mobile report Segnala alla redazione
Fotolia
LUGANO
23.07.2018 - 07:000

«Il lavoro stanca ma la disoccupazione uccide»

Mi chiamo Maurilio, ho 61 anni, 3 figli, una moglie e non ho più una vita

 

Mio padre aveva una piccola azienda agricola di sussistenza in Valtellina e in estate faceva la stagione come manovale in Ticino. Nelle vacanze scolastiche lo aiutavo e ho imparato tanti lavoretti, anche perché non ero interessato alla scuola. Così l’ho lasciata appena ho potuto e ho fatto la gavetta nell’edilizia. Mi sono sposato con una ticinese e sono rimasto a Lugano lavorando come manovale fino a 55 anni. Poi la mia ditta ha avuto problemi e un calo delle commissioni, e hanno cominciato a lasciarci a casa per periodi e a farci lavorare a tempo parziale. All’inizio, sembrava di essere in vacanza ma poi all’inattività, all’insicurezza, alle difficoltà economiche si sono aggiunti dolori dappertutto e una fiacchezza generale. Dopo un anno di malattia mi hanno pensionato di forza ed le autorità hanno confermato una depressione endoreattiva. Il medico diceva che non avrei più dovuto preoccuparmi, ma io ho cominciato a dipendere economicamente dai figli e si è aggiunta la vergogna e il senso di fallimento...

Per molti uomini, il lavoro ha un valore centrale: tutto vi ruota intorno; anche la propria identità. L’inattività della disoccupazione viene vissuta con nervosismo e la perdita del ruolo sociale di lavoratore vissuta con vergogna. La reazione depressiva è frequente e può essere peggiorata dal pre-pensionamento, ovvero dall’esclusione dal mondo del lavoro prima dell’età AVS. E così, una rendita per invalidità, invece di sollevare dalle incertezze, aumenta la depressione che, spesso, al calo dell’umore aggiunge dolori fisici di vario genere. Per queste persone, è importante trovare delle attività, anche solo di volontariato, che le aiuti a ritrovare un’identità sociale.

Roberto Ballerini, psicoterapeuta, ASI-ADOC 

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-12 15:59:53 | 91.208.130.86