MARTIX
"Le rose" è l'ultimo singolo di Martix.
ULTIME NOTIZIE People
CANTONE
4 ore
“Last Out” dei Make Plain è una bella prova di maturità
Il duo momò pubblica proprio oggi il suo nuovo singolo che conferma un sound ritrovato: «Fronzoli, addio e va bene così»
ITALIA
14 ore
Al Bano: «Sto bene con Loredana, ma non la sposo»
Niente matrimonio per il cantante e la Lecciso: «L'importante è che ci sia un matrimonio di pensieri, di azioni»
STATI UNITI
16 ore
Quando il trucco e il parrucco te li fai da te (e rischi pure di fare tendenza)
È il caso di Taylor Swift che ha cominciato durante il lockdown, e sembra averci preso gusto
ITALIA
18 ore
Nozze Lamborghini: 100 invitati, 3 abiti e cerimonia in inglese
La cantante ha svelato alcuni dettagli del suo chiacchieratissimo matrimonio: «Vi lascerò a bocca aperta»
CANTONE
20 ore
In attesa della bara, c'è il tris di "@cuorebuiorrore"
In tutte le librerie, la terza edizione del thriller "cinematografico" pubblicato nel 2015 da Fontana Edizioni.
VIDEO
STATI UNITI
22 ore
L'ultimo sgarbo di Kanye. E Twitter lo banna
Il rapper si è lasciato andare all'ennesima raffica di tweet deliranti. Con tanto di "sfregio" alla statuetta dei Grammy
STATI UNITI
1 gior
Anche Neil Patrick Harris ha avuto il Covid: «Quando ho perso il gusto e l'olfatto...»
Con il Barney di "Alla fine arriva mamma" anche il marito e i due figli: «Non è stato affatto piacevole»
ITALIA
1 gior
Per Diletta Leotta un flirt sul lago di Como?  
La presentatrice beccata in barca con l’imprenditore Marco Valta durante un pomeriggio a tutto sole
Curiosità
1 gior
I reali “cancellano” Meghan nelle foto degli auguri a Harry
Il secondogenito di Charles e Diana è stato celebrato sui social. Ma sempre con immagini senza la consorte
REGNO UNITO
1 gior
«La mascherina non la metto, è una presa per il cu*o»
Non la manda a dire l'ex-Oasis Noel Gallagher, in un'intervista recente: «Se mi prendo il virus è solo colpa mia»
CANTONE
31.07.2020 - 06:300
Aggiornamento : 16:59

"Le rose" e quel giorno di 40 anni fa a Bologna

È un Martix fortemente autobiografico quello che scopriamo nel suo nuovo brano

LUGANO - Domenica 2 agosto ricorre il 40esimo anniversario della strage di Bologna. Nell'attentato persero la vita 85 persone e altre 200 rimasero ferite. Di quel tragico giorno parla "Le rose", l'ultimo singolo di Martix.

Il brano oscilla tra "piccola storia" (quella del protagonista) e "grande storia" (la strage di Bologna di 40 anni fa): perché proprio quel tragico evento della storia italiana?
«Nello scrivere il testo mi sono reso conto che tendevo a esaltare troppo il passato, nello specifico gli anni '80, come fosse stato un periodo perfetto. In realtà non è così, è la nostra memoria che cerca di ricordare solo le bellezze del passato. Mi sono quindi chiesto quale fosse l'avvenimento che maggiormente segnò in negativo la mia percezione di quel periodo e fulminea è venuta a galla l'immagine della strage di Bologna. La mia scoperta infantile di un mondo imperfetto e violento. Poi Bologna è una città a cui sono molto affezionato: mi ha adottato nelle mie prime esperienze musicali».

C'è dunque un risvolto autobiografico?
«Assolutamente sì, credo che sia uno dei testi più personali che abbia scritto. Ogni parola rappresenta nella mia testa una precisa immagine».

Cosa simboleggiano le rose del titolo?
«Rappresentano quello che abbiamo dentro, l'amore in senso assoluto per quello che ci circonda - forse l'unico modo possibile per vivere tutti in pace in questo mondo patinato, che cerca di mostrarsi sempre perfetto ma che in realtà ha risvolti complicati che non sempre riusciamo a gestire. Sì, credo che questo periodo storico abbia bisogno solo di più semplicità e amore... universale».

È la canzone più socialmente impegnata della tua carriera artistica?
«Direi di sì. Anche in altri testi ho scritto di fatti socialmente impegnati: nel "Guardiano del faro", ad esempio, c'è un riferimento alle morti nel Mediterraneo, una tragedia che purtroppo continua a ripetersi. Ma in questo testo mi sono spinto oltre: era una cosa che mi sentivo di fare».

Come è avvenuto l'incontro con il Mirko Aretini, il regista del videoclip?
«Avevo visto un video del cantautore Vaniggio che mi aveva incuriosito e così sono andato a curiosare tra le opere di Mirko, scoprendo un regista molto interessante. Così l'ho contattato e già al primo incontro abbiamo capito di avere una visione molto simile su certi argomenti. È stato molto naturale condividerli in questa esperienza artistica».

Ci sono location marine (che nei tuoi video non mancano quasi mai), nostrane e video a tema floreale: come è nato il mix?
«Vedendo le sue capacità ho lasciato completa libertà a Mirko. Ci tenevo che ci fossero immagini che ricordassero il triste momento di Bologna e lui ha saputo dosarle, aggiungendo molte altre immagini emozionanti. Sì il mare compare spesso nei miei video... è più forte di me (ride, ndr). Comunque sono felice del risultato, è molto scorrevole e variegato nonostante io sia l'unico protagonista».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-18 10:51:40 | 91.208.130.89