Nicolò Mariani (alias Nic Gyalson).
ULTIME NOTIZIE People
REGNO UNITO
35 min
Keira Knightley non si ricorda che ruolo ha interpretato in Star Wars
L'attrice credeva di essere stata Padme. Invece era Sabe. La gaffe in un'intervista
REGNO UNITO
2 ore
Malta (ri)vuole il dente di squalo donato al principino
È stato Sir David Attenborough a regalarlo al principe George. Ma per la Valletta deve essere restituito
REGNO UNITO
4 ore
Harry e Meghan, il reality show? Niente da fare
Un portavoce ha negato il gossip pubblicato in giornata dal Sun
ITALIA
5 ore
Barbara D’Urso ammette: «Sono drogata di lavoro»
La conduttrice ha parlato del rapporto con la sua professione: «Ormai abito nel mio camerino»
STATI UNITI
7 ore
Fred, Wilma e Barney compiono 60 anni
"The Flintstones" raccontava l'America degli anni Sessanta con un'ambientazione preistorica
SVIZZERA / STATI UNITI
9 ore
Joaquin Phoenix e Rooney Mara sono diventati genitori
Il figlio si chiama River, in memoria del fratello scomparso del premio Oscar
ITALIA
11 ore
Ferragni come la Madonna: il Codacons denuncia
Il commento ironico di Fedez: «Mi mancavano»
FOTO E VIDEO
CANTONE
15 ore
Max Deste e "Qualcosa di magico" per cambiare (almeno un po') il mondo
Uscito da pochissimo il nuovo pezzo del cantautore scritto nel nome della mindfulness: «Riscopriamo la nostra umanità»
ITALIA
1 gior
Filippo Magnini diventa papà
Il nuotatore ha annunciato la nascita della piccola Mia su Instagram
REGNO UNITO
1 gior
Un dente di squalo per il principe George
Il fossile è stato portato in dono dal naturalista David Attenborough
ITALIA
1 gior
Elettra Lamborghini e Afrojack hanno detto "sì"
Su Instagram qualche scatto del matrimonio sul lago di Como
VAUD
2 gior
Il Festival Images Vevey attira 35'000 visitatori
Le ricadute economiche si aggirano attorno ai tre milioni di franchi
STATI UNITI
2 gior
Justin Bieber e Chance the Rapper regalano 250mila dollari
Sono destinati ai fan che si trovano in difficoltà «in questi tempi duri». È un ringraziamento per il successo di "Holy"
STATI UNITI
2 gior
Meghan Markle starebbe pensando alla Casa Bianca?
Lo sostiene una persona vicina a lei e a Harry, la data potrebbe essere il 2024
ITALIA
3 gior
Belen, parole al miele dall’ex Iannone
Il pilota di MotoGP ha parlato per la prima volta della storia con l’argentina
VIDEO
ITALIA
3 gior
Zucchero compie gli anni (ed è lui a fare un regalo ai fan)
La star festeggia 65 anni con una versione speciale di "Sarebbe questo il mondo"
STATI UNITI
3 gior
Selena, una cicatrice da mostrare con orgoglio
Nel 2017 la popstar ha subito un trapianto di rene e ora si sente libera di sfoggiare il segno rimastole sul corpo
ITALIA
3 gior
Ahia Fedez! Serio infortunio giocando a basket
Il rapper si è rotto i legamenti del ginocchio 
REGNO UNITO
3 gior
La principessa Eugenia è incinta
Il lieto evento è atteso per i primi mesi del 2021
CANTONE
04.12.2017 - 06:010
Aggiornamento : 09:16

Un viaggio sonoro e visuale secondo Gyalson

Appuntamento con Nic Gyalson domani, martedì 5 dicembre alle 20.30, tra le mura dell'Aula Magna Supsi di Trevano

LUGANO - Gyalson - che ritroveremo sul palco con Serena Maggini (tastiere, synth, percussioni, cori), Francesco Martire (basso, contrabbasso) e Dario Pedrazzi (batteria, percussioni) - presenterà in dimensione live la sua nuova raccolta. Una raccolta (TouchTime Records, 5 dicembre 2017) all’interno della quale sono confluite le colonne sonore - per produzioni televisive (“Sottosopra” di Rsi, ndr) e documentari - da lui realizzate tra il 2014 e il 2017. Una collezione attraverso cui - a distanza di un anno e mezzo dalle sperimentazioni del disco di esordio, “Alluvision” (TouchTime Records, maggio 2016) - Nicola Mariani (alias Nic Gyalson), disintegra - ancora una volta - qualsiasi margine di genere, cucendosi addosso ogni tipo di sonorità».

Nic, da quanto mi sembra di capire, parte del materiale contenuto nella raccolta è precedente ai brani realizzati in “Alluvision”...

«La prima colonna sonora è stata quella per un servizio passato a “Sottosopra” sulla scalata dell'Orbayu. Ne ho composto i brani con Olivier Mucchiut nel 2013, mentre parallelamente elaboravamo assieme alcune parti elettroniche per “Alluvision”. Quindi, in realtà, l'unico brano antecedente l'uscita dell'album inserito in questo nuovo disco è “Orbayu Teaser”».

Raccontami nel dettaglio il concepimento delle altre colonne sonore... Iniziamo con la più recente: “Sottosopra 6.0”…

«Ho lavorato per diversi anni a “Sottosopra” come fonico e cameraman. All'inizio della preparazione della sesta stagione, parlando con il montatore Samir Samperisi, è saltato fuori il desiderio di rinnovare alcune questioni estetiche e, in particolare, cambiare la musica della sigla e dei titoli di coda. Il tema di quest'anno era il volo, in tutte le sue forme: per cui, per la sigla, ho cominciato lavorando a parti ritmiche e sonorità che mi evocassero immagini aeree, tra pace e vertigini. Quello che ne è uscito è “Upside Down And Up Above”. Il brano dei titoli di coda, “Rarefaction”, è anche stato il primo che ho elaborato e inciso con l'intera  band, che fino a quegli istanti mi aveva accompagnato soltanto in tour».

Parlami ora di “SOS Bavaria”…

«“SOS Bavaria”, o Baviera nella versione italiana, è un documentario sul soccorso in grotta più grande della storia, avvenuto nel 2014 nell'arco di ben 12 giorni. A livello compositivo una grande sfida. I presupposti: uno speleologo ferito da un crollo di sassi a mille metri di profondità, i soccorritori in superficie che tentano di organizzare una missione di salvataggio - da qui la necessità di ottenere aiuti internazionali -, e poi gli speleo-soccorritori dei vari Paesi che litigano sul piano d'azione da adottare... Con questo tipo di storia il lavoro compositivo è esaltante, ma è necessario stare molto attenti a non diventare melodrammatici... La scelta del sound è ricaduta su un uso quasi esclusivo di strumenti elettronici e di registratori a nastro magnetic: quindi, i brani sono ripetitivi, a loop. Questo sia per sottolineare quanto possa essere estenuante un soccorso del genere - in un luogo senza tempo e fonti di luce naturali -, sia per ottenere un suono sporco capace di abbinarsi  alle immagini provenienti dalle piccole telecamere con cui gli speleologi hanno tenuto il diario dell'operazione».

Di “The Silk Snow” cosa vuoi dirmi?

«È stato il lavoro più lungo e difficile, principalmente perché è stata la prima composizione per un lungometraggio, e poi perché i lungometraggi erano due! Gli autori dei film sono Mario Casella e mio padre Fulvio Mariani, ma non farti ingannare: essere figlio di uno dei registi non vuol dire necessariamente che avrai il lavoro facile. Anzi, avendo lo studio in casa dei miei, non posso mica mettermi a poltrire... So che da un momento all'altro può sbucare dal nulla un produttore preoccupato a chiedermi: “Come sta andando con le musiche? Fammi sentire qualcosa!”. È stato un percorso affascinante: ho fatto molta ricerca sulle musiche delle regioni attraversate dall'antica Via della Seta, per scegliere il tipo di melodie e suoni più adatti alle immagini dei documentari, e quindi gli strumenti da suonare. Per le atmosfere del Kirghizistan ho suonato chitarre acustiche di varie dimensioni e sintetizzatori, alternati a parti che ho cantato tentando di avvicinarmi alle voci mongole, cosa davvero difficile. Per l'Afghanistan, in cui non c'è al momento una vera e propria cultura musicale, sono andato in una direzione più espressiva, cercando di trasmettere la costante tensione che permea un Paese distrutto da decenni di guerre, così come la vastità dei deserti di neve nell'inverno dell'Hindu Kush. Per farlo ho utilizzato molti strumenti: flauti, chitarre, sintetizzatori e organo Hammond, mentre Dario ha suonato tutte le percussioni. Composti i brani, ho registrato giorno e notte per un mese, mentre parallelamente suonavamo i primi concerti e preparavamo l'uscita del primo video e singolo “Amber & Diamonds” (di “Alluvision”, ndr). Il risultato: un esaurimento nervoso e un'ora e mezza di musica registrata. Tutto sommato ne è valsa la pena e lo rifarei. Sono molto felice di aver realizzato le musiche per due film di questa trilogia, che ora sta riscuotendo un buon successo internazionale. Tra l'altro, proprio una settimana fa ha fatto sold out nel cinema più grande di Lione».

Cosa vuoi anticipare dello show in programma domani?

«Sarà uno spettacolo sonoro e visuale, che spero porti il pubblico a immergersi completamente nei luoghi e le atmosfere di questi film. Estratti dei documentari saranno proiettati in sincronia con il concerto».

Ricordo che tempo fa mi parlavi di un documentario sui Krisma, al quale hai lavorato con Davide Lamonte. Vuoi approfondire?

«Al momento è in fase di stallo per problemi di vario genere, tra cui quello economico. Spero che presto Davide possa procedere con il montaggio. Si tratta di una cosa completamente distaccata dalle mie colonne sonore, tranne che per il fatto di avere avuto l'onore di passare del tempo con Maurizio Arcieri e Christina Moser: un'esperienza che mi ha senza dubbio dato molta ispirazione, in particolare quando mi trovo davanti dei sintetizzatori. A volte mando un pensiero a Maurizio, che vive ancora nella musica e nei miei ricordi».

Immagino tu stia lavorando ai brani destinati al tuo secondo album… Vuoi darmi qualche dettaglio?

«Sto lavorando - sia con la mia band, sia con altri collaboratori - a nuove canzoni e video. C'è parecchio materiale. Le registrazioni dovrebbero iniziare a febbraio».

Info: nicgyalson.com

 

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 21:35:43 | 91.208.130.85