ALAN ALPENFELT / WILLIAM ENGLAND
Grindelwald immortalata nella mostra "Binaural views of Switzerland".
ULTIME NOTIZIE People
CANTONE
1 ora
Due settimane insieme al nuovo iPad: mica male, ma c'è di meglio
Il tablet della Mela è un prodotto interessante ma non ci ha convinto appieno, come mai? Leggete la nostra recensione
ITALIA
1 ora
Fabrizia De André felice di essersi riavvicinata al padre Cristiano
La 32enne ha spiegato che la scorsa estate vederlo giocare con suo figlio è stato "bellissimo"
STATI UNITI
3 ore
Lizzo è la "Entertainer dell'anno"
Il 2019 è stato un anno d'oro per l'attrice e cantante
ITALIA
3 ore
Alexia e la crisi dopo Sanremo: «Sono rinata con la maternità»
Dopo quella esperienza la cantante si era sentita "svuotata"
SVIZZERA
4 ore
Cosa hanno cercato gli svizzeri su Google nel 2019?
C'è molto tennis fra le curiosità rossocrociate
CANTONE
5 ore
Pupo al Palazzo dei Congressi, è aperta la prevendita
L'amatissimo cantante toscano sarà a Lugano a ottobre dell'anno prossimo per celebrare i 40 anni di “Su di noi”
ITALIA
5 ore
Miriana Trevisan parla di Serena Enardu: «Con mio figlio era dolcissima»
La 47enne non ha mai incontrato la ex del padre di suo figlio
FOTO
REGNO UNITO
7 ore
Venduto l'abito del ballo di Lady Diana con John Travolta
L'ha acquistato la Historic Royal Palaces dopo l'insuccesso all'asta
ITALIA
8 ore
Lorella Boccia non si sente pronta per Sanremo
«Devo ancora fare gavetta» spiega la ballerina e conduttrice
VIDEO
CANTONE
9 ore
"Volgi gli occhi al cielo", emozioni firmate The Black Heidis
Nuovo (viscerale) singolo per il trio tutto al femminile
ITALIA
10 ore
Luca Argentero diventa papà
L'attore aspetta un figlio da Cristina Marino, è ufficiale
FOTO E STREAMING
CANTONE
13 ore
Lo swing di Natale secondo Marco Santilli Rossi
Quattro brani per ricreare, anche con un pizzico d'ironia, l'atmosfera gioiosa delle feste
ITALIA
13 ore
«Mi lasci con le bimbe per postare su Instagram»
Federica Nargi è stata bacchettata dal marito Alessandro Matri
MENDRISIO
14.11.2019 - 11:000
Aggiornamento : 15:00

La Svizzera di ieri, così diversa e così uguale a quella di oggi

I paesaggi di 150 anni fa confrontati con quelli odierni nella mostra "Binaural views of Switzerland" dell'artista Alan Alpenfelt, che debutta oggi a Palazzo Canavée

di Redazione
Fabio Caironi

MENDRISIO - Questa sera alle 19 la mostra "Binaural views of Switzerland" debutta presso l'Accademia di Architettura, Palazzo Canavée di Mendrisio.

Si tratta di una installazione audiovisiva che riporta attraverso un Kaiserpanorama i cambiamenti causati dall’essere umano negli ultimi 160 anni nei paesaggi elvetici, confrontando i suoni e i panorami dei luoghi più caratteristici della Svizzera, con le splendide stampe stereoscopiche degli stessi paesaggi scattate dal fotografo pioniere britannico William England durante il suo Gran Tour nel 1863 e 1865. 

Alan Alpenfelt, l'autore dell'esposizione, durante un viaggio di due mesi tra luglio e agosto - utilizzando in massima parte i mezzi pubblici - ha ripercorso il viaggio di England, ritrovando 30 dei luoghi documentati da lui, selezionandoli secondo un parametro equo tra montagne, città, valli, laghi e simboli culturali della Svizzera. «Identificato la posizione esatta da cui William scattò le stereoscopie, ho registrato le caratteristiche dei corrispettivi paesaggi come si presentano oggi: quelli sonori utilizzando un microfono binaurale (che permette di riprodurre la realtà sonora a 360°) e quelli visivi attraverso la fotografia a 360°». È stato difficile trovare i luoghi esatti? «England catalogò le oltre 1000 fotografie e tutti i luoghi dove scattava ma è stato ugualmente un po' un lavoro da detective. Fortunatamente ci sono Google Maps e Google Street View che mi hanno aiutato molto. Anche questo è un parallelismo con le immagini di quell'epoca: i turisti del 19esimo secolo prima guardavano le foto stereoscopiche della Svizzera, si facevano venire una voglia pazzesca di andarci e poi partivano. Lo stesso succede oggi, e io ho fatto esattamente così». Alpenfelt ci spiega che i luoghi scelti da England sono da un lato molto iconici, ma dall'altro assolutamente raggiungibili per qualsiasi viaggiatore. Il che li rendeva un perfetto strumento di promozione turistica.

Lo spunto - Da dove nasce questa mostra? «Da un'altra esposizione, sulla storia della fotografia, che ho visitato nel 2015 a Edimburgo» ci spiega Alpenfelt. «C'era una piccola bacheca con una decina di fotografie stereoscopiche del 1863, e riconobbi delle vedute svizzere, spoglie ma ben riconoscibili. Scoprii che questo England aveva un occhio pazzesco e aveva compreso il potenziale non tanto artistico, ma commerciale della fotografia. È l'anno della prima guida di viaggio di Thomas Cook in Svizzera e probabilmente England si aggregò alla sua comitiva. Scelse le vedute più significative, stampò le fotografie stereoscopiche direttamente sul posto e riportò le cartoline in Inghilterra. Dava così la possibilità d'immergersi in luoghi esotici e selvaggi e ha contribuito a gettare le basi di tutta l'estetica utilizzata dal marketing per promuovere la Svizzera».

Il lavoro viene presentato attraverso un Kaiserpanorama: un visore pubblico in legno - costruito dagli artigiani ticinesi Franco Mondia e Antonio Lo Menzo - che presenta le fotografie stereoscopiche collegate a delle cuffie. Tramite un mixer il visitatore può immergersi nei paesaggi sonori dei giorni nostri oppure passare a quelli della metà del 19° secolo, immaginati e ricreati da Alpenfelt con il maggior grado possibile di verosimiglianza. In un cassetto ci sono dei “Cardboard viewers” che mostrano come queste località si presentano nel 2019 a 360°.

«La mostra» spiega l'autore «vuole dare la possibilità al pubblico di osservare i cambiamenti in atto causati dal turismo di massa, dai trasporti moderni, dai cambiamenti climatici e dallo sviluppo industriale avvalendosi in particolare dell’ausilio dell’ascolto, che ci porta a scoprire un tessuto della realtà in cui siamo immersi ma a cui facciamo meno caso e che ci avvolge in ogni angolo della vita». Qualcosa che si nota prepotentemente dal confronto tra passato e presente è, nelle foto alpine, la drammatica riduzione dei ghiacciai dovuta al cambiamento climatico. «È una cosa molto impressionante» conclude Alpenfelt.

La mostra è visitabile tutti i giorni tranne il lunedì dalle 10 alle 20.30, fino al 5 dicembre.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 19:58:51 | 91.208.130.86