LAKESIDE PICTURES
"Cuore di tigre" è un corto animato tutto ticinese.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
8 ore
Michelle Hunziker: «Nel ‘300 la mia famiglia allevava cani»
La conduttrice ha indagato sul suo albero genealogico
ITALIA
10 ore
Arisa: «Nozze e figli con Andrea? Sono pronta»
Dopo aver trovato l’amore la cantante guarda già oltre
STATI UNITI
11 ore
Un premio alla carriera per Spike Lee
Il regista guarda al futuro: «Ho altri film da fare»
STATI UNITI
12 ore
Jeff Bridges sta meglio: «Il linfoma si è ridotto drasticamente»
L'attore ha detto che il proprio trattamento sta funzionando alla grande
STATI UNITI
14 ore
In arrivo un documentario su Oprah Winfrey
La pellicola sulla donna, considerata tra le più potenti al mondo, sarà poi disponibile su Apple TV+
ITALIA
16 ore
Diletta Leotta a Capodanno era con Zlatan Ibrahimovic? 
Tornano le voci che avvicinano la conduttrice e il calciatore
ITALIA
18 ore
Serena Rossi: «No al matrimonio con Davide»
L’attrice non convolerà a nozze col compagno: «È come se fossimo già sposati»
STREAMING E VIDEO
CANTONE
21 ore
La nuova anima dei Monte Mai
"Blah" sfoggia atmosfere tropicali che il videoclip di Niccolò Castelli restituisce da un'ambientazione iper-ticinese
STATI UNITI
1 gior
Biden presidente, l'inno lo canta Lady Gaga
La cantante sarà presente alla cerimonia di insediamento del nuovo presidente americano
STATI UNITI
1 gior
Ricercato per omicidio, il rapper si consegna
YFN Lucci, 29 anni, è fra i sospettati per una sparatoria avvenuta il mese scorso
STATI UNITI
1 gior
«Il matrimonio di Kim e Kanye è ormai irreparabile»
Parola di una fonte vicina alla supercoppia vip (pare) ormai prossima al divorzio: «Lei di lui non ne vuole più sapere»
ITALIA
1 gior
L'ultimo video di Gianna Nannini? «Istiga odio»
Il sindacato di Polizia ha criticato il videoclip di "L'aria sta finendo"
STATI UNITI
1 gior
Cancellare Trump da “Mamma ho perso l'aereo 2”? Per Macaulay Culkin è un sì
L'attore appoggia una (semiseria) petizione sui social, il regista Columbus: «Ci bullizzò per quella particina nel film»
STREAMING
1 gior
Il 2021 segna la fine di “The Kissing Booth” e “Tutte le volte che ho scritto ti amo”
Parola di Netflix, le due hit romantiche adolescenziali si concluderanno quest'anno con il terzo episodio. Tristi?
CANTONE
24.11.2020 - 06:300
Aggiornamento : 09:38

"Cuore di tigre", dieci allievi (e un corto) per cambiare il mondo

È un progetto, presentato in anteprima mondiale a Castellinaria in questi giorni, tutto ticinese

BELLINZONA - Tra le moltissime interessanti proposte dell'edizione 2020 di Castellinaria - Festival del cinema giovane, in corso in forma virtuale proprio in questi giorni, c'è un progetto tutto ticinese in anteprima mondiale: "Cuore di tigre".

Nasce nell'ambito di "Un libro per lo schermo", frutto della collaborazione tra la Biblioteca il Gustatorie e la casa di produzione cinematografica Lakeside Pictures. Lo si potrà vedere sul sito della rassegna fino al 28 novembre. I registi di questi piccolo gioiellino d'animazione sono dieci, tutti giovanissimi: Alessandro Ottavianelli, Charlotte Nozza, Christopher Streun, Nora Marioni, Szofia Sipos, Eleonora Cardoso Fernandes, Gaia Rezzadore, Lisa Paltenghi, Michelle Bernasconi e Matilde Østergaard. Ne abbiamo parlato con la produttrice Mara Manzolini.

Come si sviluppa concretamente "Un libro per lo schermo"?
«Si parte con l'iscrizione di un gruppo di dieci allievi, delle elementari o delle medie, per sviluppare un tema di attualità. Per le elementari si parte da un libro che parla dei diritti dei bambini, con le medie lo spunto è un articolo di giornale sulla salvaguardia dell'ambiente. Qualcosa dal forte impatto emotivo. Si segue un percorso preciso: i bambini sviluppano l'idea, individualmente o a piccoli gruppi, fino a creare la storia da raccontare. È prevista una sessione nella quale si devono immedesimare nelle emozioni del personaggio e questo avviene con l'aiuto di una docente di recitazione».

Qual è il messaggio del corto?
«"Cuore di tigre" parla di una bambina indiana di otto anni che viene venduta come moglie a un uomo anziano. Florence Ravano, che è stata per diversi anni la responsabile del progetto "Parole non dette" di prevenzione primaria degli abusi sessuali di minori, è stata di grande aiuto a introdurre i bambini in questa tematica molto delicata. Gli è stato poi spiegato come creare il contesto della storia, le emozioni e come trasmettere il messaggio. Lo si fa anche analizzando film di successo come "Il re leone": si studiano le inquadrature e si apprende il loro significato, cosa succede se cambia la musica... L'obiettivo è mostrare le emozioni e far cambiare il mondo. Per loro questo cortometraggio è stata la denuncia di cose che non vanno bene, che però avvengono».

Chi sono i giovani autori di "Cuore di tigre"?
«Dieci allievi delle scuole elementari di Cureglia, tra i nove e gli undici anni. Hanno iniziato a frequentare il corso a febbraio e poi, con la pandemia, si è fermato tutto. Quest'estate però, a piccoli gruppetti, sono venuti a finire il corto».

Quindi i bambini sono stati coinvolti in ogni fase della produzione?
«Esattamente. Ognuno ha contribuito a creare la sceneggiatura, che si articola infatti in dieci scene. Ognuno ha portato la sua versione del libro e insieme hanno deciso come sviluppare la storia. In più hanno realizzato fisicamente i fondali e le sagome dei personaggi con la carta, esprimendo con i colori e le forme le sensazioni che volevano trasmettere. Siamo anche andati insieme nel bosco per prendere spunto dagli elementi della natura. Quindi abbiamo mostrato loro come si filma».

Perché è stata scelta la tecnica della stop motion?
«È la più accessibile per dei bambini, oltre che particolarmente interessante per il suo lato manuale. Sempre a gruppetti hanno appreso il funzionamento della telecamera e delle luci, hanno lavorato allo spostamento dei personaggi per creare le varie sequenze (la base di questa tecnica, ndr) e sorvegliato che lo si stesse facendo nel modo corretto».

È stata una lavorazione complicata o i bambini si sono immersi subito in questo universo creativo?
«Pensavo che sarebbe stato molto più difficile. Una volta che si sono appassionati sono stati grandi, tanto che erano loro a chiamarmi con il cellulare della mamma per chiedermi se potevano venire a costruire le scene (ride, ndr). Soprattutto le bambine: forse perché il tema le ha toccate molto di più dei maschietti».

Qual è la tua soddisfazione maggiore?
«Ho lavorato quattro anni a Londra per studiare e lavorare alla produzione di film. Mi sono sempre attivata molto per i diritti delle donne e spero di aver trasmesso questa mia passione a qualcuna delle mie piccole allieve. La soddisfazione più grande, però, è stato vedere che i bambini hanno capito cos'hanno fatto e che in loro è cambiata la prospettiva del mondo, almeno un po'».

Il progetto andrà avanti: quali tematiche saranno toccate?
«I bimbi sono talmente entusiasti che si sono iscritti quasi tutti anche i prossimi due corsi, che inizieranno il mese prossimo. Con i più piccoli affronteremo la vicenda di un bambino in Libia che deve attraversare il Mediterraneo con la famiglia, vedranno loro come raccontare questo tema. Per quelli delle medie abbiamo pensato invece sulla caccia al trofeo in Africa, ovvero questi occidentali ricchissimi che vanno, pagano per uccidere un elefante e farsi un selfie da postare sui social».

LAKESIDE PICTURES
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-16 03:53:55 | 91.208.130.87