Sony Music
George Cosby
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
8 ore
Martina Stella sarà mamma una seconda volta
L’attrice ha annunciato su Instagram di essere in dolce attesa
VIDEO
ITALIA
10 ore
"Mille": e video fu
Lanciato oggi il clip ufficiale della canzone dell'estate di Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti.
CANTONE
12 ore
Andate alla prima di “A Quiet Place 2” con tio.ch
Un concorso per vincere biglietti (e pop-corn) per la proiezione che si terrà al Cinestar la sera del 25 luglio
ITALIA
14 ore
Alessandra Mastronardi: «Mi sposo, ma non so dove e quando»
L’attrice dopo la proposta ricevuta da Ross McCall: «Sono in difficoltà coi parenti»
ITALIA
17 ore
Paolo Bonolis spegne 60 candeline
Diversi gli auguri di amici e colleghi, ma anche quelli della ex
STATI UNITI
22 ore
Ned Beatty morto a 83 anni
Volto noto di “Un tranquillo weekend di paura” e “Superman”, è stato più volte candidato all'Oscar
STREAMING
CANTONE
23 ore
Le incertezze dei giovani condensate in "limbo" e "nothing's real"
Due singoli in poche settimane per la coppia artistica Belfa-Julia Alexa, e sta arrivando un Ep
STATI UNITI
1 gior
«Ho già licenziato chi non ascoltava le donne»
Chris Rock e Nicole Kidman hanno parlato di parità di genere, problema ancora diffuso ad Hollywood
ITALIA
1 gior
Operazione al cuore per Omar Pedrini
«L'intervento è riuscito» ha annunciato la moglie
REGNO UNITO
1 gior
Oliva Colman: «Spero che la Regina Elisabetta non abbia visto The Crown»
L'attrice ha rilasciato un'intervista a Vanity Fair in cui ha parlato anche della monarchia
REGNO UNITO
04.05.2021 - 06:300
Aggiornamento : 07:54

Quando la canzone sul vero amore ti salta fuori all'improvviso

Come è successo con “True Love” al giovane cantautore britannico George Cosby: «Ringrazio il mio subconscio»

LONDRA - Una canzone d'amore (e di questi tempi non è così facile sentirne) con atmosfere d'altri tempi e una voce che si fa decisamente ricordare.

Questa è “Real Love”, che forse avrete già sentito passare alla radio, del cantautore britannico George Cosby e che nella vicina Italia si sta decisamente facendo ascoltare: «Non me lo spiegare», ci racconta in intervista, «quando l'ho scritta avevo in mente quelle atmosfere, quel tipo di sapore lì... Da sempre la mia principale ispirazione sono i film più che le canzoni, e sono contento che sia passata».

Ciao George, sei a Londra, vero? Come sta riprendendo la vita dopo un così lungo lockdown?

Diciamo che sta migliorando, con negozi e locali la vita si sta riaprendo ricominciando a... sembrare tale. Il bel tempo di questi giorni, bisogna dirlo, aiuta parecchio.

Qual è stata la prima cosa che hai fatto dopo la riapertura?

Sono un appassionato nuotatore, quindi per me la prima destinazione è stata la piscina (all'aperto però). Poi sì, anche io sono andato a bermi una cosa con gli amici (ride).

Anche tu, come tanti musicisti, ti sei trovato all'improvviso in mezzo alla pandemia. Com'è stato per te?

È stato sconvolgente ma anche un'occasione per rimettersi in discussione e trovare nuove soluzioni. Stavamo lavorando ai pezzi del mio album nuovo e durante quest'ultimo anno, abbiamo finito per continuare a farlo in remoto, mandandoci pezzi e tracce di strumenti e assemblandoli a distanza. È stata una sfida, in senso anche positivo. Certo, il fatto di trovarsi insieme a suonare e fare musica - quella magia lì - un po' mi è mancata.

Come nascono i tuoi pezzi?

Dipende, solitamente tutto parte dalle parole. Tento di scrivere ogni giorno, che siano testi, poesie o anche solo un diario quotidiano. Da lì di solito tutto prende il via, trovo un filo conduttore e parto per la tangente. Altre volte le cose possono essere più spontanee, magari sono al piano a provare accordi e mi viene una melodia, così, e dico: «Wow!»

Qual è il tuo background? Vieni da una famiglia artistica?

Sì, nel senso più letterale possibile: mia mamma era una gallerista e la galleria d'arte era parte della nostra casa. Forse avrei davvero dovuto fare il pittore o lo scultore ma, si sa, come sono i figli (ride). Passavo i pomeriggi in camera a suonare per conto mio, è venuto naturale. È un po' come se ci fossi cascato dentro, senza accorgermene. 

Parliamo un po' di “Real Love”...

È una canzone molto importante, è nata ormai all'incirca 4 anni fa. È saltata fuori all'improvviso, come un incidente di percorso, per questo ringrazio il mio subconscio che alle volte mi fai dei gran bei regali (ride). Ho capito subito però che sarebbe stato l'inizio di un ciclo nuovo.

... e secondo te esiste anche un “Fake love”?

È una domanda molto interessante (ride). La canzone è nata quando mi ero appena trasferito a Londra da fuori, era un momento molto vivace pieno di nuove conoscenze. Ma ti rendevi conto che queste persone, amici e non, non erano lì per durare. Non nel senso assoluto del termine, come nelle storie d'amore classiche.

Questa estate, incrociamo le dita, hai diversi concerti importanti in ballo...

Ti dirò, non vedo l'ora... Suonare dal vivo è quello che da davvero senso al nostro lavoro, si fa tutto per arrivare lì. E non vedo l'ora di poter tornare a girare l'Europa con la mia musica.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-15 05:47:13 | 91.208.130.85