante americana è protagonista di una trasformazione straordinaria. E molto verosimile.
ITALIA
6 ore
Il nuovo amore di Miriam Leone si chiama Paolo
Svelata l’identità del partner segreto dell’affascinante attrice.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
7 ore
1'300 proteste per il Super Bowl di J.Lo e Shakira
«Non abbiamo pagato per del porno, doveva essere uno spettacolo per famiglie», si sono lamentati in diversi
ITALIA
8 ore
Levante e Diodato “beccati” insieme a Milano
I due ex fidanzati si sono ritrovati per un'uscita tra amici.
ITALIA
9 ore
Il coronavirus secondo Bello Figo
E indovinate un po' come si intitola il pezzo?
FRANCIA
10 ore
Polanski non andrà ai César
Il cineasta ha deciso di non concedersi a «un autoproclamato tribunale d'opinione».
STATI UNITI
12 ore
Gwyneth Paltrow con la mascherina sul volo per Parigi
L'attrice non vuole correre rischi: «Sono già stata in questo film», con riferimento ironico a "Contagion"
STATI UNITI
12 ore
Simpson, il doppiatore di Apu lascia: è una caricatura razzista
L'attore che da 30 anni dà la voce al personaggio di origine indiana: «Se fosse ebreo non sarei contento»
STATI UNITI
15 ore
Indiana Jones 5, il regista non sarà Steven Spielberg
Il regista di "Logan" e "Le Mans '66 - La grande sfida" potrebbe dare nuovo vigore al personaggio.
STATI UNITI
15 ore
Il nuovo Jurassic World ha finalmente un titolo
Il regista Colin Trevorrow ha annunciato l’inizio della produzione pubblicando un’immagine dell’assicella
SVIZZERA
19 ore
I trucchi per farcela su Instagram e YouTube, parla Raffaella Zollo
Quanti follower ci vogliono per guadagnare? Quanto è difficile fare la Youtuber? E... i colleghi?
CANTONE
21.03.2019 - 06:010
Aggiornamento : 14:30

«La normalità non so cosa sia, amo cambiare»

Per la prima volta in dimensione live in territorio elvetico, Irama salirà sul palco del Palacongressi di Lugano il 2 e il 3 aprile alle 20.30

LUGANO - Due concerti attesissimi, entrambi vicini al sold out. Questa è la forza del giovane cantautore italiano Filippo Maria Fanti, in arte Irama, classe 1995. Dalle Nuove Proposte di Sanremo ad Amici di Maria De Filippi, per poi riapprodare quest’anno - da Big - sul palco dell’Ariston.

Ed è proprio dal brano che ha portato poco più di un mese fa alla kermesse - piazzandosi al settimo posto - che parte la nostra chiacchierata.

Filippo, raccontami la nascita del pezzo presentato a Sanremo: “La ragazza con il cuore di latta”.

«Ero in Salento e stavo scrivendo il disco, “Giovani” (Warner, ottobre 2018), quando ho incontrato questa ragazza con un’aria struggente. Porta un pacemaker - uno stimolatore cardiaco -: è da qui che è nata la metafora del cuore di latta, così come il dualismo di un cuore che da una parte batte in maniera artificiale e dall’altra in cui difficoltà e violenze lo strappano da una vita. Purtroppo, però, questa non è la storia di una sola persona: la canzone si riflette in tante situazioni. Per cui, se qualcuno si riconosce, nelle parole potrebbe trovare la forza, la forza di reagire».

Questa ragazza sa che dalla sua storia è nato il tuo brano?

«Non credo sia un aspetto importante: ciò che conta è raccontare una verità, lasciando qualcosa alle persone che ascoltano».

L’album è uscito lo scorso mese di ottobre: questo brano, per cui, lo hai tenuto da parte in vista di un’ipotetica partecipazione a Sanremo?

«In verità no, proprio perché il business non è il mio forte...».

Allora, qual è il motivo? Calzava a pennello nella tracklist, tant’è vero che lo troviamo nella riedizione del disco, “Giovani per sempre” (Warner, 8 febbraio 2019), uscita nei giorni del Festival... 

«Non è l’unico che ho tenuto da parte: devi sentirti pronto per cantare e interpretare alcuni brani. Conta molto il tuo stato emotivo. Credo molto in questo aspetto».

Tornando al titolo di questo tuo secondo album, “Giovani”: tu come stai vivendo la tua giovinezza?

«Vivo al limite, con l’obiettivo di raccogliere più storie ed emozioni possibili. Non so cosa sia la normalità, non la riconosco: amo cambiare, crescere, imparare, sbagliare. Essere giovane significa non smettere mai di imparare».

Da quanto mi sembra di capire, il successo non ha cambiato molto la tua vita…

«Rispetto a prima, ho qualche vestito in più…».

Ne compri a tonnellate?

«La cosa bella è che me li mandano… (ride) Amo la moda, così come collaborare con i brand…».

Numerosi cantanti e musicisti hanno addirittura anticipato le mode… È tra i tuoi obiettivi?

«Non saprei… So solo che la moda mi piace, perché, come l’arte in generale, è in continua metamorfosi».

Chi sono i tuoi punti di riferimento musicali?

«Francesco Guccini e Fabrizio De André».

Durante il processo di lavorazione di “Giovani”, ti sei imbattuto in quali ascolti che possono avere influenzato l’album?

«Mi cibo regolarmente di ogni tipo di musica: è talmente ricca e varia, che bisogna soltanto assorbirla, lasciandosi trasportare».

Veniamo al tuo rapporto con il Ticino: sei cresciuto a Monza, a pochi chilometri dal confine. Passavi spesso da queste parti?

«Sì, da piccolo, al Fox Town… (ride)».

La scena musicale ticinese si sta espandendo a largo raggio: segui qualcuno in particolare?

«Mattak, un rapper: è davvero molto forte!».

Info: gcevents.ch

 

 

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 01:39:31 | 91.208.130.86