KEYSTONE
Davis pochi mesi prima della morte.
STATI UNITI
28.09.2021 - 09:300

È il 30esimo anniversario della morte di Miles Davis

Iconico, inarrivabile, se ne andava in California il 28 settembre 1991

LOS ANGELES - Il 28 settembre 1991 Miles Davis moriva in un ospedale di Santa Monica, in California, stroncato da un ictus. 

Quel giorno se ne andò uno degli artisti più celebri e influenti non solo del panorama jazzistico, ma dell'intero panorama musicale e culturale. La tromba di Davis era (e lo è ancora oggi) immediatamente riconoscibile e, al contempo, inarrivabile. 

Miles Davis è uno di quei musicisti che aprono una strada e che sperimentano, trovando nuove direzioni apparentemente inaspettate. Due stagioni elettriche (che hanno prodotto capolavori come "Bitches Brew" e "Tutu") sono seguite agli anni del bebop, del cool jazz e del jazz modale. Nessuno, probabilmente, ha esplorato tra i vari generi (inventandoli, anche) come il musicista classe 1926.

Ci sono decine di racconti che testimoniano quale impatto Davis abbia avuto sui colleghi che lo hanno frequentato o che lo hanno semplicemente preso a modello. «La prima volta che ho ascoltato Miles, era in "Birth of the Cool" e mi ha illuminato, abbagliato. L'impronta di Miles su di me è indelebile» ha detto Joe Zawinul. E ancora John McLaughlin: «Sapeva tirar fuori il meglio dalle persone. Lo andavo a trovare quasi tutti i giorni, si suonava, si discuteva. Ho avuto una chance immensa».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 04:28:29 | 91.208.130.86