SEGNALACI mobile report
focus
(c) Mauro Zeni
MUSEO VINCENZO VELA
10.04.2017 - 06:000

L’arte e la bellezza sulla via dell’integrazione

Ogni settimana una decina di adolescenti provenienti dal Corno d’Africa e Medio Oriente varca la soglia del Museo. Alla scoperta di Vincenzo Vela, dei suoi eroi e delle sue battaglie per la libertà

Da più di dieci anni, il Museo Vincenzo Vela è attivo nell’ambito dell’accoglienza ai richiedenti l’asilo e da oltre due anni si propone come centro di attività culturali e artistiche per i minorenni del foyer della Croce Rossa. In accordo con questi ultimi, il servizio di mediazione culturale del Museo ha sviluppato una serie di progetti incentrati su diverse tematiche, come ad esempio la Via delle spezie: un erbario per far scoprire parole nuove, per arricchire il vocabolario di chi non è madrelingua, ma anche come spunto per parlare di sé, per favorire l’incontro e che ha portato anche alla realizzazione di veri e propri taccuini di viaggio.

Perché un museo?

Il percorso di integrazione dei richiedenti l'asilo – spiegano i responsabili della Croce Rossa - passa attraverso tutte le forme di attività sociale che rendono la società stessa dinamica e in continua evoluzione. La scuola, lo sport, un gruppo di aggregazione: tutto rende il tessuto sociale vivo e permette un costante confronto culturale e generazionale. Poter entrare in un museo, che rappresenta una delle forme di cultura e di comunicazione più aperte, permette a tutti di entrare in contatto con ciò che l'uomo fa e produce, e diventa testimonianza di un'epoca e di uno spirito. Il museo, centro di aggregazione, oltre che di cultura e visita, diventa uno dei luoghi ideali dove mettersi in gioco, confrontarsi e conoscere. Si parla, si sta assieme, si crea, si conosce: è un'integrazione nell'integrazione.

Perché proprio il Museo Vincenzo Vela?

Perché Vela ha donato la sua casa-museo alla Confederazione affinché diventasse un luogo aperto a tutti, un luogo d’accoglienza, in particolare per i giovani, tanto che pensava di aprire addirittura un’accademia. Con questo spirito il Museo ha sviluppato nel corso degli anni un’attitudine particolare per la mediazione culturale, per l’incontro tra le comunità locali e quelle etniche e migranti presenti sul territorio.

Perché tutto questo?

I nostri obiettivi – raccontano le responsabili del servizio di mediazione del Museo – tengono ben presente l’esigenza dell’inclusione. L’intento è anche di coinvolgere persone del luogo e di far loro conoscere questa realtà, tentando di concretizzare l’armonia fra culture, situazioni e contesti diversi. L’arricchimento reciproco può essere raggiunto solamente attraverso la conoscenza e il dialogo. L’arte e la bellezza costituiscono un valore aggiunto a questo lavoro di armonizzazione e di integrazione, offrendo inoltre delle eventuali opportunità di interesse e di conoscenza di professioni, che un giorno potrebbero diventare le loro.

Potrebbe interessarti anche
Tags
integrazione
museo
vela
vincenzo
mediazione
arte
via
bellezza
vincenzo vela
luogo
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-20 14:18:29 | 91.208.130.86