CANTONE
03.07.2019 - 06:010

Da fiduciario a sommelier (per un giorno) di Shade

La particolare esperienza di Michele Crivelli, che qualche settimana fa è volato a Napoli per le riprese de “La Hit dell’Estate”

LUGANO - C’è anche un po’ del nostro cantone nell’ultimo video di Shade, noto rapper italiano. Oltre alla regia ticinese (DamnFilms), nelle riprese della canzone “La Hit dell’Estate” - un titolo che per ora non ha tradito le attese, visti i quasi cinque milioni di visualizzazioni raggiunti in poco più di una settimana - compare anche Michele Crivelli. Nulla di stupefacente, se non che Michele non ha praticamente niente a che fare con il mondo artistico, né tanto meno con quello musicale (e nemmeno con quello vinicolo). 

Fiduciario finanziario di professione, non è nuovo a iniziative originali e scelte fuori dagli schemi, come quando scelse di lanciarsi in un’esperienza hockeystica in Spagna. In questo caso, un paio di casualità (e un fenicottero) gli hanno permesso di conoscere uno dei suoi cantanti preferiti.

Michele, come sei finito a fare il sommelier di Shade?
Conosco il regista e sono un fan di Shade. Quando ho saputo che avrebbe girato un suo video ho chiesto di poter partecipare alle riprese. Alla fine (nonostante il caldo…) ne è uscita una bella festa e ho conosciuto molte persone fantastiche.

Era la tua prima esperienza davanti a una telecamera? 
No, avevo già preso parte per caso al video della canzone “Dove e quando” di Benji e Fede, in parte girato a Lugano. In quel caso però non interagivo con i personaggi come invece è avvenuto qui.

Come è nata questa tua passione per i videoclip?
Un po’ per caso. Per “Dove e quando” mancava un fenicottero e uno della produzione che mi conosceva mi ha chiesto se potevo portarlo. L’ho fatto e alla fine mi hanno “gettato nella mischia” - o meglio in piscina… - come comparsa. Da lì mi sono appassionato all’ambiente.

Come si sono svolte le riprese de “La Hit dell’Estate?
Il video è stato girato al Porto Beverello di Napoli, su due giorni. Il primo a bordo di un veliero, mentre il secondo giorno sono state effettuate le riprese all’interno, come quelle nello pseudo-ufficio della CIA.

Hai ricevuto un compenso?
No, tutt’altro. Posso dire di essermi spennato per andare a Napoli a girare il video. Ma è stata un’esperienza fantastica.

Hai avuto modo di conoscere Shade?
Shade è un mito. Una persona estremamente umile e autoironica. E poliedrica, perché sa alternare testi leggeri a testi più profondi. E poi ha un talento unico per il freestyle, in cui si cimenta spesso e volentieri.

Nel video c’è anche la nota influencer Ludovica Pagani. Di lei che idea ti sei fatto?
È una ragazza semplicissima e di una bellezza spaventosa. Quando l’ho vista per la prima volta si è accesa la luce… Anche lei comunque, da buona bergamasca, è molto alla mano e nonostante i due milioni e passa di followers non si è montata la testa.

Pensi che ci saranno altre esperienze come questa?
Spero di sì perché è un mondo affascinante. Molto distante dal mio e con un lato artistico che non conoscevo. Inoltre gli artisti sono molto disponibili ed è divertente vedere un loro lato che spesso è diverso da quello che si vede in tv o si legge sui giornali.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-24 11:34:58 | 91.208.130.86