Segnala alla redazione
Deposit
PRO JUVENTUTE
25.10.2018 - 07:000

Capire fino in fondo il valore dell'infanzia e della gioventù

Spesso le politiche giovanili vengono sostenute perché sono un aiuto alle politiche familiari, e non perché importanti in quanto tali

 

A volte, chi fa il mio mestiere, rimane veramente basito davanti alla leggerezza con la quale le politiche dell'infanzia e della gioventù vengono considerate. Mi vien da chiedere: ma veramente (dico: veramente; faccio cioè un discorso di verità)… dicevo: veramente le politiche dell'infanzia e della gioventù sono importanti per chi vive e chi abita in questo Cantone, per ciò che esse veramente sono, nella loro essenzialità (che è quella legata al bisogno dei più piccini e dei giovani di crescere) e in quanto necessarie (poiché i bambini e i giovani hanno dei bisogni che non possono soddisfare se non con l'aiuto – anche finanziario – degli adulti)?

Me lo chiedo perché sempre più frequentemente le politiche giovanili vengono sostenute poiché sono un diretto o indiretto aiuto alle politiche familiari, non perché importanti in quanto politiche giovanili (e altrettanto facilmente si tagliano i crediti destinati a queste politiche se le esigenze famigliari vengono a cadere).

L'infanzia e la gioventù sono un valore in sé, il più nobile dei valori che contraddistinguono la democrazia in cui viviamo, e non solo. Non rendersene conto significa esercitare un potere sul futuro delle giovani generazioni odierne che è cieco agli effetti deleteri che sta generando e che quindi – nella migliore delle ipotesi – vale quel che vale.

E allora dico: o siamo seri e consideriamo le politiche dell'infanzia e della gioventù (parlo di tutto quanto succede al di fuori della scuola e dello sport o simili, tanto per capirci) e mettiamo a loro disposizione in mezzi per poterle coltivare e sviluppare, o le lasciamo unicamente ad un dominio privato, assumendoci la responsabilità della scelta che – come Paese e come Amministratori di questo Paese: cantonali e comunali – formuliamo.

Articolo di Ilario Lodi, Responsabile Pro Juventute Svizzera italiana

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 03:04:06 | 91.208.130.86