SEGNALACI mobile report
focus
Fotolia
ITALIA
21.02.2018 - 07:000

Un vitigno, un nome nel mondo, una bella storia

Il nebbiolo, chiamato anche con vari sinonimi a seconda delle regioni geografiche d’Italia

 

TORINO - Il Nebbiolo ha un nome particolare e sulle sue origini le ipotesi sono due. La prima lo mette in relazione all’abbondante “velo” di pruina che ricopre il colore viola degli acini di toni grigio-argentati quasi “annebbiandoli”. La pruina è una sostanza cerosa che ricopre la buccia dell’acino e gli conferisce un aspetto vellutato ed influisce sul colore del grappolo.

La seconda sostiene che a condizionarne l’aspetto siano le nebbie che aleggiano sulle colline nell’epoca tardiva in cui queste uve vengono vendemmiate, di solito verso metà ottobre.

Il Nebbiolo è un grande e nobile vitigno a bacca nera, da cui derivano vini importanti e famosi come il Barolo ed il Barbaresco.

Il Nebbiolo viene chiamato anche con diversi sinonimi come Spanna nelle aree piemontesi di Boca, Bramaterra, Fara, Gattinara, Ghemme, Lessona e Sizzano, oppure In Valtellina prende il nome di Chiavennasca con il quale si produce lo Sforzato o Sfursat di Valtellina. Il Nebbiolo è molto usato anche in Valle d'Aosta, dove è chiamato Picoutener.

Il Nebbiolo è tra i vitigni più difficili da coltivare, questo spiega come mai un vitigno così nobile sia poco coltivato, circa 5’500 ettari in tutto il mondo, in prevalenza in Italia.

Il Nebbiolo però è qualitativamente tra i vini più pregiati in Italia e compete egregiamente con i migliori vini rossi stranieri.

Articolo scritto da SellWine

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-24 12:11:11 | 91.208.130.86