Keystone
Ellen DeGeneres
STATI UNITI
18.08.2020 - 21:000

Saltano teste all'Ellen DeGeneres Show: «Non sono stata all'altezza»

Allontanati tre produttori accusati di molestie e di promuovere una «cultura della paura» tra i collaboratori.

LOS ANGELES - Saltano teste all'Ellen DeGeneres Show, uno dei più famosi talk show della tv americana. Tre produttori sono stati allontanati in seguito alle accuse d'intimidazioni, ritorsioni e molestie sessuali sul posto di lavoro mosse a loro carico.

Ellen DeGeneres, che conduce il programma dal 2003, ha annunciato queste partenze in una chiamata Zoom con il resto della sua squadra. La presentatrice 62enne è tornata a scusarsi per non aver saputo capire quanto stesse accadendo dietro le quinte e per essere sembrata ad alcuni lontana e distaccata.

«Sono una persona complessa, provo a essere la persona migliore che posso e imparo dai miei errori», ha affermato DeGeneres come riporta l'Hollywood Reporter. «Ho un po' la sensazione di non essere stata all'altezza perché sono concentrata sul programma, vado, faccio il programma e ho semplicemente lasciato che ognuno facesse il proprio lavoro», ha aggiunto.

Per l'attrice comica, il «problema» è che, dopo 17 anni, lo show è ormai diventato «una macchina ben oliata», ma la produzione di un programma non è come una macchina: «Sono persone. Sono esseri umani che lavorano duramente ogni singolo giorno per crearlo», ha sottolineato.

A essere allontanati dal talk show sono stati il produttore esecutivo Ed Glavin, il capo autore e produttore esecutivo Kevin Leman e il co-produttore esecutivo Jonathan Norman. Secondo le accuse di svariati ex collaboratori del programma raccolte da Buzzfeed, tutti e tre si sarebbero resi responsabili di molestie sessuali nei confronti di dipendenti.

Avrebbero inoltre promosso un ambiente di lavoro «tossico» e una «cultura della paura» all'interno della redazione. Secondo le accuse, i collaboratori potevano in particolare essere licenziati per errori minori, subivano ripicche per aver chiesto dei permessi per malattia o funerali ed erano esposti a battute ritenute razziste da almeno una ex dipendente. Almeno quest'ultima rimostranza non ha per il momento trovato riscontri nell'inchiesta interna che WarnerMedia sta per concludere.    

«Mentre crescevamo esponenzialmente non sono stata capace di seguire tutto e mi sono affidata ad altri perché facessero il loro lavoro come sapevano che volevo che lo facessero», aveva scritto Ellen DeGeneres alcune settimane fa in una lettera indirizzata ai suoi collaboratori. «Evidentemente qualcuno non lo ha fatto - aggiungeva -. Questo ora cambierà e mi impegno ad assicurare che questo non si verifichi più».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 18:15:31 | 91.208.130.86