Tio/20min/Giordano
iPhone 11 a confronto: quale sarà il migliore?
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
7 ore
Dayane Mello avverte Belen: «Attenta ad Antinolfi!»
La showgirl all’argentina: «Stava con me, vuole solo popolarità»
STATI UNITI
9 ore
Due dei presunti killer di Pop Smoke rischiano la pena di morte
La procura distrettuale di Los Angeles ha incriminato quattro persone, fra cui 2 minorenni, per l'omicidio
VIDEO
ITALIA
11 ore
Renato Pozzetto compie 80 anni
Spettacoli, cabaret, musica e cinema. Non manca niente nel curriculum del grande comico
SVIZZERA
11 ore
A Erika Stucky il Gran Premio svizzero di musica
Tra i premiati c'è anche un ticinese: Francesco Piemontesi
STATI UNITI
13 ore
Morto Grant Imahara, volto di MythBusters
La causa potrebbe essere un aneurisma cerebrale. Aveva 49 anni
STATI UNITI
15 ore
Naya Rivera, il cordoglio di amici e colleghi
La coincidenza delle date: il suo corpo è stato ritrovato il 13 luglio, a sette anni esatti dalla morte di Cory Monteith
LOCARNO
18 ore
Il corto (ticinese) che ha convinto il Pardo e Werner Herzog
Si intitola "Grigio. Terra bruciata", realizzato dal regista Ben Donateo, ed è stato selezionato per i "Pardi di domani"
STATI UNITI
1 gior
Il corpo ritrovato è quello di Naya: «Suo figlio l'ha vista scomparire nel lago»
Lo sceriffo della Contea di Ventura ha confermato la morte dell'attrice e ricostruito i suoi ultimi istanti.
Gossip
1 gior
Salvatore Esposito operato alla gamba: “State senza pensieri!”
L’attore s’è sottoposto alla pulizia del tendine rotuleo: tanti i messaggi dei vip
STATI UNITI
1 gior
La polizia trova un corpo nel lago Piru
La scoperta è stata fatta nell'ambito della ricerca dell'attrice Naya Rivera
STATI UNITI
1 gior
Ben Stiller si tiene Donald Trump in Zoolander
L'attore ha dichiarato che la scena con l'attuale Presidente degli USA non sarà rimossa
STATI UNITI
1 gior
Ucciso a colpi di arma da fuoco il rapper Lil Marlo
La polizia pensa si tratti di un omicidio mirato
ITALIA
1 gior
Like galeotti per Emma e Stefano De Martino?
I follower tengono sotto controllo i social e sperano in un ritorno di fiamma
STATI UNITI
1 gior
«La mia bellissima moglie ha perso la sua battaglia»
Kelly Preston aveva 57 anni. Il decesso è stato annunciato dal marito John Travolta
STATI UNITI
1 gior
È morto il nipote di Elvis Presley
Benjamin Keough aveva 27 anni. Si è probabilmente trattato di suicidio
STREAMING
CANTONE
1 gior
"Lonesome Road", «il brano perfetto per la situazione attuale»
Parla di amicizia, fiducia e sincerità il nuovo singolo dei PepperDreams
ITALIA
2 gior
Strilla e fa casino per entrare a casa di Ghali, denunciata
Una fan esagitata ha tentato di introdursi nell'abitazione del cantante
INDIA
2 gior
Anche l'ex Miss Mondo positiva al coronavirus
Si tratta della superstar di Bollywood Aishwarya Rai
STATI UNITI
2 gior
Katy Perry ha scelto Jennifer Aniston come madrina
La richiesta avrebbe commosso l'attrice
STATI UNITI
2 gior
Jada Pinkett confessa di aver avuto una relazione con il rapper August Alsina
La moglie di Will Smith ha raccontato i dettagli del "tradimento"
REGNO UNITO
2 gior
Brooklyn Beckham cresce, e si sposa
Il figlio della celebre coppia ha confermato i rumors
FOTO
STATI UNITI
3 gior
Jessica Simpson festeggia i 40 anni... mettendo jeans di 14 anni fa
L'attrice ha deciso di dare «un'altra possibilità» al capo d'abbigliamento, che giaceva in un cassetto
ITALIA
4 gior
Boldi lascia la fidanzata 40enne: «Continuare sarebbe egoista»
L’attore ha annunciato la rottura della relazione con Irene Fornaciari
ITALIA
4 gior
Un nuovo partner per Anna Tatangelo?
La cantante avrebbe una stria con uno dei suoi musicisti
STATI UNITI
4 gior
Il Covid-19 ha quasi messo sul lastrico Robert De Niro
Parola dello stesso attore, in tribunale per gli alimenti dell'ex-moglie, e sepolto da milioni in debiti
VIDEO
STATI UNITI
4 gior
In un video gli ultimi istanti di Naya Rivera
Le autorità hanno perso le speranze di trovare l'attrice viva.
STATI UNITI
4 gior
Sacha Baron Cohen ha preso in giro Rudy Giuliani
L'ex sindaco di New York e avvocato di Donald Trump, per tutta risposta, ha chiamato la polizia
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
4 gior
«Se il corpo è intrappolato in qualcosa sotto l'acqua, potremmo non trovarlo mai più»
In un video è immortalato il momento della partenza di Naya Rivera e del figlio a bordo della barca
STATI UNITI
4 gior
La confessione della figlia di Michael Jackson: «Ho tentato il suicidio molte volte»
La morte del padre, ammette, le ha rovinato l'esistenza
ITALIA
4 gior
Flirt Marcuzzi-De Martino, ora parla (anzi posta) Belen
L’argentina rompe il silenzio e interviene sul presunto tradimento del marito
STATI UNITI
5 gior
Naya Rivera è «presunta morta»
Lo riferiscono le autorità impegnate nelle ricerche dell'attrice, scomparsa nel lago Piru in California
STATI UNITI
5 gior
Cinque arresti legati all'omicidio di Pop Smoke
Lo ha annunciato il Dipartimento di Polizia di Los Angeles. Il rapper è stato ucciso lo scorso febbraio
CANTONE
18.10.2019 - 11:000
Aggiornamento : 11:28

Ammirate l’iPhone 11 Pro, scegliete l’iPhone 11

Li abbiamo testati entrambi e, ancora una volta, la mela più gustosa è la meno cara

LUGANO - Li abbiamo testati per oltre una settimana e per il secondo anno consecutivo siamo convinti che il miglior iPhone, quello che meglio si adatta alle necessità del pubblico, non sia il modello più potente e caro, oggi l’iPhone 11 Pro, ma bensì l’iPhone 11. Dopo una settimana di utilizzo, e in attesa di scoprire cosa ci riserverà il 2020, possiamo cominciare a condividere le nostre opinioni su quelli che ci sembrano essere la logica evoluzione dei modelli presentati dodici mesi fa. Anche quest’anno, infatti, tra i due top di gamma vince il modello che potremmo definire “di compromesso".

A che Pro - Per la prima volta Apple ha deciso di utilizzare il suffisso PRO per un iPhone. Fino ad ora solo Mac, iMac e iPad potevano vantare una versione “professionale”. Ripensando a quanto scritto in occasione dei primi iPad Pro, ci sembra verosimile che alla base di questa scelta ci sia la stessa visione: quella di un prodotto di punta destinato ad una nicchia di mercato composta prevalentemente da chi ha necessità professionali (e quindi può giustificare un prezzo a livello di iPad Pro o MacBook Pro) e da coloro che possono permettersi un tale prezzo. Per queste ragioni siamo convinti che il prodotto più interessante sia in realtà l’iPhone 11. 
Fatte queste premesse proviamo però a comprendere cosa rende i gli iPhone 11 Pro e Pro Max “professionali”, fino a che punto sono superiori all’iPhone 11 e, soprattutto, se queste differenze giustificano l’investimento necessario per infilarli in tasca.

Ultra grandangolare - Rispetto allo scorso anno i tre nuovi iPhone hanno una fotocamera in più; una "ultra grandangolare” capace di registrare immagini di un’ampiezza mai raggiunta prima (120°). Questa nuova fotocamera (con apertura di ƒ/2.4 che la rendono equivalente ad un’ottica grandangolare da 14mm) è di per se la meno performante delle tre usate da Apple, ma è il modo in cui viene utilizzata e abbinata alle altre due a fare la differenza rispetto ai modelli precedenti. 
Le altre due ottiche poste sul retro sono una grandangolare composta da 6 lenti stabilizzate con distanza focale di 4.25mm e apertura di ƒ/1,8 migliorata nella rapidità e precisione della messa a fuoco e un nuovo teleobiettivo, anch’esso dotato di 6 lenti stabilizzate, con distanza focale di 6mm e l’apertura portata a ƒ/2. Tutte e tre le ottiche sono accompagnate da sensori di 12 MP.
Nei nuovi iPhone 11 Pro (e Pro Max) l’ultra grandangolare si aggiunge alle due fotocamere grandangolare e teleobiettivo (già sfruttate con successo lo scorso nei modelli di punta) offrendo una nuova interessante prospettiva (ma anche migliorando la qualità delle immagini in condizioni di poca luce).
Negli iPhone 11, invece, questa nuova lente accompagna l’ottica grandangolare. Rispetto agli iPhone XS non ci convince la scelta di sostituire il teleobiettivo con una ultra grandangolare. È chiaro che la ultra grandangolare, essendo la novità, gode di maggiore fascino nel pubblico e permette di migliorare la qualità delle immagini in alcune condizioni, ma anche se spesso risulta più facile avvicinarsi ad un soggetto (come farebbe un teleobiettivo), piuttosto che allontanarsi da esso, la perdita di qualità dello “zoom in” digitale ci sembra più penalizzante. La nuova fotocamera si dimostra invece molto efficace quando viene sfruttata per migliorare la qualità degli scatti fatti con la lente grandangolare. L’ultra grandangolare permette di registrare un’immagine più ampia, i dati in più possono venire sfruttati per correggere eventuali errori di inquadratura. Grazie al Machine Learning l’iPhone riesce a combinare i dati dei diversi sensori per migliorare non solo le fotografie ma anche i video. In un test effettuato abbiamo registrato un video di pochi secondi con la lente grandangolare escludendo espressamente il vero soggetto. In fase di modifica il software (avendo riconosciuto l’errore umano) ha permesso di cambiare l’inquadratura passando al flusso dati registrato dalla lente ultra grandangolare, riuscendo così ad includere anche il soggetto desiderato.

Modalità notturna - Durante la presentazione alla quale abbiamo assistito a Zurigo ci è stato spiegato che l’ultra grandangolare e il Machine Learning sono elementi centrali della nuova “modalità notturna”. 
Più che una vera e propria modalità, come per esempio è la modalità ritratto (la definizione dei contorni è molto migliorata, ma con ancora piccoli margini di miglioramento), si tratta in realtà di un’artificio software. Quando si vuole scattare un’immagine con scarsa luminosità si attiva automaticamente (volendo si può disattivare) la nuova funzione che propone un tempo di esposizione (modificabile manualmente) per effettuare lo scatto. Quando si scatta l’immagine le tre lenti registrano informazioni differenti riuscendo ad immagazzinare più luce rispetto al passato. Questi dati vengono processati istantaneamente e (grazie al Machine Learning e alla nuova CPU A13 Bionic) unite in un’immagine finale. Il risultato è notevole anche con l’iPhone 11 che, però, non disponendo del teleobiettivo, perde un po’ di dettagli nel caso di soggetti relativamente distanti. 
Avendo una lente in più il vantaggio del nuovo iPhone 11 nei confronti dell’iPhone XR sono facilmente comprensibili. L'utilizzo di più lenti ha però delle controindicazioni. Quando si registrano dei video e, avvicinando o allontanando la prospettiva, il sistema passa da una fotocamera all’altra si osserva ancora un “salto” causato da un inevitabile variazione della luce e dalla necessità di ricalibrare la messa a fuoco. Nonostante la velocità con cui avviene la transizione questa, in ambito professionale, non è certamente accettabile (lo è molto di più in un contesto familiare). La soluzione che ci è stata proposta, per ora è ancora solo una versione Beta, è l’App presentata anche durante la Keynote capace di registrare e mostrare, contemporaneamente, tutti e tre i flussi video. In questo modo si potrà, soprattutto in fase di post produzione, selezionare e variare le prospettive desiderate annullando di fatto il disturbo durante la transizione.

Non solo ottiche - Le novità contenute negli iPhone di quest’anno non sono solo legate al comparto fotografico. Ecco quelle che ci sembrano più interessanti: il nuovo processore A13 Bionic (del 20% più potente e del 30% più efficiente rispetto al precedente A12 Bionic), la capacità di collegarsi alle reti wi-fi e 4G di ultima generazione, il vetro che ne ricopre i due lati è più resistente agli urti e alle cadute e, per quanto abbiamo potuto osservare, meno soggetto alle ditate sul pannello posteriore (nel caso non utilizziate una cover). La lista potrebbe continuare includendo un sensore Face ID più rapido, ma ancora un po’ limitato sulla capacità di riconoscere i volti dalla superficie del tavolo e, soprattutto, la durata estesa della batteria. I risultati promessi alla Keynote (un’ora in più per l’iPhone 11 e 4-5 ore per i due modelli PRO) non li abbiamo ancora visti (forse a causa del grande utilizzo fatto in questa settimana e delle impostazioni di localizzazione e aggiornamento in background che abbiamo regolato in modo molto permissivo). Il fatto di arrivare comunque comodamente a fine giornata ci fa sperare che, una volta tornati nella normalità, si possa superare agilmente il tramonto. L’aumentata capacità della batteria è stata ottenuta, ci è stato spiegato, migliorando la composizione chimica della batteria, aumentandone leggermente le dimensioni (addio 3D Touch, benvenuto Haptic Touch) e migliorando, grazie ancora al Machine Learning, la gestione del processore riuscendo ad alimentare solo le parti realmente necessarie a svolgere le attività richieste e non l’intero processore.

Super Retina XDR - Rispetto allo scorso anno le dimensioni degli schermi dei due modelli top di gamma rimangono le stesse: 5.8 pollici per l’iPhone 11 PRO e 6.5 pollici per l’iPhone 11 PRO Max. Entrambi mantengono la densità a 458 ppi, ma la versione Max può vantare un numero di pixel decisamente maggiore (2688 x 1242). Rispetto al passato i nuovi XDR hanno una gamma dinamica migliorata, all’aperto raggiungono gli 800 nits di luminosità, garantendo sempre un’ottima visibilità, e il rapporto di contrasto arriva a 2’000’000:1. Per quanto riguarda l’iPhone 11 lo schermo rimane quello dello scorso anno: Liquid Retina HD con diagonale da 6.1 pollici e densità di 326 ppi.

Difetti - 5G e prezzi ci sembrano al momento i due maggiori difetti di questi nuovi prodotti. Anche se al momento la nuova rete è tutt’altro che completata ci sentiamo di dire che l’impossibilità di connettersi alle nuove antenne potrebbe in prospettiva rappresentare il maggior difetto di questi telefoni. Questo perché, siccome i prezzi sono ancora alti (per l’iPhone 11 con 64 GB di memoria si parte da 809.- CHF, per l’iPhone 11 Pro con 64 GB di memoria servono almeno 1199.- CHF mentre ne si parte da 1299.- CHF per l’iPhone 11 Pro Max con soli 64 GB di memoria), immaginiamo che chi dovesse decidere di acquistare oggi un nuovo iPhone probabilmente lo vorrà mantenere per almeno due o tre anni. In questo caso è probabile che in futuro dovrà rinunciare per molto tempo alla connettività ad altissima velocità promessa dalla rete 5G.

Verdetto - Dal punto di vista tecnico i due modelli Pro si fanno decisamente preferire, inoltre offrono due dimensioni che possono facilmente assecondare le esigenze e preferenze di quasi tutti. Se li vogliamo immaginare come prodotti per le masse il loro maggiore difetto rimane il prezzo. Quattrocento franchi di differenza (per i modelli base) sono molti e nella maggior parte dei casi non ci sembrano giustificati da quanto abbiamo visto in questi sette giorni. Se poi consideriamo che con la differenza tra l’iPhone 11 Pro Max e l’iPhone 11 ci si può comperare un iPad, ci sentiamo di prevedere che l’iPhone 11 possa avere molto più successo.
Le dimensioni ampie ma non eccessive dell’iPhone 11 lo rendono un’ottima scelta in quasi tutte le situazioni (mai troppo piccolo, mai troppo ingombrante). Pur se complessivamente meno performante lo schermo rimane di buona qualità in praticamente tutte le situazioni e, a nostro parere, nella visione di film non ha nulla da invidiare (facendocelo talvolta addirittura preferire) al pannello più performante, ma più piccolo, dell’iPhone 11 Pro. Le stesse considerazioni potremmo estenderle alla questione audi: il nuovo iPhone 11 suona decisamente potente e chiaro.
Nonostante i notevoli progressi rispetto al passato, l’iPhone 11 perde rispetto all’iPhone 11 Pro sostanzialmente solo nel pacchetto fotocamere. La qualità delle immagini è ottima, la fotocamera ultra grandangolare offre una grande flessibilità e permette interessanti giochi di prospettive ma, per quanto abbiamo provato e come abbiamo già spiegato, avremmo preferito l’accoppiamento con il teleobiettivo in stile iPhone XS e XS Max. Pensando a tutto il resto c’è poco da preoccuparsi: la potenza del nuovo A13 Bionic garantisce molta longevità e la batteria, anche considerando la perdita di efficienza, dovrebbe permettere di arrivare a fine giornata per almeno due o tre anni. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-15 01:03:50 | 91.208.130.85