Immobili
Veicoli
Dave De Vita ritorna con “Drops of Light”: «Piedi ben saldi in terra, ma miro in alto»
Kyrhian Balmelli
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
8 ore
«Non c'è nessun nuovo sex tape di Kim Kardashian»
Nel video consegnatole da Kanye West ci sono sì dei filmati, ma nulla di sessualmente esplicito
ITALIA
11 ore
Andrea Delogu e l’addio a Francesco Montanari: «Era finito l’amore»
A distanza di un anno la presentatrice ha parlato della fine del suo matrimonio 
ITALIA
13 ore
Tomaso Trussardi fotografato con un’altra donna dopo l’addio alla Hunziker 
Nel mirino del gossip il week-end dell’imprenditore sulla neve 
ITALIA
18 ore
Sfera Ebbasta presto papà, in arrivo un maschietto
L’artista ha svelato il sesso del bebè che aspetta insieme ad Angelina Fiol Lacour
STATI UNITI
21 ore
Il lato oscuro di Playboy: «Stare in quella villa mi ha segnata a vita»
Non solo lustrini, bikini e jet-set nella Mansion di Hugh Hefner. Una docuserie prova a raccontarne storie (e abusi)
ITALIA
1 gior
La “cinquina” di Gigi D’Alessio: è nato Francesco
Il cantante ha festeggiato con la compagna Denise Esposito la nascita del suo quinto figlio
STATI UNITI
1 gior
Anche Elton John ha il Covid
Il cantante ha dovuto rinviare due concerti previsti a Dallas
STATI UNITI
1 gior
Non Covid, ma problemi di produzione degli show...
Sarebbe questa la ragione reale della decisione presa da Adele, secondo Tmz che cita fonti del Caesars Palace
VIDEO
FRANCIA
1 gior
Charlotte Casiraghi apre la sfilata di Chanel... a cavallo
La figlia di Carolina di Monaco ha reso omaggio a una disciplina cara alla fondatrice della maison
SVIZZERA
1 gior
Latifa Echakhch allestirà il padiglione svizzero alla Biennale di Venezia
Il progetto s'intitola "The Concert" ed è stato concepito e realizzato insieme ad Alexandre Babel e a Francesco Stocchi
CINA
1 gior
Da qualche giorno in Cina “Fight Club” ha un finale completamente diverso
Ad accorgersi della novità, chi ha guardato il cult di David Fincher via streaming questo fine settimana
ITALIA
1 gior
Massimo Ranieri: «A 70 anni voglio un altro figlio»
Il cantante ha già una figlia che ha riconosciuto però solo quando aveva 24 anni
VIDEO
LUGANO
1 gior
Pupo: «E pensare che in Ucraina sono un criminale»
Con le donne preferisce il poliamore. E in musica ci parla di una strana maledizione che colpisce alcuni cantanti.
ITALIA
2 gior
C'è troppo Covid: niente adunata per i 70 anni di Vasco
Il fan club di Zocca ha annullato l'evento previsto per il 5 febbraio
CANTONE
23.11.2021 - 06:000
Aggiornamento : 09.01.2022 - 17:30

Dave De Vita ritorna con “Drops of Light”: «Piedi ben saldi in terra, ma miro in alto»

Il nuovo album del cantautore ticinese esce questo venerdì 26 novembre ed è una colorata esplosione pop-rock

LUGANO - Esce proprio questo 26 novembre, e dopo 3 singoli, il nuovo mini-album dell'artista ticinese Dave DeVita. Cantante, compositore e attore attivo fra Ticino e Losanna e che avrete già visto e sentito fra televisione e radio. Definisce questo “Drops of Light” - un colorato trionfo di pop-rock da stadio - un «nuovo e cruciale capitolo della sua vita». Non potevamo, quindi, che farcelo raccontare direttamente dai lui.

Sentendo l'EP il primo aggettivo che mi viene in mente è «emozionato», ci azzecco? 
«Si certo. L’emozione è sempre presente e cerco di fare in modo che le cose non cambino, sia quando canto che quando scrivo. Anzi, con il passare del tempo, cerco di scavare sempre di più in profondità per tirare fuori delle emozioni nascoste, che a volte non abbiamo il coraggio di mostrare, ma che potrebbero aiutare ad avvicinarci». 

Non sei l'unico cantautore che reagisce alla pandemia in un modo esplosivo, è una cosa che mi ha raccontato in intervista anche Stefanie Heinzmann. È stato così anche per te? 
«Di sicuro la situazione attuale ha colpito anche la mia vita e il mio percorso musicale. Trovo che è in momenti come questi che ci si rende conto dell’importanza della vita, della famiglia e dell’amore. Ma anche della musica! Grazie a essa si può dare una voce a chi soffre dentro, e mai come in questo momento storico abbiamo bisogno di questa valvola di sfogo. Dunque si, in questo EP ho sicuramente canalizzato la mia grande voglia da una parte di portare una ventata d’aria fresca e dall’altra di reagire a questo momento storico difficile». 

Dove trovi l'ispirazione per i tuoi pezzi, e poi come vengono alla luce? Puoi raccontarci un po' la tua ricetta? 
«I miei brani possono nascere da una melodia, da un ritmo, da un frammento di testo, da un pensiero o da tante altre cose. Non ho una formula o una ricetta precisa, purtroppo o per fortuna! Ma quello che posso dire è che mi piace molto lavorare con le melodie, e spesso è quello che faccio sin dall’inizio del processo di scrittura. In ogni caso cerco sempre di trovare un buon mix fra i miei punti forti e la sperimentazione, in modo da non ripetermi».

Se devo scegliere una canzone delle 6 del disco, giusto perché mi ha sorpreso a partire dal titolo, è “Cannibals in Heaven”. Me la puoi raccontare? 
«Per utilizzare i cannibali, ho preso ispirazione allo spettacolo teatrale “Concours Européen de la Chanson Philosophique” alla quale ho avuto la fortuna di partecipare in qualità di co-compositore e di attore-cantante e con il quale mi sono esibito in tutta Europa. Il brano lo avevo scritto proprio per questo spettacolo, utilizzando un testo in francese dell’antropologo e professore all’Università di Losanna Mondher Kilani, il quale parlava in modo metaforico proprio dei cannibali. 
Ho avuto voglia di riprendere questo pezzo che avevo scritto e d'inserirlo nell’EP, quindi l’ho riarrangiato con l’aiuto di Jonas Macullo e ne ho riscritto un testo. Mi sono fatto ispirare da questa immagine del cannibale e quindi ho voluto riproporla utilizzandola sempre come metafora, ma questa volta con una mia chiave di lettura. 
Il cannibale è in senso metaforico il lato oscuro che si nasconde in ognuno di noi. Il testo del brano incita a prendere coscienza di questo "altro", e ricorda che questo può nascere ed essere alimentato dalle nostre paure e incertezze. Il rendersi conto del fatto che ognuno ha dentro di se queste debolezze, e il mettersi nei panni dell’altro, può dare una svolta in quello che sono le relazioni con noi stessi e con gli altri».   

Ultima, che ti aspetti dal futuro? Quanto è alta l'asticella delle tue ambizioni? 
Ormai è difficile riuscire a prevedere il futuro, ma non per questo non ci penso. Quindi mi concentro sul presente e allo stesso tempo mi pongo degli obiettivi a medio/lungo termine che mi danno una “direzione”, come un arciere mira al suo bersaglio. I piedi sono ben saldi a terra, ma l’asticella è piuttosto alta. L’obiettivo generale è quello di riuscire il prima possibile a vivere della mia musica (e solo di quella) di modo da potermi concentrare al 100% sul mio progetto, creando magari anche un team con cui lavorare. Si, è fattibile ma non scontato, soprattutto di questi tempi. 
Il primo passo è quindi quello fare arrivare la mia musica in tutta la Svizzera e di crearmi un nome a livello nazionale. Dopodiché la volontà è quella di conquistare tanti cuori anche al di fuori della madre patria».

Kyrhian Balmelli
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 05:37:53 | 91.208.130.85