KEYSTONE
Il Jova Beach Tour è stato un evento di successo ma anche molto criticato.
+ 1
ITALIA
04.09.2019 - 17:150

Il Wwf difende il Jova Beach Tour

L'organizzazione risponde alle critiche circolate sul Web ma prende le distanze dalle frasi di Jovanotti sul mondo ambientalista italiano

ROMA - Il Wwf Italia ha difeso Jovanotti dalle critiche riguardanti i concerti estivi del Jova Beach Tour e il loro impatto ambientale.

L'organizzazione era partner degli eventi e per questo motivo è stata duramente bersagliata, con rimproveri e insulti. Nel contempo il Wwf ha preso le distanze dalla popstar, che sull'onda della polemica aveva definito il mondo ambientalista «più inquinato dello scarico della fogna di Nuova Delhi».

La presidente Donatella Bianchi ha dichiarato a Repubblica che le accuse verso di loro sono «un assurdo frutto di un malinteso, un po’ di invidia e malafede». È stata un'estate pesante per il Wwf: ««Sono stati mesi di attacchi assurdi a lui e al Wwf per i concerti sulle spiagge. Un processo alle buone intenzioni celebrato sui social. Siamo stati tempestati da accuse false, mosse da chi cercava 15 minuti di celebrità. Ma almeno ora si parla di spiagge derubate della sabbia, di lidi da proteggere». 

Come si è conclusa la vicenda? Le accuse sono arrivate soprattutto via social da privati che si nascondevano dietro nomignoli, o piccole associazioni locali che magari cercavano visibilità. E l’effetto rete ha moltiplicato gli insulti. Se i primi sono stati querelati, con le associazioni alla fine abbiamo chiuso con una stretta di mano».

KEYSTONE
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 17:26:38 | 91.208.130.87