Da sinistra Alessandro Di Blasi, Matteo Pisoni, Stefano Losa, Sebastian Rigo.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Belen e Stefano, nuova rottura? Lei rivede Iannone
Soffiano venti di crisi sulla coppia: e torna in scena anche l’ex…
VIDEO
STATI UNITI
3 ore
«Forse l'opinione che avete di me non è una mia responsabilità»
Il videoclip di Billie Eilish contro il body shaming, Not My Responsibility, è arrivato anche su YouTube
REGNO UNITO
5 ore
Un nuovo racconto di JK Rowling, ed è gratis
S'intitola "The Ickabog" ed è un regalo per tutti i piccoli lettori che sono stati costretti in casa dalla pandemia
STREAMING
7 ore
Charli XCX: l’album che nasce dal lockdown
La cantautrice britannica ha deciso di realizzare il suo nuovo progetto da casa e con la collaborazione dei fan
FOTO E VIDEO
STREAMING
9 ore
White Lines, su Netflix spopola il “fratellino” de La Casa di Carta
Álex Pina, creatore della serie spagnola più famosa è tornato con una torbida storia, bilingue e ambientata a Ibiza
CANTONE
12 ore
Teatro in video: sullo schermo la magia del palcoscenico
La piattaforma ticinese punta a sostenere le compagnie in questo momento e a offrire una seconda chance agli spettacoli
STREAMING
21 ore
Su Disney + i Simpson infine riabbracciano i catodici 4:3
La serie trasposta in 16:9 aveva fatto arrabbiare i fan più sfegatati perché molte gag finivano fuori dall'inquadratura
ITALIA
23 ore
Bisio, Zelig ai tempi del Covid-19 e un disastro chiamato Lombardia
La madre del comico è morta il 4 aprile, «non sappiamo se c’entrasse il Covid oppure no»
ITALIA
1 gior
Alessia Marcuzzi, matrimonio vicino alla fine? 
La conduttrice avrebbe lasciato Paolo Calabresi Marconi durante la quarantena
ITALIA
1 gior
Emma Marrone: «Sono più figa oggi che 10 anni fa»
La cantante ha regalato uno scatto sexy ai fan in occasione del suo compleanno
STATI UNITI
1 gior
Gli attacchi di panico hanno quasi distrutto la carriera di Chris Evans
L'attore ha faticato molto per sfondare e si è pure domandato se quella fosse la carriera giusta per lui
STATI UNITI
1 gior
Lili Reinhart e Cole Sprouse non stanno più insieme
Page Six è sicuro: le due star di "Riverdale" si sono lasciate
CANTONE
03.03.2017 - 06:010
Aggiornamento : 10:27

Eleonore Quartet: «Eccoci qua, ora più che mai!»

Esce oggi il primo album del giovane gruppo locarnese

LOCARNO - Ne parlavano da qualche tempo e ora l’attesa è finita. In giornata troveremo nei negozi – digitali e non – "Ora più che mai", l’album di esordio degli Eleonore Quartet, band condivisa da Matteo Pisoni (voce, chitarra), Stefano Losa (chitarra), Alessandro Di Blasi (basso) e Sebastian Rigo (batteria).

Nel disco il gruppo ha raccolto dieci tracce di ottima fattura, alt-folk oriented. I ragazzi ci sanno fare e hanno le idee perfettamente in chiaro. Anche se questo, d’altra parte, lo avevamo già capito seguendoli in tv (a S-Quot, ndr) e durante i concerti.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Matteo...

Matteo, quando sono venuti alla luce i primi brani del disco?

«Abbiamo iniziato a scrivere le prime canzoni in italiano nel 2013, spostandoci, a poco a poco, verso sonorità più definite. L'album è la concretizzazione di questo periodo: in studio abbiamo portato le dieci composizioni più significative e che meglio esprimono la nostra identità musicale».

Vuoi analizzare il titolo?

«“Ora più che mai” è innanzitutto il titolo del secondo singolo scelto per lanciare l’album. La canzone si focalizza sui momenti di gioia e di tristezza che, inevitabilmente, si presentano nella vita di ogni essere umano. Diciamo che interpretiamo quegli istanti come emozioni forti, come stimolo per sentirci vivi, senza aver paura di andare addirittura a cercarli. Questo disco, inoltre, in un certo senso, rappresenta ciò che noi siamo e sentiamo in questo momento… E ora più che mai... abbiamo voglia di condividerlo con chi è curioso».

Vuoi entrare nei testi, in termini generali?

«Mi viene in mente un verso del primo singolo, “Suono per la strada”, che ha anticipato questo disco: "Suono perché voglio dare voce a chi mi passa accanto e perché voglio dire ad alta voce ciò che sento". Quando da ascoltatori ci rendiamo conto di riconoscerci in una canzone, proviamo un sentimento che dà molto conforto, quasi l’avessero scritta per noi. Nel medesimo tempo, da musicista, la volontà è quella di esprimere un sentimento che è spesso parte del nostro vissuto; e scoprire, poi, che qualcuno si riconosce in quei versi, in quelle strofe,  è una soddisfazione impagabile. Nelle nostre canzoni ci piace osservare la realtà, raccontare il quotidiano, suscitando nell’ascoltatore le immagini delle scene descritte: per questo motivo persone e situazioni sono spesso al centro dei nostri testi».

Cosa vuoi dirmi delle maggiori influenze musicali confluite nell’album?

«La diversità dei generi musicali per cui simpatizziamo credo porti beneficio alla costruzione delle nostre canzoni. Abbiamo ascoltato parecchia musica “datata”, ma anche musica moderna: ci piacciono molto le sonorità acustiche, così come i ritmi in levare, mentre nel contempo strizziamo sicuramente l’occhio al cantautorato italiano.  Non c`è una vera e propria manciata di artisti in cui ci identifichiamo particolarmente: a dire il vero sono molti i gruppi, i cantautori, da cui ci lasciamo ispirare. Forse anche solo per qualche singola particolarità. Folk rock americano e inglese, indie pop, indie folk e alt rock costituiscono le nostre maggiori influenze; quello che noi facciamo è comunque sempre un lavoro di sintesi, piuttosto che di somma».

Raccontami le sessioni di registrazione…

«Abbiamo registrato l’intero album nello studio Csrm di Giubiasco durante l’estate 2016. Questo è accaduto dopo diversi mesi passati a consolidare sonorità e arrangiamenti. Abbiamo avuto anche la fortuna di collaborare con un’incredibile sezione fiati e un quartetto d’archi - coordinati da Max Pizio - che con noi hanno inciso diverse canzoni».

Quando presenterete il disco in dimensione live?

«L’11 marzo si potrà ascoltare buona parte dell’album al Living Room di Lugano, nell’ambito di Emergenza Festival, mentre il 16 ci esibiremo a Bellinzona, a EspoTicino. Dopo un paio di date oltre Gottardo, il 6 maggio torneremo nella Svizzera italiana, più precisamente al Negromante di Locarno, dove presenteremo la produzione a livello integrale».

Info: eleonorequartet.com

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-27 18:46:21 | 91.208.130.86