Fred De Palma si racconta a Tio/20Minuti: «Voglio continuare a superarmi»
Russeavx (Alessandro Russo) – photographer
ULTIME NOTIZIE People
STATI UNITI
10 ore
Ha avuto 15 figli, ma probabilmente era sterile
Una nuova biografia rivede la figura del leggendario bluesman B.B. King prolifico nell'arte quanto nella vita
ITALIA
13 ore
Miriam Leone ha detto sì
L'attrice è convolata a nozze con Paolo Carullo
STATI UNITI
1 gior
Aretha Franklin ha superato Bob Dylan
La top 500 di "Rolling Stone" delle migliori cantoni di tutti i tempi è stata rivista
ZURIGO
1 gior
Kanye West allontanato da un ristorante di Zurigo?
Stando ad una lettrice ci sarebbero stati problemi con il certificato Covid
STATI UNITI
2 gior
La ex campionessa cerca di dare scacco a Netflix
Nona Gaprindashvili ritiene di essere stata diffamata da una frase de "La regina degli scacchi" e chiede cinque milioni
VIDEO
FRANCIA
2 gior
La genesi di Voldemort nel film di un fan (ma autorizzato)
Il regista Joris Faucon Grimaud è stato mosso «dall'amore per il cinema» e ha sfruttato finanziamenti per 60mila euro
REGNO UNITO
2 gior
Il testamento di Filippo resterà segreto per tutelare la «dignità» della Regina
È l'ordine emesso giovedì da un giudice: potrà essere aperto non prima di 90 anni
SVIZZERA
2 gior
C'è Zurigo nel prossimo tour di Ed Sheeran
Il cantautore britannico si esibirà venerdì 16 settembre 2022
ITALIA
3 gior
Enrico Brignano, proposta di nozze al centro dell’Arena di Verona
Il comico ha chiesto alla sua Flora di sposarlo nel mezzo del suo spettacolo 
ITALIA
3 gior
Stefano De Martino e la relazione con Miss X
Il conduttore e ballerino avrebbe da tempo una storia con una donna misteriosa
REGNO UNITO
3 gior
Elton John costretto a riprogrammare il tour a causa di una caduta
Il cantautore dovrà sottoporsi ad un'operazione e ad un intensivo programma di fisioterapia
STATI UNITI
3 gior
Harry e Meghan sulla copertina del Time
I duchi di Sussex hanno anche scritto l'elogio per l'economista Ngozi Okonjo-Iweala
Stati Uniti
3 gior
Il prossimo Nolan? Parlerà della bomba atomica (per Universal)
Parlerà della creazione della bomba atomica. Le riprese inizieranno l'anno prossimo
FOTO E VIDEO
STREAMING
3 gior
Perché tutti quanti stanno parlando di “Kate”
Il film d'azione con Mary Elizabeth Winstead è un fenomeno su Netflix, e il merito è davvero tutto suo
ITALIA
4 gior
Riccardo Scamarcio: com’è nata la storia con Benedetta Porcaroli
L’attore ha lasciato la madre di sua figlia per la giovane collega conosciuta sul set 
STATI UNITI
4 gior
Allison Mack è andata in carcere in anticipo
L'attrice dovrà scontare tre anni per la vicenda del culto sessuale per il quale reclutava donne
ITALIA
4 gior
Mara Venier: «La tv influì sulla rottura con Renzo Arbore»
La conduttrice è tornata sulla fine della relazione con il musicista, avvenuta nel ’97
Stati Uniti
4 gior
Dov'è finita Britney Spears?
Niente paura: «Prendo una pausa dai social»
ITALIA / SVIZZERA
13.09.2021 - 06:000

Fred De Palma si racconta a Tio/20Minuti: «Voglio continuare a superarmi»

Tra viaggi, tatuaggi e un futuro a Lugano, la nostra intervista con il pluripremiato artista italiano

Il reggaeton? «È una missione che voglio portare avanti, l'Italia musicale deve internazionalizzarsi»

TORINO / LUGANO - Tra gli artisti che con le loro hit ci stanno abituando bene, è impossibile non nominare Fred De Palma, che con brani come “Ti raggiungerò” o “Un altro ballo” si è fissato lì, nella nostra mente musicale, senza intenzione di sparire a breve. 

Il cantante 31enne, che ha più di quattro milioni di ascoltatori mensili sulla piattaforma Spotify, dei quali sette mila dalla Svizzera, si è recentemente esibito a Lugano. In un viaggio tra rap e reggaeton, dischi d'oro e viaggi internazionali, lo abbiamo intervistato, e ci ha raccontato un po' come stanno andando la sua vita, e la sua carriera.

Dagli esordi con il rap a “Re” del reggaeton italiano. Cosa pensi quando guardi indietro, al tuo percorso? Cambieresti qualcosa?
«No, credo che il mio percorso mi abbia portato qui proprio perché c’è stato quel background rap. Comunque reggaeton e rap sono molto simili per certi punti di vista. È vero che il primo ha delle forme stilistiche musicali diverse, ma prevalentemente parla di quello di cui parlano i rapper. Credo che il mio passato abbia influenzato il mio futuro, e mi abbia portato qua».

C’è chi per parlare della tua musica la definisce solo “reggaeton”, ma in realtà (anche in “Unico”) ti piace esplorare sempre nuovi sottogeneri e nuove musicalità, o sbaglio?
«Sì, assolutamente. In questo momento sono focalizzato sul reggaeton, ma anche perché è una missione che voglio portare avanti: credo che l’Italia a livello di musica vada internazionalizzata, e io ho sentito che questa cosa (il reggaeton, ndr) mancava, che potevo farla bene, e che poteva essere d’ispirazione per altre persone. Penso sia importante per la musica italiana che un altro genere influenzi i futuri artisti. È comunque un’altra alternativa a tutto quello che già c’è, come nel resto del mondo».

Un tormentone estivo è spesso associato ad un pezzo vuoto. Quanto è difficile fare pezzi di successo, senza rinunciare a trasmettere qualcosa?
«Io parto dal presupposto che "tormentone" è un po’ un termine antico, mi ricorda il Festivalbar, (ride, ndr) credo il termine giusto sia hit. Comunque, una cosa non esclude l’altra, non credo che per forza si debba escludere la parte emotiva e la parte che trasmette un messaggio, nelle canzoni che possono diventare molto importanti. Però serve un balance, si deve riuscire a parlare veramente a tutti. Uno pensa sempre “ti siedi e fai la hit”, ma non funziona così: si fa la propria musica, poi di tutto quello che si è fatto si cerca di capire cosa potrebbe funzionare, e in che modo.  Alla fine è poi sempre il pubblico a decidere».

Quanto è diverso preparare un brano rap da un brano reggaeton, si dà più peso ad aspetti diversi?
«In realtà, preparare un brano reggaeton è molto simile a preparare un brano rap. Ad esempio nel mio disco, se togli la strumentale, i brani potrebbero essere rap/trap, l’attitudine sul beat è la stessa. Preparare una hit reggaeton, invece, è diverso, per il semplice fatto che stai cercando di parlare ad un pubblico molto più ampio».

Nei tuoi brani, e potrei dire anche nelle tue hit, hai tanti featuring con voci femminili (Ana Mena, Anitta…), è un fattore importante, nel reggaeton?
«No, è stata una mia scelta personale quella di cercare una combo che possa essere risultare ancora più forte. Ma non credo sia necessario, se un pezzo è forte lo è, non conta se lo canti da solo, in due, o in quattro. Però sì, per un periodo della mia carriera - che tuttora prosegue - ho scelto di fare diverse collaborazioni con artiste donne».

Hai vinto dischi d’oro x3, e dischi di platino x18. Ti fa ancora effetto? Quanto contano per te?
«Tantissimo, continuare a fare dei successi significa che il fuoco non si è spento, che posso provare ancora a superarmi, e continuare a far musica. Il fatto è poter continuare a giocare la partita contro me stesso. Non credo infatti nella competizione con altri artisti, ma credo sia solo verso sé stessi. Quindi sì, mi fa piacere fare altri dischi di platino (ride, ndr)».

Il tatuaggio della palma? Cosa rappresenta? 
«In realtà è perché mi chiamo Fred De Palma e mi è venuto così, una volta che mentre ero in studio. Non è una cosa che ha avuto mesi di riflessione».

Cosa pensi dei fan che lo emulano?
«Spero non in faccia, ma su altre parti del corpo (ride, ndr.). Comunque sì, mi capita di vederle, fa piacere».

Stai viaggiando tanto, anche fuori dall’Italia, ormai punti più ad un pubblico internazionale? 
«Mi piacerebbe fare un progetto che sia completamente internazionale, e spero che questa cosa possa presto arrivare, nel mio futuro. Sto lavorando anche in quella direzione, ma non è una cosa che puoi tanto pianificare, è anche qualcosa che deve succedere in maniera autonoma».

Quale è il tuo luogo preferito, e perché?
«Miami, senza dubbio. Mi è piaciuta proprio tanto, proprio per la vibe di quello che faccio, se c’è un posto dove succedono le cose, è quello. A livello musicale, tutti quelli che combinano qualcosa a livello mondiale sono lì, le energie di quel posto sono assolutamente vincenti».

Recentemente sei stato in concerto a Lugano. Com’è stato tornare a suonare dal vivo, tra la gente, dopo la pandemia? 
«È stato bellissimo. Era una cosa che mi mancava, spero di continuare a farlo e che non ci siano più sbattimenti di questo tipo». 

Cosa ne pensi del Ticino?
«Bellissimo, vorrei venirci a vivere! Vorrei venire a vivere a Lugano».

Ah ecco! Come mai!?
«La tranquillità, e poi c’è tutto. Se vuoi fare festa puoi, se vuoi stare tranquillo, puoi. Poi è molto organizzato, la Svizzera è un Paese che comunque dà, le persone sono educate».

A proposito di Svizzera, e quindi di lingue… Il reggaeton in tedesco, lo ascolti? 
«No, non l’ho ancora sentito (ride, ndr). C’è? … Beh sta arrivando anche lì, me lo andrò a cercare». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-20 02:22:15 | 91.208.130.85