Keystone
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Facchinetti denuncia: «Un uomo ha sputato e offeso mia madre»
Il conduttore tv ha subito un'aggressione verbale a Milano
FOTO
MONDO
4 ore
Ecco cosa guarderemo su Netflix & co. questo mese
Tanti gusti sul menu, da "World's Most Wanted" a "Biohacker", passando per "Lucifer" e "The Last Narc"
SVIZZERA
17 ore
E in vacanza in Svizzera c'è pure Robbie Williams
Il cantante si trova nell'Oberland Bernese con la famiglia, a svelarlo una serie di post sui social
VIDEO
STATI UNITI
20 ore
Billie Eilish, il suo «futuro» scritto durante la quarantena
La cantante statunitense ha pubblicato il suo nuovo singolo "my future" venerdì scorso
STATI UNITI
1 gior
«Indossate quella maledetta mascherina»
L'attore Bryan Cranston ha rivelato su Instagram di aver contratto il Covid-19
SPAGNA
2 gior
Il 3 agosto ripartono le riprese de "La Casa di Carta"
Sarà la quinta e probabilmente ultima stagione
ITALIA
2 gior
Nuovo amore per Alessandro Preziosi? 
L’attore, ex di Vittoria Puccini, avvistato con una misteriosa bionda
REGNO UNITO
2 gior
È morto Alan Parker
Il regista di "Saranno famosi" e "Fuga di mezzanotte" aveva 76 anni
ITALIA
2 gior
La Ferragni mostra la cellulite: «Ce l’abbiamo tutte»
Anche l’influencer moglie di Fedez si schiera nella battaglia anti-perfezione
SVIZZERA/ITALIA
2 gior
Cosa ci fa Federer sul tetto?
Il campione basilese ha fatto una sorpresa a due giovanissime fan, concedendosi una partita... ad alta quota
STATI UNITI
2 gior
Un concerto di The Weeknd... su TikTok
Sarà «la prima esperienza di cross reality in app in assoluto», garantiscono dal social
STATI UNITI
3 gior
Naya Rivera è morta nel giro di «minuti»
L'attrice è stata sepolta a Los Angeles lo scorso 24 luglio
CANTONE
3 gior
"Le rose" e quel giorno di 40 anni fa a Bologna
È un Martix fortemente autobiografico quello che scopriamo nel suo nuovo brano
ITALIA
12.02.2019 - 12:500

Mahmood: «Sono un cantante, accetto critiche ma solo sulla musica»

Il vincitore di Sanremo ha voluto dire la sua ai microfoni di Rtl: «I titoli di giornali contro mi hanno guastato la festa? Proprio zero»

ROMA - «Mi fa strano essere chiamato 'personaggio del momento', non riesco ancora a realizzare. Sono soddisfatto perché la gente che non mi conosce, magari, pensa sia nato tutto da Sanremo ma in realtà dietro c'è un lavoro di anni in cui ho scritto pezzi per me e per altri e sono molto orgoglioso del lavoro e trovarmi qui mi fa un po' strano, ma era quello che volevo da sempre». Lo ha detto ai microfoni di RTL 102.5 il recente vincitore del Festival di Sanremo, Mahmood, interrogato sul suo carattere e sulla possibilità di cambiarlo.

«L'ho cercato, ci ho lavorato, ho tenuto duro e questa cosa mi dà la speranza che quando uno si impegna davvero i risultati poi arrivano», ha aggiunto Mahmood.

Ad alcuni italiani magari frettolosi nel giudicarlo direbbe che «prima di tutto, faccio il cantante e cantautore e sono consapevole del fatto che la mia musica possa piacere o non piacere. Io le critiche le accetto tutte, veramente, ma solo se sono costruttive perché così posso imparare anche io, sono ancora agli inizi e devo ancora imparare tanto di questo mestiere e mi servono le critiche costruttive. Quindi agli italiani prego solo di farmi delle critiche che abbiano delle fondamenta e non a caso».

Sulla sua decisione di partecipare o meno all'Eurovision rivela che la risposta arriverà a stretto giro: «Ci abbiamo messo la testa ieri sulla questione Eurovision, quindi si tratta di attimi e poi potrò dirvi».

Sulla questione legata alle sue origini e a Milano, città dove è nato, e sulla figura paterna di cui parla nel brano vincitore del festival, "Soldi", Mahmood aggiunge: «devo molto a Milano, nei miei pezzi, nelle mie descrizioni, essendo nato e cresciuto qui mi ha fatto da culla della musica e mi ha ispirato tanto questa città. La figura del padre? Nel mio mondo interiore l'ho vista sempre come, non so, quello che doveva un attimino occuparsi delle faccende non troppo quelle dedicate all'istruzione ma fare un po' da 'boss' della famiglia, nel mio caso l'ha fatto mia madre Anna che mi ha fatto sia da madre che da padre».

«In questi anni - prosegue il vincitore di Sanremo - ho rivisto la figura del padre anche in mia madre e ho capito cosa dovrebbe fare, dovrebbe occuparsi della casa, dell'istruzione, lei mi ha sempre fatto studiare e mi ha obbligato fino alla quinta liceo. Magari ci sono famiglie che quando il figlio dice di non avere più voglia e preferisce andare a lavorare per guadagnare i primi soldi non gli fanno finire l'istruzione. A me era capitato anche quel momento lì ma per fortuna ho avuto anche un'istruzione abbastanza ferrea a casa e la figura del padre l'ho rivista in mia madre, devo tanto a lei».

Su quella parte di Mahmood che può essere stata sfida ma dolore vero il giovane artista di padre egiziano ha detto: «Più che dolore è un peccato non aver vissuto certe cose, ho vissuto un'infanzia e un'adolescenza bellissima e non ho nulla da rimpiangere, ma mi sarebbe piaciuto conoscere meglio certe tradizioni, certi aspetti di una cultura che conosco meno. In Egitto sono stato tipo due volte, una volta ad otto anni. Mi sarebbe piaciuto conoscere di più le radici, magari lo farò in futuro, non mi precludo nulla».

Le polemiche, i titoli di alcuni giornali e il caos post vittoria non sembrano però aver rovinato la festa a Mahmood: «mah è una cosa talmente grande e inaspettata per me che ci vorrebbe molto, molto di più per farmi andare via tutta questa gioia che ho al momento, quindi direi di no, proprio zero».

Su cosa ha amato maggiormente e cosa meno della kermesse canora aggiunge: «una delle cose che senza dubbio che più mi ha dato gioia in questo Festival è stato innanzitutto l'appoggio dell'orchestra perché chiedere all'orchestra di partecipare a un brano non proprio tradizionale per quello che è il festival di Sanremo - potevano benissimo dirmi 'non battiamo le mani, suoniamo' - invece hanno voluto partecipare a 'Soldi' in maniera totale».

Infine, sugli italiani in un periodo in cui si fanno tifoserie su tutto, dalla musica, alla televisione alla sessualità e sul fatto che forse siano più profondi e sensibili di quanto non appaia in realtà, Mahmood ha detto: «credo di sì ma per me parlare ancora di distinzioni è il vero errore. Sono cresciuto in una generazione con un'apertura mentale talmente vasta che secondo me è proprio nel parlare oggi di queste cose che si creano le distinzioni. Credo più nel fatto che siamo sulla stessa barca, siamo tutti uguali e che abbiamo tutti gli stessi diritti».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-03 11:08:54 | 91.208.130.85