«Il Fyre fu molto peggio di come lo mostra il documentario»
Netflix
Influencer in mostra per il trailer del Fyre
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Al Bano nonno tris
In tv la gioia del cantante, la figlia Cristel ha partorito
STATI UNITI
3 ore
Chris Pratt e Jack Black, voci stellari per il nuovo film su Super Mario
La realizzazione del lungometraggio animato vedrà la partecipazione di grandi nomi di Hollywood
STATI UNITI
6 ore
Preoccupazione per Tom Felton, l'attore di Draco Malfoy colpito da un malore
Il 34enne stava partecipando ad un evento golfistico nel Wisconsin
CANTONE
8 ore
Doppio live per The Vad Vuc... in pre-order
Raccoglie i brani del concerto-evento al Teatro Sociale di Bellinzona del 25 e 26 settembre 2020
CANADA
20 ore
Linda Evangelista sfigurata da un intervento estetico
La top model sta facendo i conti con un raro effetto collaterale di un trattamento estetico
People
22 ore
È morto Roger Michell, regista di Notting Hill
Non sono note le cause del decesso. La notizia è stata diffusa dalla famiglia
ITALIA
23 ore
Il «grande passo» di Federica Pellegrini: nozze o bebè?
Novità in arrivo per la fuoriclasse del nuoto e il partner Matteo Giunta
ITALIA
1 gior
Elodie e la storia con Marracash: «Stimolante e faticosa»
La cantante ha ammesso che deve impegnarsi molto nella relazione con il rapper
FOTO
SPAGNA
1 gior
«Nessuno è al sicuro dal politically correct»
Il contrattacco di Johnny Depp alla “cancel culture” durante la sua premiazione al San Sebastian Film Festival
STATI UNITI
1 gior
Addio a Melvin Van Peebles, «l'uomo rinascimentale»
L'icona del cinema afroamericano aveva 89 anni
CANTONE
1 gior
Quel "Rito di passaggio" che porta nel futuro
Esce oggi nelle librerie il romanzo d'esordio del fotografo e regista Alessio Pizzicannella
SVIZZERA
30.01.2019 - 06:010
Aggiornamento : 14:30

«Il Fyre fu molto peggio di come lo mostra il documentario»

Parola di uno svizzero del team che ci ha raccontato com'è stato lavorare per il più catastrofico festival della storia (e che Netflix ha reso un cult)

ZURIGO - Fyre, un nome che è diventato sinonimo di disastro. Doveva essere il festival più esclusivo di sempre: alle Bahamas, con artisti top e un video promozionale da sogno con le più belle modelle del pianeta. Il risultato, però, è stato ben al di là del fallimentare.


Netflix
Influencer in mostra per il trailer del Fyre

A documentare il tutto, riportando alla ribalta tutta la vicenda, un documentario di Netflix diventato virale. Fra i protagonisti della vicenda c'è anche uno zurighese, Martin Howell, che ci ha raccontato la sua versione della storia.

Martin, come mai hai accettato di partecipare al documentario?

Ci tenevo a mostrare la nostra parte della storia, non è stata solo una truffa, c'è anche chi ci ha lavorato duramente.

Parlami del tuo rapporto con l'organizzatore, Billy McFarland

Quando l'ho incontrato era focalizzato sul lavoro poi, invece, si è decisamente perso dietro ai rapper, alle modelle e ai party. Ha perso di vista completamente la parte business.


Netflix
McFarland tenta di gestire la situazione

Perché allora hai accettato di lavorare al Fyre?

Perché lui aveva promesso 35 milioni di dollari per il nostro business precedente, la carta di credito esclusiva Magnises. L'ho vista come un'opportunità per salvare le mie quote e quelle dei miei investitori.

Qual era il tuo ruolo?

Mi occupavo di consulenza, del booking e del supporto al team di gestione.


Netflix
Fra i volti noti della promozione anche Bella Hadid, Hailey Baldwin e Emily Ratajkowski 

E com'è che andato tutto a ramengo?

I dirigenti, Billy e Ja Rule, hanno inventato questo mondo illusorio con modelle e ville di lusso su di un'isola privata. Hanno alzato le aspettative di tutti, potevano organizzare qualcosa di più piccolo e frugale e cavarsela. L'infrastruttura, in fin dei conti, c'era.

Hai mai pensato di lasciare?

Sì, e non ero l'unico. In diversi sostenevano che bisognava annullare tutto ma Billy non ci sentiva. Così chi c'era ha fatto il meglio che ha potuto.


Netflix
Il campo, spazzato dal maltempo.

Raccontaci i giorni del festival

Erano molto peggio di come li mostra il documentario. Billy ha spostato e confinato gli ospiti in una spiaggia lontana dalla location. Così la gente ha bevuto così tanto che poi, quando ha visto la realtà della situazione ha reagito in maniera ancora più furiosa. Non dimenticherò mai tutto quel casino.

Tutto quello che c'è da sapere sul Fyre

Quello sull'isola di Great Zuma (Bahamas) dell'aprile 2017 avrebbe dovuto essere il festival dei festival. Co-organizzato dal rapper Ja Rule e pubblicizzato sui social da gente del calibro di Kendall Jenner, Bella Hadid ed Emily Ratajkowski è finito sold-out in pochi giorni. Peccato che l'organizzazione non è stata all'altezza e l'evento è collassato generando una causa milionaria. Attualmente Billy McFarland si trova in prigione in attesa di processo e rischia fino a 20 anni di carcere. 

Netflix
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 17:51:14 | 91.208.130.87