Depositphotos (dasha11)
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
2 ore
Rosa Perrotta rivela il suo trucco post-parto: «Uso la panciera»
STATI UNITI
4 ore
Se Instagram ha detto basta ai prodotti-bufala per dimagrire è anche grazie a questa qui
REGNO UNITO
5 ore
Victoria Beckham loda Meghan Markle
STATI UNITI
6 ore
Il “ménage à trois” del rapper finisce a pugni e bottiglie lanciate
ITALIA
8 ore
Bianca Guaccero e l'ex Nicola Ventola, ritorno di fiamma?
STATI UNITI
9 ore
Sai che la tua security è zelante quando blinda pure tua madre
STATI UNITI
11 ore
La pioniera del porno Jessica Jaymes è stata trovata priva di vita a casa sua
ITALIA
11 ore
Eliana Michelazzo: «Ero la badante di Pamela Perricciolo»
ITALIA
14 ore
Erica Piamonte: «Stavo con Taylor Mega, ma mi ha tradito, si dovrebbe vergognare»
SVIZZERA
17 ore
Quella voglia sul viso da nascondere: «Mi chiedevano se fossi stata maltrattata»
ITALIA
17 ore
Kledi: «La mia relazione con Maria? Oggi ci ridiamo su»
STATI UNITI
1 gior
C'è un motivo se Camila Cabello nelle sue canzoni non dice parolacce
ITALIA
1 gior
Ilary Blasi in tv con il nuovo "Giochi Senza Frontiere": «Un sogno»
ITALIA
1 gior
I Thegiornalisti hanno già il sostituto di Tommaso Paradiso?
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift farà la mega-coach a The Voice
STATI UNITI
07.09.2019 - 18:140

Esiste il gene della sedentarietà

È stato identificato nei topi. Potrebbe avere implicazioni nell'inattività fisica anche nell'uomo

JEFFERSON CITY - Identificato nei topi un gene legato alla sedentarietà e che potrebbe avere implicazioni nell'inattività fisica anche nell'uomo. La ricerca, coordinata da Frank Booth, dell'Università del Missouri, è pubblicata sulla rivista Molecular Neurobiology.

«Ricerche precedenti hanno mostrato che i geni svolgono un ruolo nell'inattività fisica e - rileva Booth - poiché la sedentarietà porta a malattie croniche, volevamo identificare quali geni fossero coinvolti. Ne abbiamo scoperto uno in particolare, il gene Alfa inibitore della protein-chinasi, che svolge un ruolo significativo».

La ricerca, durata dieci anni, ha preso in esame 80 topi maschi allevati con altrettante femmine. I roditori sono stati posizionati su ruote da corsa volontarie, simili a quelle vendute nei negozi di animali, per esaminare quali corressero di più e quali di meno. È emerso che il gene Alfa inibitore della protein chinasi era significativamente meno presente negli animali pigri.

«Ciò che rende difficile la terapia genica - spiega lo studioso - è che la maggior parte delle malattie croniche non sono causate da un solo gene. Ad esempio, ci sono più di 150 variazioni genetiche coinvolte nel diabete di tipo 2. Tuttavia, questa ricerca apre la strada a quella futura per identificare altri geni che potrebbero essere coinvolti nell'inattività fisica anche nell'uomo». La chiave in cui agire, secondo Booth, è la prevenzione.

«L'inattività fisica contribuisce a oltre 40 malattie croniche - conclude - e invece di concentrarsi sui modi per curarle dopo che si sono già sviluppate, comprendere i fattori che contribuiscono all'inattività fisica potrebbe aiutare a prevenirle».
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 23:59:04 | 91.208.130.89