Immobili
Veicoli
Un gipeto ha spiccato il volo sulle Alpi (ma con il deserto nel cuore)

CANTONEUn gipeto ha spiccato il volo sulle Alpi (ma con il deserto nel cuore)

03.06.22 - 06:00
"Crawling" è il primo singolo dei Golden Vultures, supergruppo capitanato da Yari Copt
RICKY COMI
CANTONE
03.06.22 - 06:00
Un gipeto ha spiccato il volo sulle Alpi (ma con il deserto nel cuore)
"Crawling" è il primo singolo dei Golden Vultures, supergruppo capitanato da Yari Copt

LUGANO - Se diciamo"supergruppo" vengono subito in mente atti irripetibili della storia del rock come i Cream, i Traveling Wilburys i Blind Faith e, se vogliamo, anche Crosby Stills Nash & Young. Senza fare paragoni con questi colossi della musica, i Golden Vultures sono indubbiamente un supergruppo: capitanati da Yari Copt e con Yannick Rinvi (Those Furious Flames) e Andrea Zinzi (Make Plain) alla chitarra, Eveline Lucchini (Animor) al basso, Sebastian Rigo (Eleonor) alla batteria e cori ed Enea Adami alle tastiere e cori, pubblicano oggi"Crawling", il loro primo singolo.

Yari, che puoi dirci di questa blues ballad?
«Sono felicissimo, è il pezzo che ho sempre voluto fare. Sono stato totalmente libero di creare musica che parte dal cuore, dalla testa e anche dalla mia voce».

Com'è nata?
«Nel corso di una jam, forse era la quarta prova che facevamo insieme. È stato veramente incredibile».

Cosa sono i Golden Vultures?
«Un gruppo di amici, persone con un bel cuore e un talento veramente gigante. Ho scelto questa band perché ho in testa centinaia di canzoni, che non ho mai potuto far uscire. Invece con loro posso farlo. Siamo ovviamente tutti presi con mille altre cose, ognuno ha i propri progetti, ma ci siamo detti:"Facciamo poco, ma bello e buono". Proviamo una volta al mese, ma quando ci troviamo viene tutto molto naturale. Vogliamo solo fare buona musica, divertirci e andare a suonare meglio che si può. Un progetto fatto un po'"in relax", ma con il massimo della cura, della passione e della qualità».

Cosa verrà dopo questo primo singolo?
«Abbiamo scritto otto pezzi,"Crawling" è l'unico registrato in questo momento. L'idea è di fare qualcosa di retrò: uscire ogni sei mesi con due singoli, come lato A e lato B come negli anni Sessanta. È anche vero che per ricevere supporti e sussidi, da Comuni e Cantoni, bisogna fare un album... Capiremo se fare uscire i singoli a poco a poco - assecondando quello che è il modo di ascoltare musica oggi - e poi raccogliere tutti i brani, che saranno una decina, in un album».

Quale credi che sia il vantaggio del"poco per volta"?
«Mi piace l'idea di far uscire singolo dopo singolo soprattutto per dare importanza alla canzone. Dimostri che sei uscito con qualcosa in cui veramente credi. Mi piace anche curare ogni singolo con la sua copertina, il suo mood, l'idea, la sua storia...».

Come è stato stabilito il concept visivo del progetto?
«La mia idea, insieme alla band ovviamente, è di puntare su soli tre colori: il bianco, il nero e l'oro. L'avvoltoio dorato è uno dei vecchissimi soprannomi del gipeto, che è il rapace più leggendario delle Alpi svizzere. Mi piaceva la trasposizione dell'avvoltoio del desert rock, nella classica visione americana, ma in un contesto locale».

Da cosa trai ispirazione per la scrittura dei brani?
«Dalle cose che ho intorno. Ho avuto un periodo amoroso molto turbolento e ho scritto canzoni inerenti a quello. Ma l'idea di partenza è di fare qualcosa dal gusto western, ma alpino (ride, ndr)».

Il blues sarà il genere di riferimento per i Golden Vultures, come in questo caso?
«In realtà non mi vorrei dare dei limiti, con questa band. Oggi i giovani ascoltano tutta la musica, l'importante è che sia bella e che piaccia. Non c'è più una rigida suddivisione dei generi. Infatti i pezzi che abbiamo scritto sono molto diversi fra loro e potrebbe arrivare anche un pezzo in italiano... Voglio essere libero di creare. Chiaramente la canzone d'amore arriva a toccare le corde più profonde dell'animo con il rock, il blues e il soul... Saremo sempre da quelle parti:"It's only rock 'n roll" (ride, ndr)».

Una band così sembra fatta apposta per la scena live: quando ci sarà modo di ascoltarvi?
«Il release party del singolo è in programma domani, sabato 4 giugno, al Daytona Diner di Pambio-Noranco e poi apriremo il concerto di Edoardo Bennato allo Spartyto Festival a Biasca, sabato 27 agosto».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE PEOPLE