SEGNALACI mobile report
focus
USI
13.06.2014 - 07:000

Salute e sicurezza: ai confini del supercalcolo partendo dal Ticino

Il supercalcolo ha sempre più impatto sulla nostra quotidianità, e il Ticino è presente.

 

Il supercalcolo ha sempre più impatto sulla nostra quotidianità: le simulazioni aiutano infatti a prevedere i temporali, aumentare la sicurezza dei voli, migliorare i farmaci antitumorali. Un esempio: quando in un grande aeroporto gli aerei decollano in rapida successione, la “turbolenza di scia” che si forma tra uno e l’altro può rivelarsi pericolosa. I supercomputer permettono di simulare tali turbolenze riducendo al minimo i rischi, grazie alla modifica della forma stessa dei velivoli.

L’esempio deriva dal lavoro del prof. Koumoutsakos, esperto di moti dinamici di aria e fluidi dell’ETH Zurich, uno dei protagonisti della conferenza Pasc2014 tenutasi la scorsa settimana a Zurigo, che ha offerto uno sguardo trasversale sulla ricerca condotta in Svizzera grazie ai supercomputer. Pasc, acronimo di Swiss Platform for Advanced Scientific Computing, è un'iniziativa delle università svizzere, coordinata dall'USI in collaborazione con il Centro Svizzero di Calcolo Scientifico.

Una rete che ha il proprio fulcro in Ticino, con diramazioni che toccano i migliori centri di ricerca svizzeri. PASC mira a migliorare gli algoritmi di calcolo e le condizioni quadro che permettono di gestire in modo efficiente enormi quantità di dati, creando occasioni di incontro interdisciplinari in grado di portare nuovi approcci di ricerca in molteplici settori.

Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 11:09:21 | 91.208.130.86