Segnala alla redazione
Deposit
ULTIME NOTIZIE Pro Juventute
PRO JUVENTUTE
10 mesi
Buon anno e... arrivederci!
Non è un addio. Siamo partiti alla metà del 2012 e da allora abbiamo lavorato, settimanalmente per informare e riflettere sulle questioni legate alle politiche dell'infanzia e della gioventù
PRO JUVENTUTE
10 mesi
Per Natale un solo desiderio: non risparmiare sui giovani
Le politiche giovanili rappresentano una forma di ricchezza sulle quali troppo spesso si tende a "tagliare"
Pro Juventute
10 mesi
Le festività come un'importante e divertente occasione di esperienza educativa
L'importante è che tali ricorrenze non si sostituiscano a noi e che non diventino un modo per cercar di far banalmente quadrare i conti, magari in rosso, nella contabilità affettiva
PRO JUVENTUTE
10 mesi
La parola ai giovani
I ragazzi hanno sempre inventato e sviluppato parole nuove, mettendocele a disposizione affinché i nostri ragionamenti siano ancora più profondi di quanto fino ad oggi siano stati
PRO JUVENTUTE
11 mesi
La rabbia dei giovani
Oggi i ragazzi non sono in grado di riconoscere le emozioni, e di gestirle in modo adeguato
CANTONE
11 mesi
Educazione per i giovani: «I genitori sono liberi di scegliere?»
Una riflessione sul grado di libertà delle famiglie e sulla pressione che queste subiscono dall'esterno
PRO JUVENTUTE
11 mesi
L'educazione è ovunque
Che piaccia o no, siamo tutti un modello di educazione. Nessuno può tirarsi indietro
PRO JUVENTUTE
12 mesi
Capire fino in fondo il valore dell'infanzia e della gioventù
Spesso le politiche giovanili vengono sostenute perché sono un aiuto alle politiche familiari, e non perché importanti in quanto tali
PRO JUVENTUTE
1 anno
Una storia a lieto fine
Immaginiamo cosa possiamo fare per i ragazzi e facciamolo
PRO JUVENTUTE
1 anno
Bambini e diritti, parlarne per provare a comprendere
Imbastire una discussione, capacitarsi della prospettiva dell'altro (magari proprio per convincersi che la propria è davvero valida), costruire un terreno comune fatto di concetti e prospettive
PRO JUVENTUTE
1 anno
Lunedì calcio, martedì pianoforte, mercoledì nuoto, giovedì...
Alcuni genitori hanno difficoltà nello scegliere con i loro figli le attività. Non bisogna credere che se non si fa tutto si rimane indietro
PRO JUVENTUTE
1 anno
Come scegliamo di educare i giovani?
Fino a che punto le decisioni che prendiamo relative all'educazione dei giovani sono il frutto di una nostra scelta e non il risultato di un "non se ne può fare a meno"?
PRO JUVENTUTE
1 anno
I bambini stanno già dando un contributo importantissimo alla società
La loro necessità di appartenere ad una comunità si trasforma nella possibilità per noi adulti di misurarci con la nostra capacità di considerarli tali
PRO JUVENTUTE
1 anno
Tutto e subito, un modello che non si può applicare alla conoscenza
Riappropriarsi dei tempi della vita è importante per poter crescere in un modo sano ed equilibrato
PRO JUVENTUTE
1 anno
Un titolo di studio non fa il... monaco
L'apprendistato non va sminuito. Anzi, è vitale per la crescita di un paese
PRO JUVENTUTE
13.12.2018 - 07:000

Cosa rimarrà di noi dopo che il processo di digitalizzazione sarà cominciato?

La futura situazione, ancora tutta da definire, offre lo spunto per pensare a quello che invece rimane fuori dalla digitalizzazione

 

Le nuove tecnologie sono ormai entrate nella nostra quotidianità. La digitalizzazione delle relazioni con tutto quello che ci sta attorno (persone e cose) sembra essere un tema di forte attualità. Bisogna pensarsi come chi si rapporta alla vita non più come prima avveniva, ma secondo forme nuove, fatte di software, algoritmi e hardware.

Bene. Questo nuovo scenario, ancora tutto da definire (non lasciamoci scappare l'occasione) ci offre lo spunto per pensare a quello che invece ci rimane, "fuori" dalla digitalizzazione. Cosa andrà a contraddistinguerci (forse la domanda andrebbe già posta all'indicativo presente) in quanto persone, individui con un nome e un cognome - appunto – unico e a differenziarci ognuno dagli altri al punto tale da poterci ancora ritenere una singola persona con un proprio patrimonio di intelligenza, sensibilità e emozioni? Cosa ci rimarrà dopo che il processo di digitalizzazione (che, badiamo bene, non sarà qualcosa di semplice come un viaggio su un'automobile o un treno o un aereo che si guidano da soli…) sarà definitivamente incominciato? Su cosa di importante potremo contare quando guarderemo a noi stessi?

Chi si occupa di educazione non può esimersi da porsi tale questione poiché, lo sappiamo, in educazione sono le singolarità, le individualità che contano, poiché è solo a partire da queste che si può iniziare a parlare di collettività. E allora, al di là del saper insegnare a usare correttamente le nuove tecnologie e di essersi inseriti agevolmente nei processi di digitalizzazione della società, di cosa sarà chiamata ad occuparsi la futura educazione? Provare a rispondere a questa domanda significa – paradossalmente – fare astrazione da quanto le nuove tecnologie offrono andando invece a indagare ciò che ci contraddistingue come adulti, genitori, persone che si occupano di bambini e di giovani, obbligandoci a sortire dei "perché" che guardano sia molto lontano, sia dentro ognuno di noi.

Articolo di Ilario Lodi, Responsabile Pro Juventute Svizzera italiana

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 08:15:03 | 91.208.130.87