LOCARNO FILM FESTIVAL
In Piazza Grande le immagini della mostra "Il Festival è in Piazza. Rivivi una magia lunga 73 anni".
+9
LOCARNO
07.08.2020 - 14:300

La storia del Pardo (in immagini) in Piazza Grande

Sono le foto di chi in questi anni ha percorso la città avanti e indietro, congelando i momenti di quei giorni frenetici

LOCARNO - Il Festival è Piazza Grande. Ogni estate Locarno è lì, naso all’insù, tra la marea di sedie giallonere e quel telone alto come i palazzi. In mezzo, monolite nero, la cabina di proiezione più iconica di sempre. Così, anche in un anno in cui la piazza, quella piazza, non ha potuto animarsi di cinema e gente, il Festival e La Posta hanno deciso di popolare quei ciottoli di Locarno Film Festival.

E lo ha fatto di nuovo grazie alle immagini, ma questa volta fisse, non in movimento. Sono quelle della mostra "Il Festival è in Piazza. Rivivi una magia lunga 73 anni", che dal primo all’ultimo giorno di Locarno 2020 racconteranno ai passanti una storia lunga decenni. Proprio la storia della Piazza Grande, da quell’ormai lontano 1971 in cui per la prima volta nel cuore della città si alzò quella vela bianca, su cui animare le emozioni del cinema.

Le immagini esposte in piazza sono di chi ogni anno, per undici giorni, solca la città avanti e indietro con la macchina fotografica al collo per congelare i momenti di quelle frenetiche giornate d’agosto e consegnarli alla storia. Scatti di pochi millesimi di secondo, ma lunghi una vita, la vita della Piazza, e del Festival. Insieme a La Posta il Locarno Film Festival ha selezionato ed esposto le fotografie più iconiche di questa lunga storia fatta di gente, luoghi e incontri.

A garantire l’illuminazione delle fotografie esposte, che proprio come la Piazza non dormono mai, sono degli innovativi supporti per manifesti alimentati a energia solare, allestiti grazie al sostegno dell’Ente Regionale per lo Sviluppo Locarnese Vallemaggia, segno del costante impegno del Locarno Film Festival per il futuro e la sostenibilità. L’iniziativa è possibile grazie alla collaborazione di Marco Abram, Loreta Daulte, Alberto Flammer, Massimo Pedrazzini e di Ti-Press, nelle persone di Samuel Golay, Gabriele Putzu, Carlo Reguzzi. 

Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 15:45:34 | 91.208.130.86