mobile report Segnala alla redazione
Fotolia
ZURIGO
25.04.2018 - 07:000
Aggiornamento 07:29

Räuschling, piccolo gioiello zurighese

Un vino d’eccellenza prodotto ormai solo nella Svizzera tedesca

 

ZURIGO - Il Räuschling è un vino conosciuto, ma non abbastanza. Parliamo di un bianco frizzante che viene prodotto in quantità piuttosto limitate e ormai solo a ridosso del Lago di Zurigo: senza esagerare, però, potremmo dire che rappresenta davvero un prodotto d’eccellenza della Svizzera tedesca.

Un piccolo tesoro poco celebrato, ma proprio per questa ragione chi lo scopre può godere del singolare piacere del consumatore di nicchia, di colui che gode nell’osservare gemme sconosciute ai più.

Il Räuschling affonda le sue origini in Germania: è, infatti, un antico vitigno tedesco dell’area di Landau, diffuso poi anche in Alsazia, nel Württemberg e solo successivamente in Svizzera.

Deve il suo nome al verbo tedesco “rauschen”, che si riferisce al rumore che il vento produce quando passa tra le foglie di vite.

Da ricerche genetiche è venuto fuori che il Räuschling è un incrocio tra il Savagnin e il Gouais, due vitigni molto diffusi nel Medioevo, epoca alla quale, appunto, si fa originare la nascita del Räuschling.

Attualmente, questo vitigno è completamente estinto in Germania: il Räuschling viene prodotto solo nella Svizzera tedesca, attorno al Lago di Zurigo.

Si tratta di un vino bianco leggero e piacevolmente frizzante, dotato di una buona acidità e di note fruttate che ne esaltano la freschezza: quando lo si assaggia si nota, in particolare, un delicatissimo ma appagante sentore di limone. Utilizzabile come vino da aperitivo, dà veramente il meglio di sé quando si accompagna a piatti di pesce.   

 Articolo sponsorizzato da SellWine 

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-10 05:58:12 | 91.208.130.87