Keystone / AP
REGNO UNITO
12.07.2018 - 17:000

Essere figli di Sting (e vittime dei bulli)

Trudie Styler, moglie del musicista, ha raccontato di come la fama del padre si è riflettuta negativamente sulla sua prole

LONDRA - Trudie Styler debutta alla regia con un film "Freak Show", che riprende alcuni aspetti della sua vita privata che l'hanno segnata fortemente. L'opera prima della produttrice e mogliedi Sting parla infatti di bullismo, di un ragazzino messo al margine e considerato diverso dai compagni - ostili e omofobi - della sua scuola.

C'è del vissuto personale dietro a questa storia, ha spiegato Styler ai media britannici. «È un tema vicino al mio cuore perché da bimba sono stata bullizzata a scuola» per via di alcune cicatrici, conseguenza di un incidente da lei subito quando aveva due anni. «Ero presa di mira e chiamata Scarface (la sfregiata, ndr) e poi, quando sono andata al liceo, mi è stata diagnosticata la dislessia e non ero ugualmente accettabile».

La piaga del bullismo ha colpito anche i suoi quattro figli Mickey, Jake, Eliot e Giacomo. «Con un padre famoso come Sting quando stavano crescendo, le loro relazioni ne erano sempre colpite. Mia figlia Eliot di recente ricordato i giorni difficili che ha passato a scuola.

Potrebbe interessarti anche
Tags
sting
styler
scuola
figli
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-18 11:54:21 | 91.208.130.87