FOTO RSI/SANTORO
Enea Zuber, 22 anni.
+ 1
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
8 ore
Taylor Mega in ospedale dopo il malore: «Devo fare degli accertamenti medici»
La influencer si è sentita male durante una serata in discoteca in provincia di Como
STATI UNITI
9 ore
Per amore del lavoro Robert Pattinson si è ubriacato sul set
L'attore è stato lodato dal collega Willem Dafoe: «È un buon osservatore, sa come deve fare le cose, una volta è arrivato a farsi male da solo»
ITALIA
10 ore
Pamela Prati contro Barbara D'Urso: «Ha fatto tanti soldi sulla mia pelle»
La showgirl ha accusato la conduttrice (ma non solo lei) di aver speculato sul caso del finto matrimonio con Mark Caltagirone
REGNO UNITO
11 ore
«Io e William abbiamo delle giornate no»
Il principe Harry ha smentito di aver litigato con il fratello William ma ha ammesso che il loro rapporto è altalenante
REGNO UNITO
13 ore
Elton John: «Ecco perché non riesco a guardare Bohemian Rhapsody»
Non perché il film sia brutto ma perché voleva troppo bene a Freddie Mercury come svelato a GQ: «Il nuovo Re Leone? Una delusione enorme»
STATI UNITI
13 ore
Rihanna sogna la maternità: «Vorrei avere dei figli»
«Sicuramente negli ultimi mesi sono cambiata molto. Sto crescendo e ci sono cose a cui sto prestando maggiore attenzione ma che prima di adesso non avevo mai preso in considerazione»
STATI UNITI
15 ore
La guerra dei Joker: così Jared Leto voleva fare fuori il film con Joaquin Phoenix
L'attore premio Oscar pare fosse frustrato dalla promessa di Warner Bros. (non mantenuta) di una pellicola con lui come protagonista
STATI UNITI
17 ore
Jeremy Renner, accuse pesantissime dall'ex moglie
L'attore avrebbe sparato un colpo di pistola contro il soffitto mentre sua figlia dormiva
STATI UNITI
18 ore
Kanye West, ci siamo: il disco esce venerdì
Il rapper conferma su Twitter la pubblicazione di "Jesus Is King" in concomitanza con l'uscita nelle sale del suo documentario
VIDEO
CANTONE
22 ore
Netflix, quattro uscite che non dovete perdervi
Si va da "Daybreak" alla seconda stagione de "Il metodo Kominsky", da "Prank Encounters" a "Dolemite Is My Name"
REGNO UNITO
1 gior
Harry Styles congela i suoi vestiti?
Il cantante conserverebbe il suo intero guardaroba all'interno di un caveau dotato di raffreddamento criogenico e monitorato 24 ore su 24 da telecamere di videosorveglianza
STATI UNITI
1 gior
Quentin Tarantino non si piegherà alla censura cinese
Il regista conferma che non rimonterà "C'era una volta a... Hollywood", nonostante sia stato bloccato una settimana prima dell'uscita nelle sale
ITALIA
1 gior
Flora Canto in lacrime per Enrico Brignano
«Aspetto la proposta di matrimonio» ha dichiarato la showgirl
STATI UNITI
1 gior
L'ex governatore Schwarzenegger odia la politica
Il divo ha ammesso di non essersi mai sentito veramente un politico
ITALIA
1 gior
Paolo Bonolis: «Spero di diventare nonno»
Il conduttore ha parlato del matrimonio del figlio Stefano, che è stato celebrato settimana scorsa
CANTONE
11.11.2016 - 06:000

Enea Zuber: «Non mi ritengo un sex symbol»

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il giovane conduttore, nuovo volto di Rsi tra la meteo e Linea Rossa

LUGANO - Ventidue anni, malcantonese, Enea Zuber si racconta tra vita professionale e vita privata.

Enea, cosa vuoi dirmi del tuo percorso in Rsi…

«Avevo 16 o 17 anni quando dopo aver letto un’inserzione sul giornale mi presentai al primo provino per un nuovo programma dedicato ai giovani. È stato un grande piacere partecipare alla prima stagione di Linea Rossa, e lo è ancora adesso, nel ricoprire le vesti di co-conduttore insieme a Silvia Spiga, che ammiro moltissimo, tra l'altro, per la spontaneità e il talento nel gestire una banda di giovani volenterosi di esprimersi. Arrivare a condurre la meteo è stato un puro caso e frutto di tanti fattori che, sommati nello stesso momento, hanno giocato un ruolo fondamentale».

Sei sempre stato forte in geografia, quindi… Mi sbaglio?

«La scelta di condurre la meteo non è strettamente legata alla mia passione per la geografia, ma devo ammettere che come materia mi ha sempre affascinato parecchio, specialmente da piccolo quando mi divertivo a conquistare il mondo giocando a Risiko».

Come è andata la tua prima diretta, sia per la meteo, come per Linea Rossa nelle vesti di co-conduttore?

«ll giorno in cui ho debuttato come conduttore meteo ero molto nervoso, non tanto per il lavoro da svolgere, ma più che altro perché pensavo continuamente alla mia famiglia e ai miei amici che mi seguivano da casa. Non volevo deludere le loro aspettative. Per quanto riguarda Linea Rossa, devo ammettere che se non ho sentito in maniera preponderante la pressione è stato sicuramente merito dell’ambiente creato in studio da tutti i collaboratori».

Cosa credi di dovere migliorare?

«C’è sempre da migliorare. Di norma faccio molta fatica a rivedermi in video, ma ci sono delle volte in cui mi impongo di riguardare una puntata per analizzare la mia prestazione. In ogni occasione trovo sempre un difetto su cui lavorare la volta dopo».

Chi è stato il tuo “coach” alla meteo?

«Piernando Binaghi, responsabile del team meteo Rsi: una persona che ammiro molto e che è stata capace sia di motivarmi, sia di darmi le dritte necessarie per scalare la montagna e arrivare in cima».

Qual è il primo consiglio che ti ha dato?

«Il primo consiglio è stato più che altro prendere in considerazione un determinato aspetto della vita, grazie a un’immagine appesa al muro dell’ufficio, raffigurante una persona che esprime un’emozione sempre più forte man mano che sale le scale: mi ha fatto prendere coscienza che nella vita, per qualsiasi sfida, ci sono sempre delle fasi da superare. Alcuni scalini c’è chi li supera più in fretta, ma chiunque, con i propri tempi e con gli ingredienti giusti, può arrivare all’obiettivo».

So che quando le telecamere si spengono sei comunque impegnatissimo, tra moda, teatro e cinema: vuoi approfondire?

«Ho il brutto vizio di voler fare sempre tutto, pur sapendo che talvolta è impossibile. Adoro partecipare a corsi formativi per lo spettacolo, per le lingue e via dicendo. Anche se quest’anno mi sono ritagliato una pausa dagli studi di teatro, nel 2017 riprenderò sicuramente i corsi di doppiaggio».

Tra le tue altre grandi passioni troviamo lo sport… Cosa vuoi dirmi al riguardo?

«Da circa un anno, insieme a due amici, ho fondato un’associazione sportiva di Calisthenics (una sorta di ginnastica praticata principalmente nei parchi, che ti permette di sfruttare e controllare tutto il tuo corpo), la prima in Ticino. Sono molto legato a questa disciplina che pratico da poco tempo, ma che ha saputo coinvolgermi in maniera devastante».

So che ami viaggiare: dove sei stato recentemente?

«Lo scorso anno ho viaggiato molto anche in solitaria, visitando Russia, Thailandia, Corea del Sud e tanti altri Paesi. L’aspetto che mi affascina maggiormente di un viaggio è la possibilità di immergermi completamente in una nuova realtà: ogni volta vivi una storia diversa e indimenticabile, che porti con te per tutta la vita».

Qual è la prossima meta?

«In estate spero di poter partire per il Giappone. Adoro l’Asia e desidererei scoprire questa antica e affascinante cultura insieme al mio amico Joohyun, che da tempo insiste per andarci. Magari farò prima una breve tappa a casa sua, in Corea, per poi procedere insieme».

Ami anche la cucina. Ti diletti spesso ai fornelli?

«La cucina è una delle mie più grandi passioni, sin da piccolo sono sempre stato una buona forchetta e, di conseguenza, imparare a spadellare ai fornelli mi è servito a placare la mia golosità. I piatti che mi riescono meglio credo siano le lasagne e il tiramisù».

C’è chi ti definisce «il nuovo sex symbol della Rsi»… Che ne pensi?

«Non mi ritengo un sex symbol, ma ringrazio chi lo pensa. Per ora preferisco focalizzarmi sulle mie capacità professionali».

Per concludere, che tempo farà in questi giorni?

«Possiamo dire che siamo entrati di fatto in un regime piuttosto freddo con un calo delle temperature che proseguirà sicuramente nei prossimi giorni. Nella Svizzera italiana il tempo rimarrà piuttosto variabile con schiarite alternate ad annuvolamenti, mentre le piogge toccheranno specialmente le regioni a nord delle Alpi».

 

FOTO RSI/LORETA DAULTE
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 04:10:21 | 91.208.130.87