VISORY RECORDS SUISSE
Soliloquio incontra Marco Cita.
ULTIME NOTIZIE People
REGNO UNITO
2 ore
«Ho capito solo mesi fa che "f*****" è un insulto contro i gay da non utilizzare»
A far riflettere Matt Damon sul suo uso quantomeno disinvolto della parola è stata una delle figlie.
STATI UNITI
4 ore
Il «miglior video musicale di sempre» è di Beyoncé
Si tratta del videoclip di "Formation", secondo il magazine Rolling Stone
FINLANDIA
6 ore
Anche i "mostri" si vaccinano
Mr. Lordi ha preso parte alla giornata di porte aperte al centro vaccinale di Rovaniemi
ITALIA
8 ore
Laura Chiatti: smentita in tre mosse la crisi con Marco Bocci
L’attrice ha usato Instagram per negare le voci di “maretta” col marito
ITALIA
10 ore
Gregoraci-Briatore: ritorno di fiamma a Capri? 
Si accendono i sospetti sulla coppia, sull’isola per un evento di beneficenza
LOCARNO
11 ore
Un nuovo professore per il Locarno Film Festival
Lo statunitense Kevin B. Lee ha battuto la concorrenza di quasi 150 candidati
STREAMING
17 ore
Pioggia e grandine ad agosto? Ci pensano Netflix & co.
Le uscite più interessanti in arrivo questo mese sulle principali piattaforme di streaming video
ITALIA
1 gior
Gaetano Curreri è «in lento e graduale miglioramento»
Migliorano le condizioni del cantautore dopo l'infarto di venerdì sera
STATI UNITI
1 gior
"Jungle Cruise" debutta col botto (e Dwayne Johnson gongola)
Le stime degli incassi sono migliori delle attese della vigilia per il film Disney
CINA
1 gior
Superstar cinese arrestata con l'accusa di stupro
Sono due dozzine le donne che accusano Kris Wu. Lui nega tutte le accuse
CANTONE
16.06.2021 - 06:300

Un "Girotondo" per affrontare il mondo, spinti dall'energia dei sogni

Questo singolo segna l'incontro artistico tra Soliloquio e il siciliano Marco Cita

CAPRIASCA - S'intitola "Girotondo" l'ultimo singolo pubblicato da Soliloquio (alias Malcom De Marchi) per la Visory Records Suisse. Per l'occasione il rapper ticinese è stato affiancato dal cantante siciliano Marco Cita.

Un brano che «per noi ha un valore inestimabile» spiegano i due artisti coinvolti nel progetto. «Se ascoltato a occhi chiusi, riesce a trasportare e condurre chiunque all’interno di un viaggio ben preciso». Per Malcom e Marco, «questo viaggio è stato quello che ci ha fatto conoscere. L’abbiamo cantato la prima volta l’estate scorsa, sotto il sole torrido di luglio, nel giardino di Villa Borghese, dopo i casting di Amici». Quell'esperienza era già stata alla base del precedente singolo di Soliloquio, "Olimpico".

Quella del talent televisivo italiano è stata un'esperienza agrodolce per i due artisti: «Entrambi non siamo stati selezionati, ma nonostante ciò ci siamo ripromessi che niente al mondo avrebbe impedito che le nostre strade si ricongiungessero e così è stato. La promessa è stata mantenuta». Marco Cita è infatti venuto in Svizzera per registrare i suoi primi lavori etichettati Visory Suisse ed è stata l'occasione per incidere "Girotondo" al NEA music room di Ponte Capriasca e per girare il relativo videoclip.

«Abbiamo scelto "Girotondo" perché, nonostante il brano fosse stato scritto prima del nostro incontro da Soliloquio, il testo narra di valori e aspirazioni che accomunano entrambi e in cui Marco Cita si è saputo immedesimare perfettamente, scrivendone così i differenti ritornelli». Due ragazzi nati a migliaia di chilometri di distanza, ma con un vissuto che risulta simile in molti aspetti: «Entrambi viviamo in una realtà piccola, la campagna palermitana e ticinese, che porta la gente che ci circonda a essere poco stimolati in percorsi artistici e fuori da quello che vieni definito “l’ordinario”. Per questo in ognuno di noi è sorta maggiormente la voglia di far prevalere il nostro sogno e anteporlo ai giudizi esterni».

Una frase cruciale di "Girotondo", che riassume buona parte del significato del brano, è: “Sono in perfetta armonia con il mondo e le mie assurdità”. Lo scopo, dunque, è «riuscire dunque a far combaciare le proprie fantasie e immaginazioni con le persone e con il mondo che ci circonda. Attraverso l’ispirazione dell’omonima canzone di Fabrizio De André (pubblicata in "Tutti morimmo a stento" nel 1968, ndr), cantiamo quindi di un mondo colmo zeppo di problemi, ma che con l’innocenza e l’energia dei sogni possiamo affrontare giorno dopo giorno, creando la nostra strada, fatta di quello che abbiamo sempre desiderato: cantare, scrivere fare musica, esprimerci liberamente nutrendoci d’arte e di energia per poterla diffondere a coloro che ci ascoltano».

VISORY RECORDS SUISSE
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 23:43:43 | 91.208.130.86