BANG SHOWBIZ
La madre di Nadia Toffa è stata ospite di Barbara D'Urso.
ITALIA
11.11.2019 - 14:220

La madre di Nadia Toffa in tv dalla D'Urso

«Nadia è sempre con me, bacio la sua foto e lei mi dà la forza» ha dichiarato la signora Margherita

ROMA - A meno di tre mesi dalla morte di Nadia Toffa, la madre Margherita Rebuffoni ha voluto ricordare la figlia in tv. La donna è stata ospite di Barbara D'Urso a 'Domenica Live' e ha raccontato alcuni dettagli inediti dei quasi due anni passati accanto a Nadia durante la malattia. «Sono stata con lei giorno e notte da quando si è ammalta fino a quando è mancata. Non l'ho mai lasciata, avevo paura anche di uscire per andare a fare le spesa. Lei voleva solo me», ha spiegato.

Nadia però non ha mai mollato e non si è quasi mai abbattuta. «Dopo che ha saputo di essere malata ha iniziato a lottare con grande forza. Era lei che sosteneva me. Era lei che incoraggiava me. Lei sapeva perfettamente quello che aveva. Dopo il primo intervento si era rasserenata. Diceva che se anche il tumore non lo avessero tolto completamente, lei avrebbe potuto conviverci», ha aggiunto. «Lei aveva capito che anche nella malattia bisognava accettare le cose, ma anche andare avanti e continuare a combattere. Scriveva, dipingeva, andava a cantare, era sempre piena di idee e di energia», ha continuato.

L'inviata de 'Le Iene' voleva solo una cosa: andarsene prima di sua mamma. «Lei fino all'ultimo giorno ha sorriso. Diceva che se quello era il suo destino lo accettava. Diceva: 'Se il mio percorso è finito, mi rincresce solo lasciare mia mamma'. Una volta mi ha detto: 'Ti prego mamma io voglio morire prima di te, non posso rimanere se tu non ci sei'. Non lasciarmi mai. Io gliel'ho promesso, pregando che questo avvenisse», ha rivelato la signora Margherita.

Poi è arrivato il 13 agosto: «L'ultimo giorno l'ho vista cambiata, l'ho vista pallida, l'ho vista più soporosa. Ho capito che la mia bambina se ne voleva andare. Le ho detto: 'Tesoro vola, mi proteggerai da lassù, la tua mamma è serena adesso'. Non so come ho fatto, non so chi mi ha aiutato, gliel'ho sussurrato e lei se n'è andata. Ma lei è qui, sempre qui», ha detto. Durante la lotta contro la malattia Nadia aveva preso un cane, una bassotta, Totò. «Lei ha preso una bassotta nana. Sapeva che sarebbe rimasta a me, perché sapeva di essere così ammalata. È bellissima ci fa tanta compagnia, ci dà allegria e ci ricorda lei», ha proseguito la donna. Oggi Margherita sente fortissima la presenza di Nadia, tutti i giorni. «La mattina prendo la sua foto e la bacio. Le chiedo di aiutarmi. Mi alzo piena di energia ed è lei che me la manda», ha concluso tra le lacrime.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 15:59:43 | 91.208.130.89