ALAN ALPENFELT / WILLIAM ENGLAND
Grindelwald immortalata nella mostra "Binaural views of Switzerland".
ULTIME NOTIZIE People
STREAMING
CANTONE / REGNO UNITO
4 ore
Jack Savoretti lancia l'estate, «fatemi tornare in Ticino»
L'artista cresciuto anche a Carona ha pubblicato oggi il nuovo disco "Europiana"
STATI UNITI
14 ore
Il mondo dello spettacolo sta con Britney: «Lasciatela vivere come vuole»
L'ex fidanzato Justin Timberlake e Mariah Carey hanno perorato tra gli altri la causa della cantante sotto tutela.
SPAGNA
15 ore
Marica Pellegrinelli a Ibiza con Marco Borriello
I due sono diventati inseparabili: che l’amicizia stia diventando qualcosa di più?
STATI UNITI
18 ore
Mark Hoppus dei Blink-182 rivela: «Ho il cancro. È una rottura e ho paura»
Il bassista della band californiana ha fatto sapere di essere in chemioterapia da tre mesi: «Resto speranzoso».
ITALIA
20 ore
Aurora Ramazzotti: «A causa degli hater avevo crisi isteriche e disturbi alimentari»
La giovane conduttrice, figlia di Michelle Hunziker, è tornata a parlare del suo momento più difficile
STATI UNITI
1 gior
Britney in tribunale: «Voglio potermi sposare e avere un bambino»
Occasione unica per sentirla esprimersi sulla sua tutela, la cantante americana ha chiesto che la misura sia annullata.
FOTO E VIDEO
STREAMING
1 gior
“Elite 4”: brillantini, outfit e tanto sesso (ma anche un po' di stanchezza)
La serie-fenomeno spagnola di Netflix alza l'asticella degli eccessi ma sembra aver perso un po' del suo smalto
ITALIA
1 gior
Gianni Morandi: «Caduto sulle fiamme, ho temuto di non farcela»
Il cantante ha raccontato l’incidente che gli ha causato ustioni sul 15% del corpo
STATI UNITI
1 gior
«Sono in una fase di grande pace della mia vita»
Una Jennifer Aniston molto meditativa si è raccontata a People, che le dedica una copertina.
STATI UNITI
1 gior
Britney inedita: già nel 2016 lamentava l'«eccessivo controllo» esercitato dal padre
La precoce insofferenza della cantante alla tutela emerge da documenti confidenziali diffusi dal New York Times.
STATI UNITI
1 gior
Vanessa Bryant raggiunge un accordo con la società proprietaria dell'elicottero
I termini pattuiti non sono noti. Le parti hanno sottoscritto una clausola di confidenzialità.
PRINCIPATO DI MONACO
1 gior
Un ladro in casa di Elisabetta Gregoraci: «Messo in fuga da me e Nathan»
Lo spiacevole episodio è avvenuto nella residenza di Montecarlo: «La tata era terrorizzata»
FOTO
CANTONE
1 gior
Abbiamo testato l’iPad Pro 12.9: il nuovo tablet di riferimento
ll primo tablet con processore M1, lo stesso dei nuovi portatili Apple, segna una tappa fondamentale per il settore
MENDRISIO
14.11.2019 - 11:000
Aggiornamento : 15:00

La Svizzera di ieri, così diversa e così uguale a quella di oggi

I paesaggi di 150 anni fa confrontati con quelli odierni nella mostra "Binaural views of Switzerland" dell'artista Alan Alpenfelt, che debutta oggi a Palazzo Canavée

di Redazione
Fabio Caironi

MENDRISIO - Questa sera alle 19 la mostra "Binaural views of Switzerland" debutta presso l'Accademia di Architettura, Palazzo Canavée di Mendrisio.

Si tratta di una installazione audiovisiva che riporta attraverso un Kaiserpanorama i cambiamenti causati dall’essere umano negli ultimi 160 anni nei paesaggi elvetici, confrontando i suoni e i panorami dei luoghi più caratteristici della Svizzera, con le splendide stampe stereoscopiche degli stessi paesaggi scattate dal fotografo pioniere britannico William England durante il suo Gran Tour nel 1863 e 1865. 

Alan Alpenfelt, l'autore dell'esposizione, durante un viaggio di due mesi tra luglio e agosto - utilizzando in massima parte i mezzi pubblici - ha ripercorso il viaggio di England, ritrovando 30 dei luoghi documentati da lui, selezionandoli secondo un parametro equo tra montagne, città, valli, laghi e simboli culturali della Svizzera. «Identificato la posizione esatta da cui William scattò le stereoscopie, ho registrato le caratteristiche dei corrispettivi paesaggi come si presentano oggi: quelli sonori utilizzando un microfono binaurale (che permette di riprodurre la realtà sonora a 360°) e quelli visivi attraverso la fotografia a 360°». È stato difficile trovare i luoghi esatti? «England catalogò le oltre 1000 fotografie e tutti i luoghi dove scattava ma è stato ugualmente un po' un lavoro da detective. Fortunatamente ci sono Google Maps e Google Street View che mi hanno aiutato molto. Anche questo è un parallelismo con le immagini di quell'epoca: i turisti del 19esimo secolo prima guardavano le foto stereoscopiche della Svizzera, si facevano venire una voglia pazzesca di andarci e poi partivano. Lo stesso succede oggi, e io ho fatto esattamente così». Alpenfelt ci spiega che i luoghi scelti da England sono da un lato molto iconici, ma dall'altro assolutamente raggiungibili per qualsiasi viaggiatore. Il che li rendeva un perfetto strumento di promozione turistica.

Lo spunto - Da dove nasce questa mostra? «Da un'altra esposizione, sulla storia della fotografia, che ho visitato nel 2015 a Edimburgo» ci spiega Alpenfelt. «C'era una piccola bacheca con una decina di fotografie stereoscopiche del 1863, e riconobbi delle vedute svizzere, spoglie ma ben riconoscibili. Scoprii che questo England aveva un occhio pazzesco e aveva compreso il potenziale non tanto artistico, ma commerciale della fotografia. È l'anno della prima guida di viaggio di Thomas Cook in Svizzera e probabilmente England si aggregò alla sua comitiva. Scelse le vedute più significative, stampò le fotografie stereoscopiche direttamente sul posto e riportò le cartoline in Inghilterra. Dava così la possibilità d'immergersi in luoghi esotici e selvaggi e ha contribuito a gettare le basi di tutta l'estetica utilizzata dal marketing per promuovere la Svizzera».

Il lavoro viene presentato attraverso un Kaiserpanorama: un visore pubblico in legno - costruito dagli artigiani ticinesi Franco Mondia e Antonio Lo Menzo - che presenta le fotografie stereoscopiche collegate a delle cuffie. Tramite un mixer il visitatore può immergersi nei paesaggi sonori dei giorni nostri oppure passare a quelli della metà del 19° secolo, immaginati e ricreati da Alpenfelt con il maggior grado possibile di verosimiglianza. In un cassetto ci sono dei “Cardboard viewers” che mostrano come queste località si presentano nel 2019 a 360°.

«La mostra» spiega l'autore «vuole dare la possibilità al pubblico di osservare i cambiamenti in atto causati dal turismo di massa, dai trasporti moderni, dai cambiamenti climatici e dallo sviluppo industriale avvalendosi in particolare dell’ausilio dell’ascolto, che ci porta a scoprire un tessuto della realtà in cui siamo immersi ma a cui facciamo meno caso e che ci avvolge in ogni angolo della vita». Qualcosa che si nota prepotentemente dal confronto tra passato e presente è, nelle foto alpine, la drammatica riduzione dei ghiacciai dovuta al cambiamento climatico. «È una cosa molto impressionante» conclude Alpenfelt.

La mostra è visitabile tutti i giorni tranne il lunedì dalle 10 alle 20.30, fino al 5 dicembre.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-25 11:15:54 | 91.208.130.85