Max Deste e "Qualcosa di magico" per cambiare (almeno un po') il mondo
MaxDeste
ULTIME NOTIZIE People
Stati Uniti
1 ora
Il batterista degli Offspring buttato fuori dalla band per non essersi vaccinato
Pete Parada ha rifiutato il vaccino per patologie pregresse
ITALIA
3 ore
Arrabbiata con l’ex, Anna Tatangelo si consola con Livio Cori
Su tutte le furie con Gigi D’Alessio, l’artista finisce sui giornali per il bacio col nuovo partner
STATI UNITI
7 ore
La battuta sul suo trapianto di rene non va giù a Selena Gomez: «È di cattivo gusto»
Il riferimento all'operazione in una puntata di "The Good Fight". Non è la prima volta che succede.
STATI UNITI
16 ore
Harry e Meghan presenteranno un premio agli Emmy?
A quanto pare i Sussex «sono molto richiesti» a Hollywood
ITALIA
18 ore
Simona Ventura al veleno su Barbara D’Urso e Mara Venier
La conduttrice ha sparato una bordata contro le due colleghe
STATI UNITI
20 ore
Per Jennifer Aniston ci sono ancora troppi no-vax, «è un peccato»
Informare chi si incontra regolarmente se si è vaccinati o meno? «È un obbligo morale e professionale»
FRANCIA
22 ore
Covid, il rapper Akhenaton in terapia intensiva
Il fondatore degli IAM, 52 anni, è stato ricoverato domenica dopo aver accusato difficoltà respiratorie
LOCARNO
1 gior
Laetitia Casta al Pardo: «La moda mi ha insegnato il cinema»
Laetitia Casta ha inaugurato il nuovo centro conferenze di Locarno74, stasera sarà premiata in Piazza Grande
STATI UNITI
1 gior
I 40 anni di Meghan Markle
Secondo i tabloid festeggerà con un party in stile hollywoodiano. Da Londra gli auguri social della Famiglia Reale
CANTONE
28.09.2020 - 06:300

Max Deste e "Qualcosa di magico" per cambiare (almeno un po') il mondo

Uscito da pochissimo il nuovo pezzo del cantautore scritto nel nome della mindfulness: «Riscopriamo la nostra umanità»

LUGANO - Ritorna proprio in questi giorni con un pezzo nuovo Max Deste - nome d'arte del luganese Massimiliano De Stefanis - artista poliedrico, musicalmente irrequieto e sempre in cerca di nuovi stimoli.

Il nuovo brano, che segue "Dolce far niente", si chiama "Qualcosa di magico" e vuole veicolare un messaggio positivo: «è una canzone che invita a ritrovare la presenza mentale, per riscoprire la nostra umanità, ovattata sempre più da paure e distrazioni digitali».

Il singolo ha un messaggio forte e chiaro, è sempre così nella tua musica? 
«Da quando ho iniziato a comporre in italiano e non più in inglese, quello che scrivo rispecchia con maggiore precisione quello che provo, con quali risultati sta poi all’ascoltatore dirlo. A partire dal mio album “Ok silenzio”, l’intenzione è comunque quella di raccontare l’uomo contemporaneo, così come faccio con i miei romanzi. Certamente non mancano i temi forti. L’ambiente, il rapporto uomo-tecnologia, il razzismo, per citarne alcuni«.

Nel pezzo - anche a giudicare dalla copertina del singolo - mi sembra ci sia anche un richiamo spirituale, mi sbaglio? Qual è il tuo rapporto con la spiritualità, trova spazio nella tua musica?
«Non sbagli! La dimensione per così dire spirituale impregna il mio quotidiano. Ma dobbiamo precisare cosa s’intende per spirituale. Ciò non significa che vivo sopra una nuvoletta, che faccio viaggi astrali, o che sono dedito a riti particolari.
Al contrario, pratico la mindfulness da quasi tre decenni. Lo scopo è quello di restare nel mio corpo, di sentirlo, seguendo poi il mio respiro, che mi permette di concentrarmi. Il risultato è quello di calmare la mente, e quindi di controllare meglio pensieri ed emozioni. In questo senso, come volontario, sono direttore di un Centro di meditazione buddhista a Giubiasco e responsabile dei corsi che proponiamo. In sintesi, questa forma di “igiene” mentale è alla base di ogni mia produzione artistica, dunque anche della mia musica».

Per quanto riguarda la musica mi sembra che ti piaccia sperimentare e cambiare, con gli anni lo hai fatto molto spesso...
«Hai colto una delle mie principali caratteristiche, quella di rimettermi sempre in gioco, e soprattutto di studiare e imparare cose nuove. Per chi ha suonato con me in passato, ammetto che questo continuo sperimentare creava ansia, e spesso metteva in crisi.
Il punto è che le acque stagnanti, per usare una facile metafora, sono torbide e velenose. Ci vuole un continuo ricambio per avere acqua trasparente che ti permette di vedere il fondo. Per il futuro, a livello musicale sono in generale sempre combattuto tra la dimensione acustica e quella elettronica. Ma forse questi due poli sono indispensabili per far nascere la scintilla giusta per creare… qualcosa di magico».

MaxDeste
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-05 13:50:56 | 91.208.130.89